L’insostenibile leggerezza dell’essere una console mid-gen - SBEM!

In questi giorni non si fa altro che parlare, giustamente direi vista la recente presentazione (se così possiamo definirla), di Xbox Scorpio e di quanto sia potente la nuova console di Microsoft. Fa parte dell’ordine naturale delle cose, era toccato in precedenza a PS4 Pro che mi aveva bombardato di news sia nel periodo dell’annuncio che quando era ancora nota come Neo e adesso da qui fino alla fine dell’anno sarà il turno di Project Scorpio. Ma questo articolo non è nato per parlare della potenza delle due console, così come non è nato per generare la solita console war, quanto piuttosto per cercare di capire quanto possono essere davvero utili questi hardware.

Ricordate: fate l'amore non la console war
Ricordate: fate l’amore non la console war

Quale console compro?

Partiamo con l’evidenziare quello che è a mio modo di vedere l’unico aspetto positivo di queste nuove console: dare al consumatore la possibilità di scegliere. Un po’ come succede con il mondo degli smartphone, mai come in questa generazione l’acquirente di un’ipotetica nuova console può scegliere la configurazione più adatta alle sue esigenze. Sei un giocatore ‘hardcore’ che vuole sfruttare il suo nuovissimo TV 4K? PS4 Pro o Xbox Scorpio sono le console che fanno per te. Non te ne frega niente della grafica super spettacolare? Meglio andare sulle console base e magari spendere quei soldi risparmiati per qualche gioco in più. Discorso non troppo diverso per il casual gamer che si accontenta di giocare allo sportivo di turno e a quei pochi giochi come GTA V e il solito Call of Duty che gli fanno gola.

This is 4 the nicchia

Mi sembra quindi chiaro come PS4 Pro e Xbox Scorpio si rivolgono esclusivamente a un pubblico di nicchia. A corroborare questa tesi ci pensano i numeri di PS4 Pro e le parole di Microsoft.

Nel primo caso bisogna fare una doverosa precisazione: ad oggi le vendite della console mid-gen di Sony sono a noi sconosciuti, sappiamo che le piattaforme della famiglia Playstation 4 hanno venduto in totale 57 milioni ma la compagnia giapponese non ha mai rivelato precisamente i numeri che ha mosso l’hardware. Non è un po’ sospetto tutto ciò? Se PS4 Pro avesse venduto bene finora siamo sicuri che Sony avrebbe già sbandierato ai quattro venti i numeri della sua console, e invece niente.

Nel caso delle affermazioni di Microsoft, in più di un’occasione sia il buon Phil Spencer che altri dirigenti del colosso di Redmond hanno specificato che Scorpio è una piattaforma (cito testuali parole) “Premium” indirizzata quindi a una fetta di pubblico molto specifica che vuole l’ultimo pezzo di tecnologia disponibile sul mercato.

E come la storia ci ha insegnato, se punti sulla nicchia non puoi sperare di fare i numeroni considerando che anche una parte di questa fetta di pubblico non ha a disposizione un monitor 4K con cui sfruttare al meglio questi hardware, di conseguenza la cerchia di acquirenti si stringe ulteriormente. E tra questa nicchia ci rientro anche io che sto scrivendo questo articolo e che vi allieto la giornata con news e recensioni: sapendo che su Scorpio non ci saranno esclusive e che il 4K non mi interessa minimamente adesso, essendo la mia TV abbastanza nuova, ho preferito virare su una Xbox One S da affiancare alla mia PS4 comprata al day one.

E il pubblico casual?

E se per vendere queste console Sony e Microsoft aspettano il pubblico casual, forse facciamo prima ad aspettare il lancio di Deep Down, Agent e Cyberpunk 2077. Sfatiamo infatti il mito che vede il pubblico casual comprare la console più potente. Al giocatore della domenica in questo momento storico della gen non interessa un tubo della potenza, a lui interessa solo giocare al suo FIFA, Call of Duty o chicchessìa spendendo la cifra più bassa possibile.

Forse, e sottolineo forse, il casual prende in considerazione la potenza di un hardware a inizio gen, ma adesso siamo nel bel mezzo dell’attuale generazione, con le console che insieme hanno già venduto circa 80 milioni di unità e ricordiamo che né PS4 Pro e né Xbox Scorpio sono console next-gen. In questo momento storico il giocatore occasionale quindi scarta a priori sia Pro che Scorpio, fiondandosi sull’hardware più economico e puntando all’ecosistema dove ci sono più amici, detto in parole povere: “ho più amici con cui giocare online su PS4? Allora prendo PS4! Ne ho di più su Xbox One? Allora vado su Xbox One!”. 

La console mid-gen non s’ha da fare

Il futuro di queste console di metà generazione non appare molto roseo, valeva davvero la pena per Sony e Microsoft spendere risorse nella creazione di questi dispositivi? Non era meglio concentrarsi sui giochi e sulla creazione di nuove IP?

Perché se questa generazione ci sta insegnando qualcosa è che non è la potenza a fare una console, ma lo sono i giochi, e titoli come Horizon: Zero Dawn, Uncharted 4: A Thief’s End, Quantum Break e The Legend of Zelda: Breath of the Wild ne sono la prova.

31 Commenti a “L’insostenibile leggerezza dell’essere una console mid-gen”

1 2 3
  1. fos on

    Nella tua mente questa frase significa che non si sono concentrati sui giochi e sulle nuove ip per colpa delle nuove console? ma unisci tutta la frase non solo quello che hai messo in rosso! (da notare che queste scritte in rosso ieri sono state usate, per te, per cerca di farti capire le cose). Ma perché sto qui a perdere tempo. Alex è come dici tu!

    ti saluto.Embè? Anzi, l'articolo sembra dare per scontato quello che non lo è, ossia: Che se non avessero lavorato su queste mid-gen, avrebbero prodotto e/o migliorato più giochi.

    Quindi, l'affermazione Secondo me la creazione di questi due progetti non ha tolto nulla alla parte dei giochi, oltre ad essere pertinente, non è categorica come quella dell'articolo.

    Non per intromettermi, eh, ma siccome volevo aggiungere un commento simile…

    Tra l'altro, non credo che il discorso mid-gen sia solo un cambiamento di filosofia, ma anche e soprattutto opportunistico: Aggiornare una console – basata su x86 – a mò di PC, è molto più facile proprio perché tale. I costi di un lavoro simile sono di molto inferiori a quelli che sarebbero stati necessari per una console next-gen ultra-customizzata, e la cosa non finisce di ammortizzarsi, perché è quasi sicuro che le prossime evoluzioni saranno un ulteriore step evolutivo intermedio (se non vi piace chiamarle next-gen, magari lo farete a corrente alternata…).

    Per come la vedo io, fare 2 step intermedi invece che uno, fa spendere meno che lasciare il vuoto in mezzo prima di un progetto del tutto nuovo.

    Questo, senza considerare una cosa – ancora simil PC – non di poco conto: Compatibilità tra piattaforme simili, con probabili migliorie mirate a sfruttare la potenza in eccesso delle ultime.

    Ah, sul fatto del rischio di restare ancorati al vecchio per colpa del vecchio, ho qualche dubbio…

    L'ultimo Zelda, ci gira su un limite tecnico (CPU vintage a dire poco), ma sui dettagli verosimili legati alla fisica e al gameplay, si mangia Horizon ZD tra un pasto e l'altro.

    Quindi, dubito che le pre-mid-gen faranno da zavorra… Dopo, se la zavorra tecnico-creativa ce l'hanno gli sviluppatori… 🙂

  2. adenosina on

    Embè? Anzi, l'articolo sembra dare per scontato quello che non lo è, ossia: Che se non avessero lavorato su queste mid-gen, avrebbero prodotto e/o migliorato più giochi.

    Quindi, l'affermazione Secondo me la creazione di questi due progetti non ha tolto nulla alla parte dei giochi, oltre ad essere pertinente, non è categorica come quella dell'articolo.

    Non per intromettermi, eh, ma siccome volevo aggiungere un commento simile…

    Tra l'altro, non credo che il discorso mid-gen sia solo un cambiamento di filosofia, ma anche e soprattutto opportunistico: Aggiornare una console – basata su x86 – a mò di PC, è molto più facile proprio perché tale. I costi di un lavoro simile sono di molto inferiori a quelli che sarebbero stati necessari per una console next-gen ultra-customizzata, e la cosa non finisce di ammortizzarsi, perché è quasi sicuro che le prossime evoluzioni saranno un ulteriore step evolutivo intermedio (se non vi piace chiamarle next-gen, magari lo farete a corrente alternata…).

    Per come la vedo io, fare 2 step intermedi invece che uno, fa spendere meno che lasciare il vuoto in mezzo prima di un progetto del tutto nuovo.

    Questo, senza considerare una cosa – ancora simil PC – non di poco conto: Compatibilità tra piattaforme simili, con probabili migliorie mirate a sfruttare la potenza in eccesso delle ultime.

    Ah, sul fatto del rischio di restare ancorati al vecchio per colpa del vecchio, ho qualche dubbio…

    L'ultimo Zelda, ci gira su un limite tecnico (CPU vintage a dire poco), ma sui dettagli verosimili legati alla fisica e al gameplay, si mangia Horizon ZD tra un pasto e l'altro.

    Quindi, dubito che le pre-mid-gen faranno da zavorra… Dopo, se la zavorra tecnico-creativa ce l'hanno gli sviluppatori… 🙂

    Io aspetto i primi titoli che saranno pensati anche con ps4 pro in mente, perché ad oggi causa la presenza sul mercato non massiccia di pro, gli sviluppatori hanno usato col contagocce le possibilità che offriva la potenza extra.

    Io ci spero ancora, anche perché in questo momento avere una sorta di gen perpetua dove hw si rinnova dopo tot anni è forse la soluzione più conveniente per contenere i costi.

    Per chi dice che è una cazzata questa affermazione, se uno ci gioca veramente con la console in 4-5 anni li ammortizza i costi di una nuova console

  3. fos on

    Io aspetto i primi titoli che saranno pensati anche con ps4 pro in mente, perché ad oggi causa la presenza sul mercato non massiccia di pro, gli sviluppatori hanno usato col contagocce le possibilità che offriva la potenza extra.

    Io ci spero ancora, anche perché in questo momento avere una sorta di gen perpetua dove hw si rinnova dopo tot anni è forse la soluzione più conveniente per contenere i costi.

    Per chi dice che è una cazzata questa affermazione, se uno ci gioca veramente con la console in 4-5 anni li ammortizza i costi di una nuova consoleBeh, se non hai uno schermo 4K, la differenza la vedrai solo in giochi "flessibili"…

    Dovrebbero migliorare partendo dal Full-HD (ma il frame rate non è facile da raddoppiare col cambio esiguo lato processore), per poi scalare in effetti all'aumento di risoluzione. Certo, possono migliorare gli effetti, le texture e qualche altro dettaglio, non è che si mettono a rifare i modelli ecc… Per fare questo, avrebbero dovuto tenere in serbo più di quello che hanno usato. Cioè, come se nei giochi ottimizzati per PS4-Pro si tenessero dell'altro per la prossima (tanto per chiudere il cerchio).

    Però, per chi gioca con uno schermo 4K la differenza si vede e la potenza viene sfruttata: Per mandare un gioco da 1080p a 1440p/1800p ce ne vuole, eh…

    Ma anche giocare col Supersampling a posto dei soliti antialiasing in post (FXAA/TAA) annebbianti…

    Comunque, la flessibilità offerta dall'ultimo Tomb Raider, dovrebbe essere la base di partenza.

  4. adenosina on

    Beh, se non hai uno schermo 4K, la differenza la vedrai solo in giochi "flessibili"…

    Dovrebbero migliorare partendo dal Full-HD (ma il frame rate non è facile da raddoppiare col cambio esiguo lato processore), per poi scalare in effetti all'aumento di risoluzione. Certo, possono migliorare gli effetti, le texture e qualche altro dettaglio, non è che si mettono a rifare i modelli ecc… Per fare questo, avrebbero dovuto tenere in serbo più di quello che hanno usato. Cioè, come se nei giochi ottimizzati per PS4-Pro si tenessero dell'altro per la prossima (tanto per chiudere il cerchio).

    Però, per chi gioca con uno schermo 4K la differenza si vede e la potenza viene sfruttata: Per mandare un gioco da 1080p a 1440p/1800p ce ne vuole, eh…

    Ma anche giocare col Supersampling a posto dei soliti antialiasing in post (FXAA/TAA) annebbianti…

    Comunque, la flessibilità offerta dall'ultimo Tomb Raider, dovrebbe essere la base di partenza.

    Non critico la gestione delle risorse in se, perché come dici tu la differenza in 4k si vede.

    Quello che non è condivisibile è l'approccio approssimativo che hanno parecchi sviluppatori allo sviluppo. I risultati poi si vedono e sono anche fastidiosi come poche cose, tipo in drop completamente a caso di fps in Nier Automata.

    Invece sono da lodare casi come Tomb Raider e NiOh che danno forse il più grande senso a queste console visto la loro filosofia di far scegliere l'utente.

    Sfortunatamente siamo ancora in un momento dove la maggior parte delle persone non capisce quali siano le differenze a livello visivo e pratico ma si appiglia solo a dei sterili numeri che alla fine della fiera non gli servono a nulla

  5. Hiei on

    senza riprendere il discorso già ampiamente discusso e ribattere ogni commento, chiedo:  Com'è possibile dimenticare che sony e MS, sul fronte giochi, non si ammazzano di lavoro???  il settore Gaming, mi sbaglio, ho è coperto per la maggior parte dai terzi?

    Sony esattamente come MS pensa alle console, su come vendere il suo hardware e al max a un buon software per far sviluppare i giochi!

    Sony come MS non regala niente, quello che offre ha il fine di fare cassa, e si butta su le più svariate idee (visori, portatili, cam, pad, pezzi da cambiare come cover, ecc.ecc.) anche spesso copiando la concorrenza.

    Se dopo 5anni di ps4 al posto di darmi notizie e concentrarti  su nuova generazione, mi vieni a dara una consola che non ha niente di originale, di innovativo, che non mi porta nessuna esclusiva, ma ha solo una grafica migliore (sempre se ho già acquistato un televisore 4k). Da giocatore credo sia lecito dire: perché al posto di investire(o sprecare) queste risorse, che stanno riscontrando poco successo, non si investe su giochi o nella futura generazione??

    da qui pensare che i giochi non siano belli perché esce una ps4 pro, o meglio ancora che i giochi siano bellissimi solo se ci si concentra su una console alla volta, vuol dire che non si è capito niente del concetto di mid-gen! i giochi vengono fatti da terzi e in questo discorso, parlare di giochi già usciti o di qualcosa che a loro può essere tolto è come mischiare il pesce al formaggio!

  6. fos on

    senza riprendere il discorso già ampiamente discusso e ribattere ogni commento, chiedo:  Com'è possibile dimenticare che sony e MS, sul fronte giochi, non si ammazzano di lavoro???  il settore Gaming, mi sbaglio, ho è coperto per la maggior parte dai terzi?

    Beh, ma dovrebbero creare più giochi del resto delle software house…? Fanno molto prima a comprarsi le esclusive direttamente da loro.

    Anche su Nintendo, famose per le esclusive, pascolano più sviluppatori terzi (quando va bene…).

    Per rispondere: Non credo gli convenga "comprarsi" un quintale sviluppatori e passargli il pane (e con i soldi non ti compreresti tutti comunque), quando i terzi cercano di fare i giochi fatti bene per il loro tornaconto (nel senso che altrimenti si va a c@zzo dritto), e pagano a Microsoft/SONY per sviluppare sulle loro console (altrimenti, col piffero che sarebbero uscite console vendute in perdita).

    Cioè, sono d'accordo che dovrebbero investire di più nelle esclusive, eh, ma non esageriamo. 🙂

    Soprattutto Microsoft, a cui non mancherebbero gli spicci, ma è legata indissolubilmente anche al PC, è ha imparato (si spera) che investire in esclusive senza un'idea ben chiara può costare caro.

    Insomma, Microsoft devrebbe caricare molto di più per indirizzare verso le sue console (poi, adesso che ha presentato la più potente…), ma credo che SONY stia seguendo una buona media. Non ci si può aspettare le esclusive (per la maggior parte esterne) della PS2, che le aveva soltanto per mancanza di concorrenza.

    Insomma, non sempre va bene, quindi strafare è molto rischioso, Con i terzi, se va bene ne quadagnano anche loro, se va male, ne guadagnano anche loro di meno… :asd: Ma non rimettono.

  7. Hiei on

    Beh, ma dovrebbero creare più giochi del resto delle software house…? Fanno molto prima a comprarsi le esclusive direttamente da loro.

    Anche su Nintendo, famose per le esclusive, pascolano più sviluppatori terzi (quando va bene…).

    Per rispondere: Non credo gli convenga "comprarsi" un quintale sviluppatori e passargli il pane (e con i soldi non ti compreresti tutti comunque), quando i terzi cercano di fare i giochi fatti bene per il loro tornaconto (nel senso che altrimenti si va a c@zzo dritto), e pagano a Microsoft/SONY per sviluppare sulle loro console (altrimenti, col piffero che sarebbero uscite console vendute in perdita).

    Cioè, sono d'accordo che dovrebbero investire di più nelle esclusive, eh, ma non esageriamo. 🙂

    Soprattutto Microsoft, a cui non mancherebbero gli spicci, ma è legata indissolubilmente anche al PC, è ha imparato (si spera) che investire in esclusive senza un'idea ben chiara può costare caro.

    Insomma, Microsoft devrebbe caricare molto di più per indirizzare verso le sue console (poi, adesso che ha presentato la più potente…), ma credo che SONY stia seguendo una buona media. Non ci si può aspettare le esclusive (per la maggior parte esterne) della PS2, che le aveva soltanto per mancanza di concorrenza.

    Insomma, non sempre va bene, quindi strafare è molto rischioso, Con i terzi, se va bene ne quadagnano anche loro, se va male, ne guadagnano anche loro di meno… :asd: Ma non rimettono.

    Ti sto spiegando per l'ennesima volta che  nessuno qui sta dicendo che la mid-gen toglie o mette qualcosa ai giochi! e che la famosa frase dell'articolo "Il futuro di queste console di metà generazione non appare molto roseo, valeva davvero la pena per Sony e Microsoft spendere risorse nella creazione di questi dispositivi? Non era meglio concentrarsi sui giochi e sulla creazione di nuove IP?" è solo un pensiero comune da videogiocatore, che nulla accomuna questa frase al fatto che sia stato tolto qualcosa ai giochi o che i giochi ne posano risentire o beneficiare.

    Ma è così difficile capire questo concetto elementare: "se proprio si devono buttare dei soldi meglio in un bel gioco!" Tutto qua. il resto sono solo chicchere e argomentazioni sterili, che sei liberissimo di fare, ci mancherebbe, ma non capisco perché quotare me (mi riferisco a quello dove ti sei intromesso) dove il tuo pensiero non c'entrano nulla col mio!

  8. fos on

    Ti sto spiegando per l'ennesima volta che  nessuno qui sta dicendo che la mid-gen toglie o mette qualcosa ai giochi! e che la famosa frase dell'articolo "Il futuro di queste console di metà generazione non appare molto roseo, valeva davvero la pena per Sony e Microsoft spendere risorse nella creazione di questi dispositivi? Non era meglio concentrarsi sui giochi e sulla creazione di nuove IP?" è solo un pensiero comune da videogiocatore, che nulla accomuna questa frase al fatto che sia stato tolto qualcosa ai giochi o che i giochi ne posano risentire o beneficiare.

    Ma è così difficile capire questo concetto elementare: "se proprio si devono buttare dei soldi meglio in un bel gioco!" Tutto qua. il resto sono solo chicchere e argomentazioni sterili, che sei liberissimo di fare, ci mancherebbe, ma non capisco perché quotare me (mi riferisco a quello dove ti sei intromesso) dove il tuo pensiero non c'entrano nulla col mio!Per l'ennesima…?

    Scusa, eh, ma sei tu a non capire cosa implica "Non era meglio concentrarsi sui giochi e sulla creazione di nuove IP?".


    Perché, il resto fa perdere concentrazione? Sui giochi ci si concentrano quando lo vogliono, e il collegamento tra le due cose non l'ho messo a terra io, ma chi ha scritto l'articolo. Dopo, se ti piace divagare e insistere col non c'entra un piffero a prescindere, fai pure, ma evita di deviare quello che si spiega da solo… La correlazione puo' anche essere legittima (sua idea), ma non è un assioma. Chiaro?

    Che il tuo pensiero non c'entra nulla col mio s'è capito. 🙂

    Ah, ho spiegato il motivo della mia intromissione, che su un Forum lo è per modo di dire…

1 2 3

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.