Toy Soldiers - Recensione

Signal Studios porta per la prima volta su console Toy Soldiers: War Chest, il nuovo capitolo della serie Toy Soldiers, un tower defense divertente e caratteristico, dove i soldatini giocattolo prendono vita. Grazie anche alle aggiunte esclusive da parte di Ubisoft, come la piattaforma Uplay, che garantisce obiettivi aggiuntivi, e alcuni personaggi dal mondo di Assassin’s Creed, il gioco è ottimo per qualche momento di svago, anche per via della durata dei match, variabile dai 5 minuti in su, a seconda della difficoltà e della bravura del giocatore.

Signal Studios porta per la prima volta su console Toy Soldiers: War Chest, il nuovo capitolo della serie Toy Soldiers, un tower defense divertente e caratteristico, dove i soldatini giocattolo prendono vita. Grazie anche alle aggiunte esclusive da parte di Ubisoft, come la piattaforma Uplay, che garantisce obiettivi aggiuntivi, e alcuni personaggi dal mondo di Assassin’s Creed, il gioco è ottimo per qualche momento di svago, anche per via della durata dei match, variabile dai 5 minuti in su, a seconda della difficoltà e della bravura del giocatore.

Tower Defense

La regola dei Tower Defense è sempre la stessa. Occorre difendere la propria base impedendo al nemico di arrivarvici. Per farlo, occorre piazzare strategicamente, ed in determinate locazioni, delle postazioni di fuoco che dovranno essere aggiornate, ripristinate o, nel caso, sostituite a seconda dell’evenienza, finché tutti i raid del nemico non saranno conclusi. Se per qualche motivo fallissimo nel respingere il nemico, vedremo la vitalità della nostra base diminuire, fino ad arrivare a zero, momento del game over.
Toy Soldiers ha lo stesso identico meccanismo, con qualche particolarità che lo rende comunque piacevole. Vediamole insieme.

Quel pizzico di sale nel gameplay

La visuale classica del genere vuole che la camera sia posta al di sopra dell’area di gioco, la cosiddetta camera strategica. Con Toy Soldiers, essendo il gioco un po’ più animato, avremo anche la possibilità di passare in seconda e terza persona.
Seppur la base è solitamente “protetta” da un percorso predefinito, ad ogni ondata i nemici tenteranno percorsi alternativi, talvolta inaspettati, che costringono il giocatore a rivedere i propri piani di difesa.
Il tutorial spiegherà facilmente come prendere la mano nel piazzare torrette mitragliatrici, lanciamissili, ed antiaereo, facilitando la comprensione tramite semplici icone. Semplicemente muovendo il cursore circolare su di una piazzola, potremo scegliere di utilizzare il nostro denaro per montare una di queste torrette. Una volta fatto avremo la possibilità di utilizzarle manualmente, aggiornare il range di attacco, potenziare il danno o il caricatore.

Bonus iniziativa

Utilizzare manualmente le torrette per sconfiggere i nemici porta i suoi vantaggi.
Uccidendo i nemici, una barra si innalzerà se riusciremo a mantenere una certa costanza e velocità nel farlo. Fermare la serie significherà vedere la barra diminuire fino a tornare a zero.
Raggiunto però una delle tre tacche all’interno della barra, sbloccheremo un’abilità, via via più potente, che ci permetterà di mettere in gioco un personaggio di una determinata serie (personalizzabile ad inizio partita).
Questo personaggio finirà nel campo di battaglia, con una visuale in terza persona, ed avrà a disposizione bombe, un’arma primaria ed una secondaria.
Tuttavia vi è un tempo limite entro il quale bisognerà utilizzarlo. Esso, infatti, ha una carica di batteria che andrà col tempo ad esaurirsi. Occorre quindi sfruttare il tempo nella maniera ideale, tentando se possibile di prolungare l’utilizzo scovando le altre batterie sparse nel campo di battaglia.

Multiplayer online

Il gioco alla fine si conclude qui. La varietà dei livelli, tutti molto graziosi ed interessanti al vedersi, porta comunque una brezza di aria fresca che fa venir voglia di provare il nuovo livello. L’interno di un negozio di giochi, il giardino di una casa, un campo di battaglia con dei led, ogni livello è strutturato per farci sentire dentro un piccolo mondo di giocattoli, e giocare la campagna è abbastanza divertente. Se comunque volessimo di più, potremo cimentarci nel gioco online con massimo quattro giocatori, oppure, funzionalità ben accolta vista la carenza, gioco locale in split screen a due giocatori.

Conclusione

Sebbene Toy Soldiers sia tutto sommato divertente, non riesce comunque a lasciare il segno. Grafica mediocre, interattività scarsa, menù caotici, collisioni fatte male, nonché intro di gioco ed animazioni davvero scarsi e brutti a vedersi. I caricamenti sono a volte fin troppo lunghi, ma alla fine sono dei contro che ci possono stare visto il prezzo budget al quale viene venduto.
Lo trovate infatti sullo store 15 euro, che tuttavia diventano trenta nel caso voleste i DLC a tema, contenenti nuovi giocattoli e personalizzazioni di gioco. Nulla di questi aggiunge funzionalità al gioco stesso, trattandosi per lo più di icone e oggetti a tema. Lo stile di gioco rimane uguale, con qualche modifica nel combattimento dei personaggi, come ad esempio l’uso della spada nel caso di Ezio Auditore. Proprio per questo motivo, cinque euro per qualcosa che non aggiunge praticamente nulla al gameplay sembra eccessivo. La speranza che i giochi tornino, come una volta, ad offrire contenuti aggiuntivi sbloccandoli in-game, anziché tramite valuta reale, resta tale. Tuttavia, in un mercato odierno legato alle micro transazioni, si tenta ormai di offrire un prodotto scarso ma dal gameplay semplice che dia dipendenza, così da ottenere il massimo profitto con il minimo sforzo.

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.