Console-Tribe Awards 2010 - CTA

Aspettate. Lasciate ancora un attimo gli spumanti al fresco e lo zucchero a velo nella bustina. Concedete ancora qualche minuto all'anno che ci sta lasciando, se lo merita, almeno dal punto di vista videoludico. Arrivati alla terza edizione, i Console-Tribe Awards non sono stati mai cosi' discussi all'interno della redazione come e' avvenuto in queste ultime settimane. I CTA sono la sublimazione di esperienze, preferenze e valutazioni differenti vissute e provate nel corso dei dodici mesi da tutta la redazione. Ma adesso bando alle ciance, e' ora di tirare le somme!

Aspettate. Lasciate ancora un attimo gli spumanti al fresco, lo zucchero a velo nella bustina e i fuochi artificiali al sicuro delle vostre case. Concedete ancora qualche minuto all’anno che ci sta lasciando, se lo merita, almeno dal punto di vista videoludico. Di questi tempi, avevamo salutato il 2009 senza rimpianti, un anno piuttosto povero sia per la quantità sia per la qualità dei videogiochi pubblicati, fatta eccezione per qualche conferma e piacevoli sorprese. Il 2010, al contrario, verrà ricordato come una delle stagioni migliori per gli appassionati dei videogames: un’ottima annata, facendo omaggio a Peter Mayle. Quasi ogni genere di quella che possiamo considerare un’arte moderna, infatti, è stato degnamente rappresentato da titoli che hanno sfiorato la perfezione in ogni comparto: se dal punto di vista del giocatore, ciò ha reso davvero difficile la scelta su quale titolo acquistare, dal punto di vista “giornalistico” la difficoltà è quella di premiare i titoli in base ai loro pregi e difetti.
Arrivati alla terza edizione, i Console Tribe Awards non sono stati mai così discussi all’interno della redazione come è avvenuto in queste ultime settimane, mai i redattori si sono così scontrati per far valere le proprie motivazioni e argomentazioni. I CTA sono la sublimazione di esperienze, preferenze e valutazioni differenti vissute e provate nel corso dei dodici mesi da tutta la redazione, composta, come sapete, da giocatori che giocano e scrivono per altri giocatori. Alla luce di questa fondamentale precisazione, va interpretato lo sforzo di dare massima importanza ai giudizi della nostra community che, così, ha avuto l’onere e l’onore di votare ben sedici award. La redazione ha mantenuto i suoi ormai classici award, il che rende ancora più interessante e stimolante un confronto tra le diverse assegnazioni. 
Rubiamo ancora poco tempo per ringraziare tutti i nostri utenti e visitatori per il sostegno, i complimenti ma soprattutto le critiche costruttive che stimolano continuamente la nostra crescita editoriale: la promessa è quella di crescere ancora insieme a voi e di regalarvi molte sorprese nel corso nel 2011.
Bando alle ciance, è ora di tirare le somme!