Return to Monkey Island sarà un gioco per i vecchi e i nuovi fan

The Verge ha pubblicato una lunga intervista a Ron Gilbert e Dave Grossman, rispettivamente creatore e co-sceneggiatore della serie Monkey Island, in cui possiamo scoprire diversi dettagli sul nuovo videogioco annunciato una decina di giorni fa: Return to Monkey Island.

Sul perché entrambi stanno tornando nel mondo di Monkey Island in questo momento:

Gilbert: “Sono costantemente bombardato da persone che vogliono un nuovo Monkey Island, ed è sicuramente qualcosa che mi interessa molto. Quando mi si è presentata l’opportunità, era qualcosa su cui ero molto ansioso di saltare e legare Dave al progetto.

Grossman: “Penso che dovremmo fare queste cose periodicamente. Sento che Ron e io ci siamo evoluti abbastanza da avere alcune cose nuove da dire sul mondo di Monkey Island. E quando ho ricevuto la chiamata di Ron ho pensato che fosse un’opportunità per lavorare di nuovo con lui, rivisitare questi personaggi, questo mondo che amo e divertirmi un po’.”

Ci sono molte persone che non hanno mai giocato a Monkey Island prima d’ora pur conoscendolo per fama, e Gilbert ha spiegato che questo nuovo capitolo troverà un buon equilibrio tra i fan storici e i possibili nuovi giocatori:

“Ci sono due campi che per noi è molto importante abbracciare. I fan di Monkey Island che probabilmente conoscono la serie meglio di me e Dave. Per loro vogliamo costruire una Monkey Island autentica, qualcosa che avrebbe soddisfatto la loro voglia di voler tornare in questo mondo.

Ma siamo anche consapevoli del fatto che probabilmente ci sono molte più persone la fuori nel mondo che non hanno mai giocato a Monkey Island ma ne hanno sentito solo parlare. Volevamo anche fare qualcosa che fosse loro accessibile in modo che potessero entrare nel mondo di Monkey Island e non sentirsi estranei nel momento in cui hanno iniziato il gioco.”

Sul cercare di mantenere lo spirito dei giochi originali e valorizzare il genere dei punta e clicca:

Gilbert: “È un’avventura punta e clicca. E quindi si tratta di comprendere, o anche decostruire il genere punta e clicca e dire: “Beh, cosa significa veramente? Cosa c’è di veramente divertente nei giochi punta e clicca?” E assicurarci che lo mettiamo davvero in evidenza, evitando che passi solo come un mucchio di cose nostalgiche.”

Grossman: “Fondamentalmente qualsiasi elemento del gioco deve supportare il gameplay o la storia e, si spera, entrambi. Tutto ciò che non serve a questo scopo abbiamo cercato di identificarlo, ripensarlo e riprogettarlo.”

Gilbert: “Se guardi le persone che giocano oggi, molti giochi vengono giocati su console. Una delle cose che volevamo fare era capire come queste persone avrebbero giocato un’avventura punta e clicca con un controller. Perché è diverso. C’è una mentalità diversa. C’è solo un modo diverso di come coinvolge il tuo cervello di gioco.

Abbiamo passato molto tempo, molto più di quanto speso con Thimbleweed Park, pensando a un controller e a come il gioco può essere divertente giocando con un controller piuttosto che solo con un mouse. Essere in grado di farlo senza sminuire il mouse. Perché abbiamo visto molti giochi che si incentrano sul controller e poi ci incastrano il mouse. Abbiamo davvero cercato di bilanciare in modo molto uniforme queste due modalità di gioco per le persone.”

Sullo stile artistico e sull’abbandono della pixel art:

“Abbiamo pensato di avere molta più libertà e flessibilità per non renderlo un gioco pixel art. Penso che le persone saranno molto contente dello stile artistico e dell’animazione una volta che lo vedranno in movimento. Abbiamo un incredibile gruppo di animatori nel progetto, ed è davvero bello quando inizi a vedere tutto ciò che si muove nel gioco.”

Sia Gilbert che Grossman si sono dichiarati molto emozionati nel ritornare in questo mondo dopo così tanti anni:

Gilbert: “Non so se dovrebbe essere sorprendente, ma tornare di nuovo insieme a Dave è stata un’esperienza meravigliosa. Essere in grado di fare brainstorming con lui, parlare con lui, scrivere con lui e tutte quelle cose. Dave è uno scrittore molto migliore di me – in realtà scrive solo cose – e ho imparato così tanto dall’essere in grado di lavorare con lui su questo.

E lavorare con Michael Land e Peter [McConnell] e Clint [Bajakian], che stanno facendo la musica, semplicemente tornando insieme a loro e fare un tuffo nel passato a 35 anni fa — è stata un’esperienza davvero meravigliosa.

E rivisitare il mondo, rivisitare Monkey Island, non lo facevo da molto, molto tempo. Ricordo quando ho iniziato questo progetto e stavo scrivendo il codice e ho digitato per la prima volta le parole “Guybrush”. Mi ha mandato un brivido perché non avevo digitato quelle parole in codice per 35 anni. È stato davvero divertente guardare di nuovo il mondo.”

Grossman: “È quasi come se non fosse passato un giorno. In realtà sono rimasto molto colpito, piuttosto che sorpreso, di quanto sia andato tutto liscio, costruire questo gioco per due anni senza che nessuno fosse in ufficio insieme. È una specie di trionfo della comunicazione remota per farlo funzionare. E anche tenerlo segreto per tutto il tempo. Non posso credere che ce l’abbiamo fatta.”


Return to Monkey Island è un videogioco che appartiene alla serie del genere , pubblicato da , per .

Return to Monkey Island non ha ancora una data di uscita.