Sea of Thieves – Rare molto contenta dei risultati ottenuti al lancio

Joe Neate, produttore esecutivo di Sea of Thieves, ha dichiarato a Windows Central che il gioco di Rare ha ottenuto buoni risultati nei suoi primi due mesi di vita superando le aspettative della software house:

“Abbiamo ottenuti più giocatori di quanto ci aspettassimo. Ci abbiamo messo un po’ per stabilizzare i server, ma quei problemi li abbiamo superati e adesso il nostro obiettivo è di fare di Sea of Thieves un successo a lungo termine.Continuiamo ad acquisire nuovi utenti, coinvolgiamo quelli attuali. Stiamo raddoppiando, triplicando il numero di persone che lavorano sul gioco e la quantità di contenuti che vogliamo aggiungere.”

Neate ha poi confermato l’intenzione di voler aggiungere nuovi contenuti nel gioco nel più breve tempo possibile. Le persone si stanno divertendo con Sea of Thieves, ma vogliono sempre di più, proprio per questo Rare sta lavorando duramente per offrire sempre qualcosa di nuovo ai giocatori.


Sea of Thieves è un videogioco del genere sviluppato da e pubblicato da per .

La data di uscita di Sea of Thieves è il 20 marzo 2018 per Xbox One.

6 Commenti a “Sea of Thieves – Rare molto contenta dei risultati ottenuti al lancio”

  1. stefano.pet on

    Io non mastico numeri e nemmeno mi interessa farlo, ma questa dichiarazione mi ha spiazzato. Ovunque sono andato a guardare questo gioco (videorecensioni, gameplay ecc) ho sentito molte critiche e lamentele sulla mancanza di uno scopo a breve/medio termine che non sia accumulare ricchezze. Questo, unito al gameplay molto particolare che per essere apprezzato richiede un gruppo di amici con microfono (altrimenti è un macello di persone che fanno tutto e niente) mi fa pensare a un gioco non molto popolato, per lo meno non da stressare i server. Ora arriva questa dichiarazione e le cose sono due (forse tre):
    1) non ho capito niente io (e molti recensori e streamer) e il gioco sta vendendo bene, che è la cosa più probabile
    2) si aspettavano che pochissima gente lo comprasse al lancio (la meno probabile)
    E poi c'è la terza… che sono un tantinello parac… Coff coff :asd:

  2. adenosina on
    stefano.pet

    Io non mastico numeri e nemmeno mi interessa farlo, ma questa dichiarazione mi ha spiazzato. Ovunque sono andato a guardare questo gioco (videorecensioni, gameplay ecc) ho sentito molte critiche e lamentele sulla mancanza di uno scopo a breve/medio termine che non sia accumulare ricchezze. Questo, unito al gameplay molto particolare che per essere apprezzato richiede un gruppo di amici con microfono (altrimenti è un macello di persone che fanno tutto e niente) mi fa pensare a un gioco non molto popolato, per lo meno non da stressare i server. Ora arriva questa dichiarazione e le cose sono due (forse tre):
    1) non ho capito niente io (e molti recensori e streamer) e il gioco sta vendendo bene, che è la cosa più probabile
    2) si aspettavano che pochissima gente lo comprasse al lancio (la meno probabile)
    E poi c'è la terza… che sono un tantinello parac… Coff coff :asd:

    Questo è il classico gioco che intercetta la fetta dei giocatori odierni, quei bulimici del multi che stanno online pur non facendo nulla. Mischialo poi al trend dei walking simulator e ottieni sea o thieves. Gioco sicuramente non deprecabile ma di certo non uno di quelli si cui ci si ricorderà tra anni. Come per No Man Sky appena passata l'onda del chiacchiericcio nessuno più ne parlerà.

  3. MmK83 on
    adenosina

    Questo è il classico gioco che intercetta la fetta dei giocatori odierni, quei bulimici del multi che stanno online pur non facendo nulla.

    Amen.La sensazione che ho sulla newgen di giocatori è che il "bello" non sta nel gioco ma nel "farlo insieme".Potremmo quasi dire che c'è un problema di ipersocilità o per dirla semplice…se non sei connesso è brutto.

  4. adenosina on
    MmK83

    Amen.La sensazione che ho sulla newgen di giocatori è che il "bello" non sta nel gioco ma nel "farlo insieme".Potremmo quasi dire che c'è un problema di ipersocilità o per dirla semplice…se non sei connesso è brutto.

    esatto, non che il fenomeno sia nuovo ben intesi. Mi ricordo ancora i tempi di 360 nella fucina di Halo a cazzeggiare per ore in compagnia ma qui stiamo parlando di altro. Giochi come fortnite e pubg sono l'emblema di quanto non conti più la sostanza e neanche la forma a dire il vero :asd: ma come lo fai e con chi lo fai. I tempi delle partite in LAN o a schermo condiviso sono un lontano ricordo che molti videogiocatori si possono solo sognare.
    Ricordo ancora con piacere un episodio del jurassico, dove in pieno inverno spegnemmo il riscaldamento perchè nella stanza c'erano troppi pc accesi contemporaneamente mentre ci distruggevamo in sessioni di warcraft 3
    :asd:

  5. MmK83 on
    adenosina

    esatto, non che il fenomeno sia nuovo ben intesi. Mi ricordo ancora i tempi di 360 nella fucina di Halo a cazzeggiare per ore in compagnia ma qui stiamo parlando di altro. Giochi come fortnite e pubg sono l'emblema di quanto non conti più la sostanza e neanche la forma a dire il vero :asd: ma come lo fai e con chi lo fai. I tempi delle partite in LAN o a schermo condiviso sono un lontano ricordo che molti videogiocatori si possono solo sognare.
    Ricordo ancora con piacere un episodio del jurassico, dove in pieno inverno spegnemmo il riscaldamento perchè nella stanza c'erano troppi pc accesi contemporaneamente mentre ci distruggevamo in sessioni di warcraft 3
    :asd:

    Quanti ricordi le lan coi sacco a pelo peggio dei barboni.Andavi alle lan con pc da settordici kili e monitor CRT che a volte pesavano più del pc stesso lol.Io avevo un 21 crt che pesava la bellezza di oltre 20kg ahahahah.Non era molto pratico da portare alle lan.Il motto del tempo era…se ad un lan non salta la corrente almeno 4 volte…vuol dire che non è venuta abbastanza gente :asd:.

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.