Call of Duty non abbandonerà l’uscita annuale secondo noto insider

Call of Duty Vanguard ha debuttato solo da un paio di giorni, ma in Activision come sappiamo ci vedono lungo e i vari team al lavoro sulla serie FPS stanno già pensando al capitolo del prossimo anno che sembra essere Modern Warfare 2, il sequel del titolo uscito nel 2019 ad opera di Infinity Ward.

Nelle ultime ore ha iniziato a circolare sul web la voce che Activision starebbe riconsiderando l’idea di far uscire un nuovo capitolo ogni anno per motivi non meglio precisati. I rumour sono partiti da un presunto insider che sta salendo alla ribalta per non si sa quali meriti visto che non ha nessuna credenziale che lo rende attendibile (motivo per il quale finora non vi abbiamo riportato sulle nostre pagine un rumour proveniente da lui). Comunque a prescindere dall’affidabilità o meno del presunto insider, a silenziare tutte le voci di corridoio ci ha pensato il ben noto insider Tom Henderson, fonte che si è rivelata sempre molto affidabile non solo quando si parla di Call of Duty, ma anche di Battlefield (e più in generale di EA), Rockstar Games e altre software house. Henderson ha infatti bollato come “ca**ata” il rumour secondo cui Call of Duty non sarà più annualizzato.


La Task Force 141 fa il proprio atteso ritorno con una squadra internazionale di iconici veterani che comprende il capitano John Price, Simon “Ghost” Riley, John “Soap” MacTavish, Kyle “Gaz” Garrick e il Colonnello Alejandro Vargas delle Forze speciali messicane.