NEO: The World Ends With You - Recensione

Correva l’anno 2007 quando la cara e gloriosa Square Enix, e la mente geniale di Tetsuya Nomura, fece dono ai possessori del Nintendo DS del primo The World Ends With You. Un JRPG di stampo action indubbiamente stiloso che riusciva a fare grande uso del doppio schermo messo a disposizione dalla console portatile di casa Nintendo. A distanza di 15 anni mamma Square ha deciso di rispolverare il titolo con un sequel di un certo fascino, regalando agli amanti dell’originale una chicca preziosa ed allo stesso tempo un buon punto di partenza anche per chi ignorava l’esistenza di questo brand, il tutto proprio grazie a questo NEO: The World Ends With You.

 

Il Gioco dei Demoni

Così come nel primo capitolo i personaggi da voi interpretati si ritroveranno catapultati in un mondo alternativo dove i Demoni la fanno da padrone. Dopo un primo contatto ed un giusto momento di ambientazione capirete che stanno capitando cose brutte e cattive e che solamente a voi spetta il compito di sopravvivere in una realtà dove tutti vogliono farvi la pelle, cercando nel frattempo di salvare il mondo… o comunque almeno un quartiere di Tokyo! Ebbene sì, tutto il gioco viene ambientato nella meravigliosa e caratteristica Shibuya, uno dei quartieri di Tokyo più conosciuti nel mondo. Il famoso incrocio stradale di Shibuya fa da perno al resto delle aree di gioco che esplorerete più e più volte nell’arco della campagna di gioco. Il centro commerciale 109 viene sostituito dal palazzo 104 nel gioco, così come altri edifici e negozi vedono piccole modifiche a nomi e particolari. Ma è certo che per chi ha avuto la fortuna, come il sottoscritto, di conoscere il quartiere di persona, sarà possibile rivivere stupende emozioni nel vedere certi luoghi ed edifici. Le vicinanze con il mondo reale, comunque, non si fermano qua: ad esempio il protagonista è un amante del gioco FantaGO, un titolo catch ‘em all basato su mostri da trovare in giro per la città tramite un’applicazione nel cellulare…Ma tornando a parlare del titolo, il protagonista principale, che risponde al nome di Tamarindo (Rindo per gli amici), si ritroverà invischiato nel Gioco dei Demoni dove insieme all’amico Fret, e ad altri compagni che si uniranno al gruppo con il passare delle ore, dovrà cercare di vincere il gioco in questione per ritornare nel proprio mondo. E si sa, c’è sempre da fidarsi della parola di un demone… o di due demoni. O di molti demoni.

Questa spilla è davvero stilosa

Il titolo si presenta come un classico JRPG di stampo action: controllerete il personaggio nei vari spostamenti fra le varie zone di Shibuya cercando di vincere il dannato Gioco dei Demoni, ed affronterete dei nemici mostruosi dalle varie forme che prenderanno il nome di Rumori. Ce ne saranno di varie forme e dimensioni, molti tratti dal regno animale ma non solo, dato che affronterete scorpioni, rane, uccellacci famelici e quant’altro, ma vi potreste ritrovare di fronte anche tirannosauri, sfere esplosive e molto ancora. Lo stile grafico adottato per il gioco intero farà si che, per quanto assurdi siano le mostruosità da sconfiggere, comunque ben si amalgameranno con il resto del titolo. Una volta in battaglia appariranno sul campo tutti i vostri compagni di gruppo ed è qua che inizia la musica. Ebbene sì, proprio la musica diventa molto importante nei combattimenti, poiché dovrete cercare di utilizzare nel momento opportuno le varie abilità speciali con cui avrete equipaggiato i vostri eroi. In queste sezioni entrano in gioco, come nel primo capitolo, le importantissime spille. Ogni spilla darà accesso ad un determinato tipo di attacco, che sia corpo a corpo o all’arma bianca, un raggio continuo dalla distanza, un calcio volante, il far apparire dei tornado intorno a sé, lanciare bombe, e molto altro. Ogni vostro personaggio avrà una spilla equipaggiata, e ad ognuna sarà assegnato un tasto da premere per utilizzarla. L’attacco continuato con una data spilla o abilità innescherà un Beat, cioè la possibilità di colpire il solito bersaglio con una abilità differente per ottenere un punteggio sempre più alto durante lo scontro stesso. Man mano che il gioco progredisce nella storia vi sarà possibile utilizzare questo punteggio per effettuare attacchi devastanti sempre più potenti. Starà a voi quindi cercare di dare le giuste abilità ai vostri eroi in modo da concatenare più facilmente i vari colpi ed avere sempre il giusto Groove. Spesso vi capiterà di non vedere cosa sta succedendo realmente sul campo di battaglia perché sarete concentrati sul cercare di utilizzare nel migliore dei modi le vostre abilità. Il tutto condito da un comparto sonoro e musicale di altissimo livello che vi poterà entusiasmo e senso di soddisfazione ad ogni fine battaglia. Ed essendo un gioco che concentra tutto sullo stile, ad ogni vostra battaglia verrà assegnato un voto: più sarete stati stilosi sul campo, più esperienza, spille e denaro otterrete come ricompensa. Fidatevi, arriverà un punto in cui cercherete di affrontare non solo un combattimento alla volta, ma di concatenarne svariati di seguito, restando li a combattere per interi minuti, anche decine a volte, ma con il sorriso stampato sulle labbra.

Vestiti all’ultimo grido

Se le spille sono importanti per gli attacchi da effettuare nei combattimenti, saranno di uguale importanza i vestiti con cui affronterete le varie sfide che la dura vita nel regno dei demoni vi parerà di fronte. Nei bellissimi negozi sparsi nelle zone di Shibuya potrete acquistare centinaia di capi di vestiario differenti, ognuno dotato di modificatori alle caratteristiche, nonché di abilità secondarie e bonus passivi. Decine di brand, come il famoso Gatto Nero, l’aggressivo Tigre Punks, il molto casual Shepherd House, lo sportivo Jupiter of the Monkey ed il lussuoso Il Cavallo del Re, vi offriranno vestiti sempre migliori e più costosi ogni volta che acquisterete da loro, diventando clienti affezionati. Alcuni abiti vi offriranno attacco migliorato, più punti ferita per il gruppo o difese, altri potrebbero potenziare determinati tipi di attacco o spille, altri ancora garantiranno ulteriori bonus giganteschi, ma solamente a patto che il vostro personaggio indossi da capo a piedi abiti di un determinato marchio. In gioco sarà possibile acquistare veramente centinaia di pezzi differenti, starà a voi capire quale sia il migliore in base anche alle spille equipaggiate o al vostro stile personale. Di certo passerete ore a decidere cosa indossare, peccato solamente che la grafica del personaggio non cambi in base a ciò che scegliete per lui, ma sarebbe stato veramente troppo complicato uno sviluppo in tal senso.

Che si mangia oggi?

Ehi, non scherziamo, non possiamo affrontare i Demoni a pancia vuota! Un’altra scelta importante da fare durante la campagna è il… Che si mangia oggi? Una trovata geniale utile a migliorare le varie caratteristiche dei personaggi. A prescindere dall’avanzare dei livelli in gioco esiste un solo modo per migliorare le statistiche dei vostri eroi, ovvero scegliere il ristorante migliore. Ebbene sì, solo il cibo potrà aumentare in maniera permanente i vostri attributi, e starà a voi scegliere quale preferire. Ogni volta che andrete in uno delle decine di ristoranti sparsi per le zone di Shibuya dovrete anche selezionare dal menu le varie pietanze da proporre ai vostri personaggi. Ogni tipo di ristorante avrà un attributo che verrà sviluppato in maniera dominante rispetto agli altri, alcuni aumenteranno più l’attacco ed altri invece la difesa, ma anche all’interno dei vari ristori le pietanze potrebbero aumentare le statistiche in maniera leggermente differente. In aggiunta ogni personaggio ha le sue pietanze preferite. Mentre Rindo non ama per niente il Toast all’Avocado (che migliora per esempio Punti Ferita e Difesa), tale manicaretto potrebbe essere invece il cibo preferito di un altro membro del gruppo. Dare ad ogni personaggio il piatto giusto, farà sì che le statistiche aumentate dal cibo stesso possano essere a volte raddoppiate. Però non siate ingordi mi raccomando, ogni volta che vi fermerete a mangiare la barra della Sazietà si riempirà di una certa percentuale e non potrete tornare ad assaggiare nessun’altra leccornia fino a quando la barra non scenderà nuovamente a zero. E quale modo migliore di smaltire energia conoscete se non combattere demoni e rumori?

 

Che bravo ragazzo

Proseguendo con la campagna, che vi terrà incollati a Shibuya per decine e decine di ore, Tamarindo e lo sgangherato gruppo che si formerà nel tempo incontrerà e farà conoscenza con molti personaggi principali o secondari che offriranno loro aiuto od al contrario si pareranno come muri sulla loro strada. Ma a prescindere da questo, instaurerete un certo tipo di legame con ognuno di loro, che andrete a ritrovare in una apposita schermata denominata Social Network. Una ramificazione di conoscenza vi si parerà di fronte, e grazie all’acquisizione di Punti Amicizia durante il gioco potrete sbloccare questi legami con i vari personaggi. Ognuno di loro vi offrirà un bonus in gioco, che potrebbe andare dal poter utilizzare una spilla più potente, ottenere più denaro quando andrete a vendere oggetti, oppure alcuni proprietari di ristoranti potrebbero migliorare il proprio menù, così come i gestori di negozi di vestiti vi regaleranno dei capi di abbigliamento in quanto clienti affezionati. Alcuni, potrebbero però farvi ottenere bonus in gioco ancor più sostanziosi, come il poter concatenare un numero maggiore di scontri, aumentare più velocemente la barra del Groove in combattimento o molto altro. Certi personaggi secondari potrebbero affidarvi missioni o chiedervi aiuto in stile quest secondaria, prima di poterli sbloccare nella schermata del Social Network. Starà a voi, ed al vostro spirito di completamento, decidere quante ore passare ad aiutare i poveri e sfortunati abitanti del regno dei demoni.

Lo stile prima di tutto

Come avrete ormai intuito Square Enix e Tetuya Nomura hanno basato tutto il titolo intorno al concetto di stile: dal combattimento action a base di abilità da utilizzare nel giusto ordine, alla musica ed effetti utilizzati, alla grafica cartoon ma molto accurata, ai luoghi iconici, al tono giovanile dato ai dialoghi, al Gioco dei Demoni stesso, ed in particolar modo al design di tutti i personaggi del gioco, sia dei vostri eroi ma anche dei vari Demoni e PNG sparsi per Shibuya. Tutto il gioco urla I! La campagna di gioco è molto lunga già di suo, scandita nella sua progressione in giornate dove volta volta verrete messi alla prova con sfide o incarichi sempre diversi, con lo scopo di fare punti e quindi di vincere il Gioco dei Demoni stesso. Forse in alcuni punti la trama risulta un po’ sempliciotta o scontata in determinate scelte o interazioni, ma se a questo volete aggiungere il poter aiutare molti personaggi secondari con le loro quest, per così sbloccarli nei contatti, diventare clienti affezionati di tutti i negozi di vestiti, provare ogni singolo cibo di ogni singolo ristorante di Shibuya, nonché cercare di accaparrarvi ogni tipo di collezionabile possibile, state pronti a passare su NEO : The World Ends With You anche un centinaio di ore di divertimento.

Il comparto grafico è particolare e deve piacere, ma lo stile cartoon è eccezionale per chi ama il genere, così come tutto il reparto musicale che è decisamente di altissimo livello. Il combattimento alla fine risulta molto divertente e vi terrà decisamente sempre attenti e sul pezzo. Il gioco stesso vi porterà sempre a modificare il vostro equipaggiamento, otterrete spille sempre più potenti, andrete ad acquistare capi di vestiario di volta in volta più performanti o adatti alle nuove spille indossate, e vi terrete costantemente con la pancia bella piena. Insomma il divertimento non mancherà di certo. Un bel JRPG action come non ne vedevo da tempo.

  • Ambientazione affascinante

  • Ottima longevità e tantissime cose da fare

  • Stile!

  • Forse qualche passaggio di trama un po’ banalotto

  • Lo stile “giovane” potrebbe spaventare qualcuno