Pure Pool - Recensione

I giochi di biliardo non sono di certo il perfetto esempio per testare e mettere in mostra la potenza di una console, ma può essere interessante vedere di generazione in generazione quelle piccole differenze in prodotti del genere. A primo impatto giochi di questo tipo possono sembrare tutti uguali, eppure con l'avanzare della tecnologia, e di conseguenza della fisica in game, gli sviluppatori hanno sempre cercato di alzare l'asticella della simulazione.
E' questo il caso di Pure Pool. I ragazzi di VooFoo Studios dopo l'esperienza fatta con Hustle Kings uscito due anni fa, e dopo la parentesi scacchistica con l'ottimo Pure Chess, tornano a dedicarsi al biliardo virtuale con Pure Pool che punta a essere l'esperienza più autentica e realistica che si sia mai vista nel genere.
Pure Pool è disponibile da qualche giorno in esclusiva PS4 su Playstation Store al prezzo di 9,99€.

I giochi di biliardo non sono di certo il perfetto esempio per testare e mettere in mostra la potenza di una console, ma può essere interessante vedere di generazione in generazione quelle piccole differenze in prodotti del genere. A primo impatto giochi di questo tipo possono sembrare tutti uguali, eppure con l’avanzare della tecnologia, e di conseguenza della fisica in game, gli sviluppatori hanno sempre cercato di alzare l’asticella della simulazione.
E’ questo il caso di Pure Pool. I ragazzi di VooFoo Studios dopo l’esperienza fatta con Hustle Kings uscito due anni fa, e dopo la parentesi scacchistica con l’ottimo Pure Chess, tornano a dedicarsi al biliardo virtuale con Pure Pool che punta a essere l’esperienza più autentica e realistica che si sia mai vista nel genere.
Pure Pool è disponibile da qualche giorno in esclusiva PS4 su Playstation Store al prezzo di 9,99€.

L’arte del biliardo

A darci il benvenuto in Pure Pool è un breve tutorial che ci spiega i semplici comando per diventare un maestro della stecca. Voofoo Studios ha deciso di eliminare qualsiasi barra per calibrare la forza del tiro per affidare questa funzione alla levetta analogica destra. Il sistema può ricordare i vari Tiger Woods di EA Sports, muovendo verso il basso la levetta analogica destra si carica il tiro, per poi muoverla verso l’alto per colpire la bilia proprio come fareste con la stecca nella realtà. La levetta analogica sinistra serve ovviamente per prendere la mira, tenendo premuto il tasto X si attiva la Mira Precisa, mentre con il tasto O si possono fare i tiri ad effetto. Infine con il tasto triangolo si può spostare la bilia bianca quando possibile, e con il tasto quadrato ci si può alzare dal tavolo da gioco per avere una visuale più ampia sul posizionamento delle bilie e magari ragionare sulla tattica da adottare proprio come fareste nella realtà. Infine è stato aggiunto anche il supporto al touchpad del Dualshock 4 che permette di girare la telecamera fino al momento del tiro. Il sistema di controllo adottato da Voofoo Studios ci ha soddisfatto moltissimo, rendendo il gameplay così accessibile ai novizi quanto profondo per i più esperti. Ad aggiungere ulteriore profondità e realismo al gameplay si aggiunge una fisica delle bilie estremamente curata.
Tre i livelli di difficoltà: Dilettante, Professionista e Maestro. In Dilettante vengono messe in mostra su schermo le traiettorie sia della bilia bianca che della bilia che si va a colpire. In Professionista invece vengono accorciate sensibilmente le traiettorie citate nel livello di difficoltà precedente. Infine in Maestro l’unico elemento di aiuto sarà un cerchio che indica in quale punto è destinato il tiro che effettuiamo con la bilia.
In Pure Pool ci si può dedicare a quattro tipologie di gioco, si va dalla classica Palla 8 americana o alla Palla 9, a modalità più inedite come Assassino e Accumulatore. Assassino ci fa iniziare una partita con tre vite, per non perderle non si deve far altro che imbucare una bilia a ogni turno. In Accumulatore invece bisogna imbucare le bilie in ordine progressivo per guadagnare il rispettivo punteggio.
Ottimo anche il numero di modalità sia offline che online. In offline è presente la classica partita di allenamento, o il gioco libero contro la CPU. Una vasta modalità Carriera che offre un totale di 30 tornei di difficoltà variabile e con una serie di obiettivi da svolgere. In più ci sono una serie di sfide che ci chiedono ad esempio di imbucare quante più bilie possibile senza sbagliare un colpo oppure di imbucare un determinato numero di bilie nel più breve tempo possibile, se collegati a una connessione a internet potete ovviamente sfidare i risultati degli altri giocatori.
A proposito di online anche qui c’è una buona scelta di modalità. Si inizia dalla classica partita rapida contro un qualsiasi giocatore online, oppure si può creare un campionato e sfidare chiunque voglia parteciparvi. Inoltre è stato integrato un sistema chiamato DNA profiling che raccoglie una serie di informazioni sul vostro stile di gioco creando un profilo DNA che vi permette di giocare contro altri giocatori anche quando non siete connessi. Volete giocare online contro un vostro amico ma lui non è collegato? Nessun problema vi basta scaricare il suo DNA per giocare contro un avversario con tutte le caratteristiche e abilità del vostro amico. Un sistema che ricorda il Drivatar di Forza Motorsport 5 e che in Pure Pool troviamo un’aggiunta molto gradita.
Ogni partita, sia online che offline vi permette di aumentare la vostra barra d’esperienza che con il salire di livello sblocca nuovi oggetti come stecche e onorificenze che vanno a caratterizzare la nostra scheda giocatore.

Pure Graphics

Graficamente Pure Pool si presenta molto bene. A una fisica delle bilie molto curate si aggiunge un grafica di ottima fattura con un’ottima modellazione generale, e un’ottima gestione delle luci e dei riflessi sulle bilie.
Alti e bassi nel comparto sonoro con un’ottima effettistica ma con musiche d’accompagnamento anonime che alla lunga finiscono per annoiare.

Commento finale

I ragazzi di Voofoo Studios sono riusciti nell’intento di creare la migliore esperienza possibile di biliardo. Pure Pool ci ha soddisfatti grazie al suo gameplay tanto accessibile quanto profondo e una serie di modalità di gioco che tengono impegnati per un bel quantitativo di ore sia offline che online. Gli amanti di questa disciplina non posso lasciarsi scappare per nessun motivo al mondo Pure Pool.

Un Commento a “Pure Pool”

  1. Stepet82 on

    Manca di personalizzazione, ma è divertente da morire (se piace il biliardo, ovviamente). Ma perché nessun gioco oltre alla carambola non mette anche le modalità con i birilli?

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.