Recensione di Need for Speed Carbon - Recensione

Recensione di Need for Speed Carbon di Console Tribe

Abbiamo già avuto modo di vedere le potenzialità del gioco sul
capitolo precedente, ovvero NFS: Most Wanted, ed il nuovo nato di casa
Eletronics Arts di certo non ci lascia con l’amaro in bocca.
Sviluppato
da EA Black Box, Need for speed: Carbon ripropone i punti di forza dei
fratelli maggiori prendendo qua e la ciò che aveva fatto fare il botto
negli episodi Nfs Uderground e perché no anche sulle vecchie versioni
PC.
All’avvio del gioco una graziosa signorina ci mette in guardia
dandoci dei consigli che, seppur ovvii, è sempre bene tenere a mente.
Il
menu del gioco ci permetterà fin da subito di avviare il divertimento
puro in: modalità Carriera, modalità Xbox Live ed modalità Serie sfide.
Il
gioco come i suoi predecessori permetterà con l’avanzare della carriera
di montare / modificare sulla vostra auto di tutto e di più, dal
motore, cerchi, carrozzeria, finestrini, vernice con la novità che
potrete personalizzare a fabbricare da voi pezzi di ricambio per la
carrozzeria dando la forma che più vi aggrada.
Il reparto auto è di
tutto rispetto con oltre 50 autovetture di tutti i tipi dalle
utilitarie alle auto di una volta sino super sportive.
La Carriera
inizia con il solito inseguimento, ma c’è qualcosa di nuovo, e ci
troveremo a scappare da un auto lungo un canion particolarmente
tortuoso seduti sopra un bolide che perderemo ben presto.
Tutto ciò
porta alla mente alcune scene tratte da un recente film di successo
sulle corse clandestine, che conoscerete sicuramente, Fast and furious
Tokio drift.
Dopo qualche curva troveremo la strada interrotta e
l’auto che avevamo alle calcagna ci bloccherà la strada. Da questa auto
verrà fuori un personaggio, che abbiamo già avuto modo di conoscere sul
Most Wanted, il quale cercherà di metterci i bastoni fra le ruote, è un
cacciatore di taglie, infatti su di noi pende una taglia di ben 150.000
dollari.
In nostro soccorso arriveranno altri personaggi, che hanno
avuto un ruolo chiave nel finale di NfsMW, in particolare uno ci
offrirà inizialmente il suo aiuto per farci rientrare nel giro delle
corse clandestine.
La nostra nuova carriera inizierà con la scelta
tra tre auto di classe1, abbastanza discreta, che dovremmo modificare a
nostro piacimento per migliorarne le prestazioni e l’estetica. Questa
auto dovremmo ben presto sostituirla con una di maggiore potenza e di
classe superiore, infatti con l’andare del gioco gli avversari avranno
al loro servizio macchine sempre più potenti e noi di conseguenza
dovremmo adeguarci. Il gioco in modalità carriera ci vedrà lottare per
la conquista della città di Palmont, essa è suddivisa in quattro macro
zone controllate dai quattro team più forti della città e infine tre
canion per le sfide decisive.
Per iniziare dovrete conquistare la
zona di Fortuna controllata dal team T.F.K., ed in diverse occasioni la
vostra bravura alla guida non basterà per farvi vincere e qui entra in
gioco la squadra. Ebbene si in questo nuovo NFS è stata aggiunto un
team di supporto.
Facendo salire la vostra reputazione i migliori
corridori della città vi contatteranno per entrare nel vostro team e
aiutarvi in diverse occasioni. Ciò l’avevamo già visto su un gioco
simile, ovvero su Juiced.
Gli aiuti pilota sono divisi per genere di
aiuto che un dato pilota può offrici durante la gara, avremmo quindi
gli “aiuto blocco” i quali faranno da tappo rallentando gli avversari o
mandandoli fuori strada, al nostro ordine, durante le fasi che noi
riterremo importanti, poi ci sono gli “aiuto scia” che ci aiuteranno a
prendere velocità raggiungendo picchi irraggiungibili senza tale aiuto
e infine i “ricognitori” che scoveranno per noi scorciatoie.
Al
nostro fianco avremmo Nikki una graziosa signorina che ci aiuterà a
districarci nella città con suggerimenti ed aiuti, mentre il nostro
primo aiutante e collega di team sarà Neville. Durante la carriera
saremmo contattati al momento opportuno da altri cinque piloti e ci
sarà anche una piacevole sorpresa.
Una volta conquistate tutte le
gare della zona Fortuna dovremmo vedercela contro il boss Wolf nel
canion, e ciò avverrà ogni volta che dovremmo sfidare il boss di zona,
in West canion, East canion e Carbon canion.
La gara nel canion si
svolgerà in 2 fasi ad inseguimento, nella prima fase ci vedrà inseguire
il boss lungo le stradine tortuose, cercando di mantenere la minore
distanza possibile tra il boss e noi. La gara potrà concludersi prima
della seconda manche se saremmo cosi bravi da riuscire a sorpassare il
boss nella prima fase per il tempo necessario a far si che il countdown
termini. Questa sfida sebbene ci veda contro un solo avversario sarà di
vitale importanza per l’avanzare della nostra carriera, dovremmo
infatti impegnarci ben quattro volte nel canion per conquistare le zone
di Fortuna, Kempton controllata dal team 21 Street Crew, Downtown
controllata dal team Bushido e Silverton controllata dagli Stacked Deck.
Non è finita qui infatti una volta conquistata una zona dovremmo difenderla dagli attacchi di altri team, e qui inizia il bello.
Mentre
durante la conquista di una zona dovremmo confrontarci in gare di
sprint, drift, circuito, checkpoint ed autovelox, nelle gare di difesa
saremmo catapultati in gare dette a “battaglia” nelle quali saranno
presenti 20! auto pronte a metterci i bastoni fra le route.
Se avete
fatto caso a quanto scritto sopra ho nominato la parola drift, ebbene
si un gradito ritorno visto che nel Most Wanted tale modalità di gara
di sgommate non era presente.
Durante le gare o nel garage potrete
scattare le foto ai vostri gioiellini solo se collegati ad Xbox Live e
potrete salvarle sul sito needforspeed.com e salvarle successivamente
sul vostro PC.
Seppur la longevità della modalità carriera lascia
a desiderare, infatti basteranno non più di 15 ore di gioco per
terminarla, il gioco offre ancora tanto con la modalità “Serie sfide”
che vi vedrà impegnati in 36 nuove sfide che metteranno a dura prova le
vostre abilità di guida e infine il gioco online!
Interminabile!
Instancabile! Eterno! Questa è la vera anima del gioco. Su Xbox Live
potrete mettere alla prova le vostre abilità di guida ed i vostri
bolidi, che avete costruito / modificato col sudore durante la carriera
off-line, in sfide interminabili con gli amici, per un massimo di 8
giocatori per partita, ed in sfide classificate per scalare la
classifica dei migliori.

GRAFICA

Il
reparto grafico del gioco non fa gridare al miracolo anche se qualche
miglioramento rispetto al Most Wanted c’è stato, soprattutto per quanto
riguarda i riflessi e textures più dettagliate. Le auto sono riprodotte
esternamente tali e quali alla controparte reale, cosa che oggi tutte
le case produttrici di videogiochi di corsa cercano di fare per rendere
quanto più realistico possibile il proprio prodotto.
Gli effetti
luce sono il punto forte del gioco, infatti le ambientazioni notturne,
non dimentichiamo che essendo un gioco ambientato nel giro delle corse
clandestine il tutto si svolge sempre alla luce della luna, rendono
impeccabile il paesaggio e non disturbano nemmeno nelle azioni più
concitate del gioco anzi provocano un esplosione di sensi agli occhi di
chi guarda che non può far altro che rimanere estasiato da cotanto
luccichio. Il fumo generato dalle sgommate sull’asfalto, le esplosioni
e le animazioni che introducono al gioco sono realizzare con
particolare cura, infatti sebbene coloro che parleranno durante il
gioco per renderci chiaro il da farsi siano persone in carne ed ossa,
esse sono inserite in un paesaggio digitale ottimamente realizzato. La
vernice della carrozzeria risentirà delle collisioni, a fine gara
infatti potrete notare come il vostro bolide il più delle volte
riporterà purtroppo dei graffi che lo rovinano visibilmente.
Nfs
Carbon un punto debole lo ha, ed è dato dal poco uso
dell’anti-aliasing, infatti tale difetto si nota non tanto sui paesaggi
quanto sulle auto durante la corsa, anche se non esagerato. Sicuramente
ci si aspetterebbe di più da un gioco per xbox360 visti soprattutto gli
ultimi capolavori di ottobre.
Da segnare anche un leggero calo nel
frame rate durante le gare battaglia, probabilmente il codice non è
ottimizzato abbastanza per reggere 20 autovetture su un’unica schermata.

AUDIO

Il
reparto audio è di tutto rispetto, il gioco è completamente in
italiano, anche il parlato, ed ha un colonna sonora in stile col gioco.
Sono presenti 30 brani musicali che vanno dal genere hip hop/grime al
rock e all’electro che ci accompagneranno durante le gare dando quella
carica in più che serve in questi frangenti.
Se giocato con un
impianto home theatre il gioco da il meglio di se, vi sembrerà di
essere veramente seduti dentro il vostro mostro a 4 route.

CONCLUSIONI:

Per
concludere, il gioco è quanto di più divertente ci possa essere:
modificare la propria auto da quel tocco in più che lo rende unico e,
anche se la grafica non è eccelsa, viene compensata da tante piccole
cose che fanno di questo gioco un racing arcade da avere ad ogni costo.
La
parte online infinita potrebbe scoraggiare chi non ha un abbonamento ad
Gold ad Xbox Live, ma potrebbe pure convincere chi non lo ha a fare il
grande passo ed entrare nel magico mondo del gioco online.
La
maggior parte degli obiettivi, ben 50, infatti sono destinati alla
parte online del gioco che andranno conquistati a suon di sportellate,
derapate e quant’altro.
Cosa aspettate? Siete ancora qui? La velocità, il divertimento e l’adrenalina la trovate su Nfs carbon.

Pro:

  • Grafica buona.
  • Audio ed effetti sonori offrono ciò che ci si aspetta da NFS.
  • Modalità live interminabile, eterna e divertimento garantito.


Contro:

  • Modalità carriera abbastanza corta.
  • Il poco uso di anti-aliasing si fa notare.