Chris Avellone rompe il silenzio e racconta la sua versione dei fatti sulle accuse per molestie

Lo scorso anno Chris Avellone è stato investito da un tornado con una serie di accuse per molestie sessuali che hanno causato l’interruzione del rapporto di lavoro con varie compagnie videoludiche come Techland per Dying Light 2 e Paradox.

A un anno di distanza da quelle accuse, Avellone ha finalmente rotto il silenzio per spiegare la sua versione dei fatti.

Avellone ha conosciuto Karissa (la prima donna che lo ha accusaro, ndr) nel 2012. Con lei ha avuto un flirt consensuale che non è andato oltre. I due sono comunque rimasti amici e Karissa un anno dopo gli ha presentato una sua amica di nome Jackie (la seconda donna che lo ha accusato, ndr).

Con quest’ultima Avellone ha avuto una relazione, ma il lavoro e la distanza non ha permesso ai due di creare una relazione stabile. Lo stesso Avellone, una volta intuito la volontà di Jackie di voler qualcosa in più, ha preferito interrompere la relazione poiché in quel momento non poteva accontentarla.

Proprio la sua volontà di chiudere la relazione potrebbe essere la causa scatenante delle accuse per molestie, Avellone ipotizza che le due vogliano una sorta di vendetta. Avellone ha inoltre negato alcuni episodi di cui è stato accusato, e afferma di non aver mai conosciuto le altre donne che lo hanno accusato respingendo quindi qualsiasi accusa di molestia sessuale.

In questo anno di silenzio Chris Avellone ha raccolto prove (tra post su Twitter cancellati ma conservati in archivio e non solo) e testimonianze che testimonierebbero la sua estraneità ai fatti portandolo addirittura a denunciare a sua volta Karissa.