Tecmo risponde a Tomonobu Itagaki

Console tribe news - Tecmo risponde a Tomonobu Itagaki

La riposta alle esternazioni del geniale Tomonobu Itagaki non si sono fatte attendere molto. Ricordiamo che il creatore di Ninja Gaiden ieri aveva dichiarato di aver lasciato il publisher giapponese per il mancato pagamento di un cospicuo bonus di circa 900.000 euro. Oggi sulle pagine del sito ufficiale Tecmo la risposta:

“Il fatto che la nostrà società sia perseguita in questo modo è un grosso problema…Le ragioni che lo hanno portato a rendere pubblica questa faccenda sono personali. Inoltre nelle sue dichiarazioni (nds. di Tomonobu Itagaki) sembra che sia solo lui il responsabile dei giochi nei quali invece il resto del Team Ninja ha fortemente contribuito”

Tecmo inoltre afferma che il bonus reclamato da Tomonobu Itagaki sia stato accordato dal vecchio direttore dell’azienda ma non confermato dalla nuova amministrazione.

6 Commenti a “Tecmo risponde a Tomonobu Itagaki”

  1. Pikkierello on

    si xò che vuol dire??????se io sto lavorando e accetto di lavorare x' oltre allo stipendio mi danno 1 milione di euro arriva la nuova amministrazione e me lo mette in quel posto?????certo che c'è anche il resto del team ma se io sn il pezzo forte e mi spetta qlcosa in + me ne vado e ti lascio li…..ha fatto bene tomonobu….

  2. npole on

    si xò che vuol dire??????se io sto lavorando e accetto di lavorare x' oltre allo stipendio mi danno 1 milione di euro arriva la nuova amministrazione e me lo mette in quel posto?????certo che c'è anche il resto del team ma se io sn il pezzo forte e mi spetta qlcosa in + me ne vado e ti lascio li…..ha fatto bene tomonobu….

    Quando entra in carica una nuova amministrazione, vengono riformulati i contratti (i programmatori quasi sempre non sono assunti come dipendenti, ma come liberi professionisti, cioe' consulenti). Probabilmente l'accordo stipulato con la vecchia amministrazione era informale, cioe' non vi era alcun contratto scritto che impegnasse l'azienda a versagli il bonus (altrimenti quello sarebbe dovuto rimanere per legge, ammenoche' non vi fossero clausole legate appunto al cambio di amministrazione).

    Ha fatto bene ad andarsene, perche' un accordo e' un accordo (e' una questione di "parola"…. figurarsi poi se si parla di cosi' tanti soldi), ma probabilmente quei soldi non li vedra' mai citandoli in causa, sarebbe stato piu' semplice giungere ad un'accordo con la nuova amministrazione (tipo: io resto e voi mi date la meta' di quella cifra come bonus…).

  3. waiser on

    Quando ci sono cifre così grosse in ballo qualcosa di scritto DEVE esserci. Se non si era fatto scrivere nulla è anche un po' colpa sua a questo punto, una nuova amministrazione non deve rendere conto della "parola" data dalla vecchia, solo dei contratti. Certo, magari poteva essere più produttivo tenerlo piuttosto che lasciarlo andare via, ma lì va a sapere…

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.