Microsoft vuole che Playstation diventi come Nintendo afferma Sony

Sony ha rilasciato una dichiarazione di 22 pagine all’antitrust britannico per spiegare le sue ragioni secondo la quale l’acquisizione di Activision da parte di Microsoft non deve andare a buon fine.

L’acquisizione, afferma Sony, consentirà a Microsoft di ottenere il vantaggio del mercato videoludico grazie anche al predominio di Xbox Game Pass che sul lungo termine sarà dannoso per l’industria e i consumatori.

“Microsoft controllerà i contenuti insostituibili che guidano il coinvolgimento degli utenti. Dopo la transazione, Microsoft controllerà i contenuti di Activision che generano più coinvolgimento degli utenti su PlayStation rispetto a tutti i titoli first party più performanti di SIE messi insieme.”

Sony ritiene che, con la mancanza di uscite di Call of Duty su PlayStation, un “numero significativo” di giocatori passerebbe invece a Xbox. Ed essendo questa la scintilla che abbassa la concorrenza sul mercato, spingerebbe Microsoft ad aumentare i prezzi delle sue console, giochi e persino PC e Xbox Game Pass.

“La strategia di preclusione di Microsoft bloccherebbe molti consumatori su Xbox, inclusi gli utenti Xbox esistenti che giocano a Call of Duty e quelli che passano da PlayStation a giocare a Call of Duty. Questi utenti vincolati diventerebbero meno propensi a cambiare in risposta a qualsiasi azione favorevole alla concorrenza da parte di SIE.

Ciò impedirebbe efficacemente a SIE di competere per il business di un’ampia porzione di giocatori di console, riducendo i suoi incentivi a investire.”

Parlando di come l’accordo danneggerebbe gli sviluppatori, Sony ritiene che la posizione di leader di mercato di Microsoft darebbe alla società il monopolio quando si tratta di servizi in abbonamento con Xbox Game Pass, il che potrebbe spingere Microsoft a offrire agli sviluppatori indipendenti accordi peggiori.

“Poiché Microsoft ha precluso PlayStation/PlayStation Plus, è probabile che diventi un canale di distribuzione fondamentale per gli sviluppatori indipendenti. In quella posizione negoziale indebolita, gli sviluppatori indipendenti riceverebbero probabilmente condizioni peggiori per i loro contenuti da Microsoft o addirittura sarebbero tenuti a promettere l’esclusività in cambio della distribuzione, diminuendo così la capacità e l’incentivo degli sviluppatori indipendenti a investire in nuovi giochi di alta qualità. Questo, a sua volta, danneggerebbe ulteriormente i consumatori.”

Microsoft a sua volta si difende affermando che Nintendo dimostra come le piattaforme senza Call of Duty riescano ad avere successo. Sony d’altra parte afferma che le dichiarazioni di Microsoft ignorano i fatti, dal momento che il modello di business di Nintendo non si basa sulla dipendenza da franchise di sparatutto con rating 18.

“Microsoft afferma che il modello differenziato di Nintendo dimostra che PlayStation non ha bisogno di Call of Duty per competere in modo efficace. Ma questo rivela la vera strategia di Microsoft. Microsoft vuole che PlayStation diventi come Nintendo, in modo che sia un concorrente meno stretto ed efficace di Xbox.

Dopo la transazione, Xbox diventerebbe lo sportello unico per tutti i franchise di sparatutto più venduti su console (Call of Duty, Halo, Gears of War, Doom, Overwatch), come spiega la decisione, e sarebbe quindi libero da una seria pressione competitiva.

Ignorando questi fatti, Microsoft sostiene che Nintendo ha avuto successo senza l’accesso a Call of Duty. Questo non coglie il punto. Nintendo offre un’esperienza differenziata rispetto a Xbox e PlayStation perché si concentra su giochi per famiglie che sono molto diversi dai giochi FPS PEGI 18 come Call of Duty.”

Sony sottolinea inoltre che, abbastanza interessante, Microsoft non tiene traccia di Nintendo così come tiene traccia di PlayStation nei suoi documenti interni quando si tratta di valutazione competitiva. Ciò indicherebbe che Microsoft non vede davvero le piattaforme Nintendo come concorrenti di Xbox nello stesso modo in cui vede PlayStation come concorrenza.