PS5, Sony sta snobbando il mercato giapponese secondo un analista

Hideki Yasuda, analista di ACE, in un’intervista rilasciata a GamesIndustry Japan ha dichiarato che Sony negli ultimi tempi sta snobbando il mercato giapponese.

Già con il lancio di PS4 si era avvertito un allontanamento dal Giappone visto che la console è arrivata con qualche mese di ritardo in questo territorio rispetto all’Occidente. C’è poi la questione riguardante le nuove regole di Sony risalenti al 2018 sulla rappresentazione di nudi e altri contenuti che ha tagliato le gambe a molti giochi pensati appositamente per il pubblico giapponese. Passando a PS5 c’è tutta la questione sul marketing della console improntato principalmente sul mercato occidentale visto che i vari trailer di presentazione della console non presentavano nessun contenuto pensato per i giocatori del Giappone e, inoltre, le traduzioni e i sottotitoli erano spesso errati. C’è infine la storia del cambio di tasto per la conferma che in Giappone non è più il O come da tradizione ma la X come avviene da sempre in Occidente.

Nell’analisi viene sottolineato come il Giappone rappresenti solo il 10% del mercato videoludico, e per questo motivo Sony potrebbe aver deciso di concentrarsi per il lancio della console su mercati più remunerativi, specie in questi primi caratterizzati dalla carenza di console.

8 Commenti a “PS5, Sony sta snobbando il mercato giapponese secondo un analista”

  1. Sunny90 on

    Ragionandoci è una scelta condivisibile e tipica delle grandi aziende, anche se in questo caso stanno un po' "voltando le spalle" al loro Paese.
    Stanno puntando sui mercati più remunerativi, come gli USA

  2. JanderSunstar on

    Secondo un solo analista su una sola rivista sta succedendo una cosa…e voi prendete per oro colato le sue parole? Wow. A parte che la differenza nel tasto di conferma è sempre stata una cosa senza senso a mio parere perchè i giochi devono essere rimappati e quando ancora c'erano i manualetti di gioco dovevano anche essere cambiati per il resto non ci vedo nulla di strano. Sarà anche come dice questo tizio ma intanto la SONY non ha abbandonato il Giappone trasferendosi all'estero per pagare meno tasse sbandierando di essere ancora una azienda giapponese mentre la sua sede legale è altrove.

  3. Avr86SkNa on
    JanderSunstar

    Secondo un solo analista su una sola rivista sta succedendo una cosa…e voi prendete per oro colato le sue parole? Wow. A parte che la differenza nel tasto di conferma è sempre stata una cosa senza senso a mio parere perchè i giochi devono essere rimappati e quando ancora c'erano i manualetti di gioco dovevano anche essere cambiati per il resto non ci vedo nulla di strano. Sarà anche come dice questo tizio ma intanto la SONY non ha abbandonato il Giappone trasferendosi all'estero per pagare meno tasse sbandierando di essere ancora una azienda giapponese mentre la sua sede legale è altrove.

    Anche le "virgole" sono state snobbate a quanto vedo … 😉

  4. fos on
    JanderSunstar

    Secondo un solo analista su una sola rivista sta succedendo una cosa…e voi prendete per oro colato le sue parole? Wow. A parte che la differenza nel tasto di conferma è sempre stata una cosa senza senso a mio parere perchè i giochi devono essere rimappati e quando ancora c'erano i manualetti di gioco dovevano anche essere cambiati per il resto non ci vedo nulla di strano. Sarà anche come dice questo tizio ma intanto la SONY non ha abbandonato il Giappone trasferendosi all'estero per pagare meno tasse sbandierando di essere ancora una azienda giapponese mentre la sua sede legale è altrove.

    Probabilmente spinge meno del solito in oriente per via dell'offerta che non soddisfa la domanda.
    La strategia di pompare nei mercati più importanti è comprensibile. Gli USA hanno sempre avuto un occhio di riguardo, l'Europa è cresciuta molto, a questo punto il Giappone prende lo spazio che merita.
    Una volta l'Europa era l'ultima ruota del carro delle grandi, una volta partita le formiche contano (qualche centinaio di milioni in più).
    Ci sarebbe anche il discorso meno nitido delle usanze diverse riguardo alle novità d'effetto (next-gen), in cui l'Europa sembra seguire gli USA, mentre il Giappone è diventato più paziente, ma non so…

    Per me la tigna – in alcuni aspetti tipica dei giapponesi – dei tasti è da ottusi . Ci vuole tanto a mantenere le usanze, magari inserendo un'opzione apposita? La mappatura in game può cambiare di conseguenza. Poi rimane sempre strano rendere assoluta una stranezza nata fuori di casa, come lo è usare la X per confermare.

    Non credo che SONY possa fare come gli pare più di tanto, perché ha beneficiato più di una volta di sovvenzioni statali. Che fai, prendi per ridare agli altri…?

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.