Nintendo chiamata in causa: Violazione dei brevetti altrui

Console tribe news - Nintendo chiamata in causa: Violazione dei brevetti altrui

Il colosso Giapponese Nintendo e’ stato chiamato in causa dopo che una societa’ Hillcrest Laboratories si e’ recata in tribunale sostenendo che la stessa console Wii viola i propri brevetti. La Hillcrest Laboratories ha presentato una denuncia presso la International Trade Commission contro Nintendo riguardo la tecnologia di puntamento del controller Wiimote, e riguardo l’interfaccia grafica e l’organizzazione dei contenuti per la visualizzazione su una tv.

Mentre la nostra societa’ rispetta in tutti i modi possibili Nintendo, Loro sono in chiara violazione dei nostri brevetti!

Se la Commissione Internazionale dovesse prendere in causa le accuse della Hillcrest potrebbero essere sospese le vendite di console Wii in USA e dei suoi controller a rilevazione di movimento, in piu’ il colosso Giapponese dovra’ sborsare in mucchio di soldi.

25 Commenti a “Nintendo chiamata in causa: Violazione dei brevetti altrui”

1 2
  1. stefanos on

    a dire il vero quando usci sul mercato la wii fu subito accusata di aver usato con il wiimote un brevetto gia' esistente………….se ne parlo' per un po' di tempo e poi piu' niente……………..

    forse questi  tizi sono ritornati alla carica con il portafoglio gia' vuoto??

  2. --kaya--IT on

    ste cause , molte volte sono assurde , perchè queste società brevettano dei proof of concept e basta , non realizzano nulla di concreto.

    se invece stessero realizzando  una console sarebbe stata totalmente diversa e in quel caso nintendo avrebbe dovuto pagare.

  3. Priscillo on

    Se avessero ragione questi Hillcrest Laboratories, credo che più che i soldi, Nintendo ci rimetterebbe la faccia, dato che finora era sempre stata il baluardo dell'originalità.

    Veramente ne ha tante di queste cause, il wii ha portato con se gia 4-5 cause.

    Brevetti su tecnologie, ergonomia, idee.

    Solo che Nintendo non va di certo in giro a sbandierarlo e insabbia.

    Farà come ogni multinazionale, o vince la causa o vede di raggirare il problema (per intenderci, farà un po' come Sony e la ps2).

1 2

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.