Disney Infinity 2.0 - Recensione

Dopo che Disney ha acquistato marchi di notevole importanza come quello Marvel o Star Wars, ci si è immediatamente chiesti le possibile implicazioni future per questi franchise. Così se dal lato cinematografico i film Marvel registrano record d'incassi tali da aver raggiunto al momento la cifra totale di 7miliardi di dollari e il nuovo film di Star Wars è in fase di produzione, ecco che Disney comincia a far fruttare le sue acquisizioni anche all'interno del mondo videoludico. Così mentre tutti continuano a chiedersi imperterriti se in Kingdom Hearts III ci sarà spazio anche per questi universi, i supereroi Marvel sono gli assoluti protagonisti di Disney Infinity 2.0.

Dopo che Disney ha acquistato marchi di notevole importanza come quello Marvel o Star Wars, ci si è immediatamente chiesti le possibile implicazioni future per questi franchise. Così se dal lato cinematografico i film Marvel registrano record d’incassi tali da aver raggiunto al momento la cifra totale di 7miliardi di dollari e il nuovo film di Star Wars è in fase di produzione, ecco che Disney comincia a far fruttare le sue acquisizioni anche all’interno del mondo videoludico. Così mentre tutti continuano a chiedersi imperterriti se in Kingdom Hearts III ci sarà spazio anche per questi universi, i supereroi Marvel sono gli assoluti protagonisti di Disney Infinity 2.0.

Vendicatori uniti!

Nello Starter Pack di Disney Infinity 2.0: Marvel Super Heroes troviamo un solo Play Set, tre statuine, tra cui Iron Man, Thor e Vedova Nera, e due gettoni di gioco che rappresentano una delle novità di questo capitolo della serie che vedremo in seguito. Ogni Play Set propone una sua Storia e le sue missioni da giocare solo con i personaggi compatibili. Quindi ad esempio Spider-Man non potrà entrare nel mondo degli Avengers, Vedova Nera non può entrare nel mondo de I Guardiani della Galassia e così via. 
Al momento, oltre al set degli Avengers incluso nello Starter Pack, trovate nei negozi anche il Play Set di Spider-Man e dei Guardiani della Galassia con annessi personaggi. Come lo scorso anno, la qualità delle statuine è indiscutibile. Ognuna di loro è splendida e siamo sicuri che spingerà ogni fan a creare la propria collezione. 
Il Play Set degli Avengers vedrà il gruppo di supereroi affrontare Loki e la sua armata di mostri di ghiaccio in una New York avvolta nel freddo e nella neve. L’avventura è piuttosto piacevole da giocare e saprà tenervi impegnati per un discreto quantitativo di ore. Al termine dell’avventura ci è comunque rimasto un po’ di amaro in bocca poichè riteniamo che il Play Set avrebbe potuto dare molto di più in termini di contenuti e divertimento. Il mondo di gioco appare si più vasto di quelli dello scorso anno, ma non offre moltissime cose da fare oltre alle missioni principali. Missioni che tra l’altro non brillano per varietà e alla lunga potrebbero risultare un po’ ripetitive. Siamo comunque abbastanza sicuri che i bambini sapranno divertirsi, in particolare se sfruttano la possibilità di giocare in cooperativa a schermo condiviso. 
Il sistema di controllo appare piuttosto semplice, fluido e dinamico: un tasto per l’attacco corpo a corpo, uno per quello a distanza con un altro per prendere la mira, uno per le manovre difensive, e un altro per il salto oppure per il volo a patto che il personaggio selezionato possegga la suddetta abilità. Completare missioni e sconfiggere nemici vi permette di acquisire esperienza per aumentare di livello e sbloccare nuove abilità in un apposito Skill Tree. Una delle novità di questo Disney Infinity 2.0 è proprio rappresentata da un albero delle abilità per ognuno dei personaggi che permette di potenziare o sbloccare nuovi attacchi, o di aumentare il livello di salute. Elemento questo che aggiunge un pizzico di profondità in più al combat system, e che potrebbe migliorare il fattore longevità spingendo i giocatori a voler potenziare ogni singolo personaggio. Da segnalare che l’alberò delle abilità è strettamente legato alla statuina permettendo ad esempio di portarla a casa di un amico e mostrargli i vostri progressi.

Play without limits

Quanto descritto fino ad’ora può farvi pensare che il Play Set è la modalità principale di Disney Infinity 2.0: Marvel Super Heroes, e invece vi sbagliate. Disney considera la Scatola dei Giochi la modalità principe della serie. In sostanza si tratta di un complesso editor che vi permette di creare i vostri livelli e di condividerli con la community come accade con la serie LittleBigPlanet. Quest’anno l’editor è stato ovviamente arricchito di tutti gli oggetti inerenti ai supereroi Marvel e la varietà è di ottimo livello. Inoltre se ci aggiungiamo gli oggetti del primo Disney infinity il numero di elementi selezionabili da inserire nelle proprie creazioni aumenta a dismisura. Quest’anno il team di sviluppo ha lavorato per rendere l’editor più semplice e accessibile ma con risultati poco soddisfacenti. Purtroppo la navigazione tra i menù non è ancora delle più comode e intuitive e il tutorial non ci è sembrato così chiaro e esaustivo da permetterci di padroneggiare al meglio il sistema. Resta quindi ancora una certa complessità di fondo che, visto il pubblico di riferimento, potrebbe scoraggiare anche chi ha una grande pazienza e le migliori intenzioni di dedicarsi a questa modalità. 
Il team di sviluppo ha comunque fatto qualche passo avanti. Adesso ogni oggetto è personalizzabile grazie alla bacchetta magica e non più tramite gli scomodi gettoni della scorsa edizione. Basta selezionare l’oggetto interessato con la bacchetta magica per aprire un menù e scegliere il tema interessato. Inoltre sono stati inseriti i Costruttori, bot che costruiscono il livello al posto nostro. Per attivarli basta scegliere il Costruttore adatto alle nostre esigenze e fargli costruire in totale libertà il livello al posto nostro. Ognuno di loro è specializzato in una specifica costruzione così da avere a nostra disposizione una discreta scelta adatti a ogni situazione. Tra le altre novità vi è la possibilità di costruire degli interni, più semplici da costruire viste le loro dimensioni più contenute. Infine segnaliamo le porte magiche che permettono di connettere tra loro più livelli così da poter creare veri e propri videogiochi. 
A tal proposito dobbiamo parlare dei Gettoni di Gioco che abbiamo citato all’inizio del paragrafo precedente. Questi vanno inseriti al posto del Play Set e contengono dei mini-giochi che gli sviluppatori hanno creato proprio con la Scatola dei Giochi. Nello Starter Pack ce ne sono due, un Dungeon Crawler e un Tower Defense, e sono capaci di regalare qualche altra ora aggiuntiva di divertimento. Ma soprattutto questi gettoni ci permettono di farci un’idea del potenziale dell’editor se messo in mani esperte. Il fattore longevità dell’intero prodotto dipenderà dunque anche dalla community che ci auguriamo riuscirà a tirare fuori il meglio dalla Scatola dei Giochi. Già adesso abbiamo trovato qualche creazione piacevole da giocare e speriamo di trovarne di migliori in futuro.

Infiniti caricamenti

A livello tecnico non ci troviamo dinanzi a un prodotto che fa della grafica il suo punto forte, tutt’altro. Il mondo di gioco è decisamente più vasto e il frame rate è stabile. Purtroppo non stupisce per la complessità poligonale degli scenari, per l’effettistica e per l’illuminazione. Inoltre si segnalano fastidiosi effetti di pop up, una fisica quasi assente e dei caricamenti la cui lunghezza è estenuante. A brillare in particolare è invece la componente sonora che propone un doppiaggio italiano di splendida fattura.

Commento finale

Disney Infinity 2.0: Marvel Super Heroes riparte da quanto fatto di buono con il precedente episodio e cerca di espandere e migliorare l’esperienza generale. Il risultato è buono e riesce a divertire, ma allo stesso tempo ci ha lasciato un pizzico di amaro in bocca. Il problema di Disney Infinity è che gli interessi della software house sono concentrati troppo sulla modalità Scatola dei Giochi a discapito dei Play Set che meriterebbero una cura decisamente maggiore. Una scelta questa che non ci sentiamo di appoggiare completamente visto il pubblico molto giovane a cui è destinato il prodotto che, siamo sicuri, preferirebbe una modalità storia più corposa e curata.

  • Gameplay semplice e divertente

  • Le statuette sono splendide

  • Potenziale della Scatola dei Giochi enorme…

  • …ma l’editor risulta ancora complesso e poco intuitivo

  • I Play Set meriterebbero una maggiore attenzione

  • Graficamente migliorabile

 

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.