Il prossimo videogioco di Remedy sarà basato sul multiplayer cooperativo

Remedy ha parlato del suo prossimo progetto in una recente intervista. Il game director Mikael Kasurinen ha rivelato che Project 7 (questo il nome in codice del gioco, ndr) sarà un titolo multiplayer cooperativo che condividerà una serie di elementi con Alan Wake e Quantum Break. Nonostante la componente multiplayer, Kasurinen ci tiene a precisare che la trama del gioco rivestirà un ruolo di primaria importanza.

Anche Thomas Puha, Head of Communications presso Remedy, ha parlato dei prossimi titoli della software house (questa volta su Twitter) assicurando i fan che le tempistiche di sviluppo non saranno lunghe quanto i titoli precedenti:

“Non ci metteremo 5 anni a sviluppare i prossimi giochi. Ci siamo focalizzando maggiormente sulle meccaniche di gameplay. Abbiamo bisogno di creare un gameplay più profondo e migliore. Le persone parlano di open world in modo così casuale. Non noi. Al momento abbiamo 140 persone al lavoro su due giochi, quindi ciò che possiamo fare è piuttosto limitato.”


Quantum Break è un videogioco del genere , sviluppato da e pubblicato da per .

La data di uscita di Quantum Break è il 5 aprile 2016 per Xbox One.

4 Commenti a “Il prossimo videogioco di Remedy sarà basato sul multiplayer cooperativo”

  1. Macchiaiolo on

    Allora probabilmente sarà il primo gioco Remedy che salteró. Se c'è una cosa che apprezzo dei Remedy è la loro magistrale abilità nel raccontare storie. Con un gioco basato sul multiplayer non vedo come questa componente possa essere messa in primo piano.

  2. Deadly Fagilo on

    Più che altro non sono certo dei maestri nell'innovare lato gameplay, come dici tu @Macchiaiolo il loro punto forte è sempre stata la narrazione, unita certamente ad un buon gameplay, ma non è certo quest'ultimo il loro cavallo di battaglia.

  3. The_WLF on

    Ma fottetevi, voi e il multiplayer di 'sta ceppa…

    I giochi Remedy DEVONO essere giocati in solitaria, senza dover per forza avere qualcuno con cui condividere il tempo libero…

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.