Aggiornamento riduce le prestazioni di Call of Duty: Ghosts su Xbox One

Frame rate più basso rispetto al lancio

Secondo NeoGAF, l’update rilasciato per Call of Duty: Ghosts nella versione Xbox One, propedeutico all’arrivo del primo DLC Onslaught, oltre ad apportare alcune modifiche per risolvere bug e bianciare la modalità multiplayer, ridurrebbe il frame rate del titolo sotto la soglia dei 60 FPS, attestandosi tra i 40 e massimo i 60 frame per secondo.


Call of Duty: Ghosts è un videogioco che appartiene alla serie del genere sviluppato da e pubblicato da per , , , , .

La data di uscita di Call of Duty: Ghosts è il 5 novembre 2013 per Playstation 3, il 5 novembre 2013 per Nintendo WiiU, il 5 novembre 2013 per Xbox 360, il 22 novembre 2013 per Xbox One, il 29 novembre 2013 per Playstation 4.

9 Commenti a “Aggiornamento riduce le prestazioni di Call of Duty: Ghosts su Xbox One”

  1. Stepet82 on

    Neanche ghosts riesce a far girare come si deve -_-

    Uno degli sviluppatori di Sniper elite ha dichiarato che l'esram di one non è abbastanza per far girare i giochi a 1080p e 60fps. Ecco le sue parole:

    “It was clearly a bit more complicated to extract the maximum power from the Xbox One when you’re trying to do that. I think eSRAM is easy to use. The only problem is…Part of the problem is that it’s just a little bit too small to output 1080p within that size. It’s such a small size within there that we can’t do everything in 1080p with that little buffer of super-fast RAM.”

    “It means you have to do it in chunks or using tricks, tiling it and so on. It’s a bit like the reverse of the PS3. PS3 was harder to program for than the Xbox 360. Now it seems like everything has reversed but it doesn’t mean it’s far less powerful – it’s just a pain in the ass to start with. We are on fine ground now but the first few months were hell.”

  2. fomento on

    Stepet, cose già sapute e risapute; con i nuovi dev-kit (e nuove soluzioni tecnologiche annesse) dovrebbero riuscire a mitigare questa problematica.

    Certo è che anche Activision ci mette (molto) del suo.

  3. fomento on

    Stepet, cose già sapute e risapute; con i nuovi dev-kit (e nuove soluzioni tecnologiche annesse) dovrebbero riuscire a mitigare questa problematica.

    Certo è che anche Activision ci mette (molto) del suo.

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.