Londra: ancora una volta polemiche contro i videogiochi violenti

Console tribe news - Londra: ancora una volta polemiche contro i videogiochi violenti

Dopo le innumerevoli accuse rivolte negli States contro la violenza videoludica, dopo le opere di vera e propria censura che hanno avuto luogo in Germania, ecco che il solito problema si ripresenta nel vecchio continente. Questa volta l’allarme viene da Londra, per voce del suo stesso sindaco, Boris Johnson. Esponente del Partito Conservatore, neo-eletto alla carica cittadina più importante, ha puntato il dito contro le babygang e il dilagante fenomeno che vede minorenni armati di coltelli combattere per le strade. In un editoriale su Thelondonpaper Johnson spiega che sta muovendo una compagna sensibilizzante per far capire a tutti i ragazzi londinesi che avere un coltello in tasca ‘non è fico’!. Poi si scaglia contro le rock star dedite all’uso di droga e ai videogiochi violenti, accusandoli di creare dei modelli sbagliati a cui i giovani si ispirano e con cui si identificano.
Prosegue il tentativo di politici e avvocati di trovare un capro espiatorio per spiegare il declino morale e sociale a cui stiamo assistendo. Strano che non vengano mai messi al bando la tv spazzatura e l’ignoranza dilagante.
Aspettiamo le repliche e i provvedimenti che verranno presi in Inghilterra tenendo presente che la stessa Inghilterra è patria di alcune tra le più importanti software house d’Europa.

20 Commenti a “Londra: ancora una volta polemiche contro i videogiochi violenti”

  1. p3trucci on

    la colpa è sempre dei videogiochi! non è di tutta la violenza che fa vedere in tv o della merda che mettono in onda 24su24…sempre del videogioco ^^

  2. Fi@mmiferaio on

    la colpa è sempre dei videogiochi! non è di tutta la violenza che fa vedere in tv o della merda che mettono in onda 24su24…sempre del videogioco ^^

    vero….ma perchè loro ci guadagnano con la tv spazzatura e i tg montati fasulli!!! porci!!!!!:cry:

  3. TuLKaS on

    Certo che la colpa è dei videogiochi. Io quando giocavo a Leissure Suite Larry andavo in giro facendo finta di essere larry ma non so il perché molte ragazze mi mandavono a quel paese :lol:.

    Scherzi a parte, questi secondo me sono delle accuse che non meritano nemmeno di essere prese in considerazione. Perché invece non vietano la vendita di coltelli ai minori o  se proprio vogliono veramente far una crociata contro questi loro demoni perché non fanno valere legalmente il codice PEGI?

  4. Shogo175R on

    Oggi giocando a gta4 mi è presa una voglia irrefrenabile di uscire impugnare il mio lanciarazzi  distruggere le macchine dal ponte piu vicino…poi ancora non contento dopo aver giocato a tomb raider mi sono aggrappato al tetto della mia casa per andare sul balcone del vicino..ivece di stare a chiacchierare sui videogiochi che è finzione andassero a levare la droga dalle strade che quella è la putrefazione del paese

  5. jasonpa on

    …ma censurare la pettinatura del tipo biondo platino invece di continuare a rompere con 'sta storia dei videogiochi che causano la delinquenza giovanile, la fame nel mondo, il buco nell'ozono e la diffusione di malattie mortali? Oh mi gooooooooooooooold! 🙂

  6. :or3st: on

    sempre le stesse storie..non capiscono che non sono i videogiochi o le altre stronzate a far rimbeccillire i bambini..è tutto nelle mani dei genitori invecie che dovrebero prendersene cura e guardare quello che fanno o che COMPRANO;.,,,,

  7. Nero94xxx on

    naa…preferisco un m4

    rpg :dance2: 

    dimenticate tutto quello che è successo per i vecchi gta (san andreas in particolare), poi, 50 cent bullet proof addirittura vietato in australia, manhunt 2 e tanti altri, secondo loro sono i videogiochi la causa per il quale i ragazzi di drogano rubano ecc.?

  8. NoelG on

    Oddio, io l'altro giorno ho visto dal balcone di un ospedale una rampetta che sembrava fatta apposta per le acrobazie folli di GTA… ho avuto la tentazione di provarci =)

    A parte gli scherzi, io sono del parere che prendersela coi videogiochi ha un che di fondato, finchè non si faranno rispettare i limiti di età…

    la televisione è più passiva, il videogioco è più attivo. Nel caso di un ragazzo fortemente labile mentalmente è più alta la probabilità che faccia qualcosa di male giocando a un videogame piuttosto che vedendo la TV.

    Ma, sempre parlando di soggetti troppo suggestionabili, sarebbero i genitori che dovrebbero starci attenti.

    Naturalmente sono una minoranza rispetto al totale di persone che giocano, ma io anche punterei principalmente al rispetto rigido del PEGI…

  9. Pikkierello on

    io vi dirò che il mondo nn lo capisco……..parlando di limiti ad esempio…..dei dottori hanno preso pippo pluto e paperino,li hanno fatti ubriacare e hanno deciso che 0.5 è il limite che TUTTI non possiamo superare sennò siamo UBRIACHI e nn si può guidare.amenità visto che l'alcool è una sostanza soggettiva,a me fa un effetto,a te un altro,vabbè

    se ti trovano con una canna 6 un criminale x' 6 fuori di cervello e vai a uccidere le vecchiette.

    io nn so chi abbia deciso questa legge ma probabiolmente era nonna papera,che avendo visto qui quo e qua farsi una canna e dire stronzate ha chiamato paperon de paperoni che con le sue conoscenze altolocate ha fatto pressioni sul commissario basettoni e vabbè…

    al mondo se una cosa è pericolosa anche solo x un ristretto numero di persone la si vieta o si limita a tutti,questa è la democrazia,essendoci quindi bimbiminkia che si impersonano in pacman qndo vanno in discoteca alla domenica pomeriggio saltellano e mangiano pillole magiche ascoltando musica elletronica ripetitiva e qndo sn davanti a gta si credono niko bellic dovrebbero vietare i videogames alla maggior parte delle persone,oppure sottoporle a svariati test psicoattitudinali ogni mese

    da questi test nn sn esclusi i vari premier,presidenti del consiglio e IL GOVERNO OMBRA

    nel 2008 il GOVERNO OMBRA ma voi state ancora a sentire quello che dicono i MINISTRI DEL GOVERNO OMBRA???non ce lo vedete IAN SOLO VELTRONI con la pistola laser che combatte contro DARTH BERLUSCONI???secondo me ogni notte prima di dormire Walter ci pensa di brutto….

    questo discorso x dire,o vieti tutto O TI LEVI DAI COJONES e non rompi le OO a chi vuole vivere la sua vita in pace uccidendo gli Spetznaz o i vai covenant che gli si mettono davanti

  10. NitroMax41 on

    i ragazzi di 20anni sn tt criminali, qnd stanno male nn vanno dal medico ma mangiano panini, fanno tutti i taxisti e lavorano cn la mafia.. chiaramente x' hanno giocato a gta qnd erano minorenni!

    fosse così almeno nn ci sarebbe il problema di trovare lavoro e i bimbiminkia verrebbero sterminati ^^

  11. Nero94xxx on

    Non sono d'accordo con Pikkierello per il fatto dell'alcool, meglio avere delle precauzioni, come si fa a sapere se a te fa male e a me non ad esempio? Quindi un metro di giudizio uguale per tutti, ecco perchè la legge (NON) è uguale per tutti. Per le canne forse, alcuni ragazzi se le fanno solo per il piacere ecc. mentre altri sono criminali mentalmente malati che ammazzano, ci sono vari tipi di consumatori, comunque concludendo io penso che i videogiochi siano estranei, a meno che non sei così labile e così assoggettabile che prendi un annilhator vai in cima all empire state building e distruggi il times square!

  12. glenkocco on

    A parte gli scherzi, io sono del parere che prendersela coi videogiochi ha un che di fondato, finchè non si faranno rispettare i limiti di età…

    la televisione è più passiva, il videogioco è più attivo. Nel caso di un ragazzo fortemente labile mentalmente è più alta la probabilità che faccia qualcosa di male giocando a un videogame piuttosto che vedendo la TV.

    Ma, sempre parlando di soggetti troppo suggestionabili, sarebbero i genitori che dovrebbero starci attenti.

    Naturalmente sono una minoranza rispetto al totale di persone che giocano, ma io anche punterei principalmente al rispetto rigido del PEGI…

    quoto.. certo che è inutile prendersela con i videogiochi se poi mandano in tv tutti gli anime possibile che, spesso e volentieri, sono di una violenza tremenda.. (e spero continuino a mandarli perchè gli adoro! :asd: ) .. voglio dire.. ora.. ovvio che anche per me la colpa sta nei genitori che dovrebbero e devono stare attenti a ciò che fanno i propri figli, però è altrettanto ovvio che non possono stargli dietro 24 ore al giorno! quindi di violenza ne vedranno comunque.. sta anche nell'intelligenza del ragazzo stesso il non emulare ciò che vede.. io sono cresciuto a pane e ken shiro, ma non per questo me ne vado in giro a far esplodere le persone premendo i loro tsubo!:lol:

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.