Metro Exodus era concepito inizialmente come un open world

Sempre da Game Informer, 4A Games ha rivelato qualche retroscena sullo sviluppo di Metro Exodus. La software house ha spiegato che inizialmente aveva davvero pensato a un open world accorgendosi poi che questo tipo di struttura avrebbe snaturato la serie facendole perdere la sua identità. 4A Games ha poi optato per un’altra strada con livelli sandbox enormi da esplorare ma che consentono alla serie di mantenere sempre la sua struttura lineare.


L’anno è il 2036. Un quarto di secolo dopo la guerra nucleare che ha devastato la terra, alcune migliaia di sopravvissuti tentano di sopravvivere sotto le rovine di Mosca, nei tunnel della metropolitana. Hanno lottato contro veleni, combattuto bestie mutanti e orrori paranormali e hanno sofferto gli orrori della guerra civile. Ma ora, nei panni di Artyom, devi fuggire dalla metropolitana e guidare la banda degli Spartan Rangers in un incredibile viaggio attraverso la Russia post-apocalittica alla ricerca di una nuova vita in Oriente. Metro Exodus è un epico story driven sparatutto in prima persona di 4A Games che combina combattimenti mortali e furtivi con l’esplorazione e la sopravvivenza agli orrori in uno dei mondi di gioco più coinvolgenti mai creati Esplora una Russia attraverso vasti livelli non lineari e segui un'emozionante trama che percorre un intero anno passando per la primavera, l'estate e l'autunno fino alle profondità dell'inverno nucleare. Ispirato ai romanzi di Dmitry Glukhovsky, Metro Exodus porta avanti la storia di Artyom nella più grande avventura metropolitana esistente.

Metro Exodus è un videogioco che appartiene alla serie del genere sviluppato da e pubblicato da per , , .

Metro Exodus non ha ancora una data di uscita.

3 Commenti a “Metro Exodus era concepito inizialmente come un open world”

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.