Gli sviluppatori giapponesi non considerano i giochi occidentali afferma un ex di Kojima Productions

Jordan Amaro, ex membro di Kojima Productions che ha lavorato su Metal Gear Solid V, in una recente intervista ha parlato degli sviluppatori giapponesi e del fatto che non tengono proprio in considerazione i giochi occidentali:

“Per tre anni ho lavorato a Metal Gear Solid V e onestamente ho sentito nominare giochi occidentali solamente una volta. Stavamo lavorando a Ground Zeroes e qualcuno del team menzionò Far Cry. Ma di norma, durante le riunioni operative in Giappone, non capita mai di nominare giochi occidentali, neanche in Nintendo EAD, dove mi trovo adesso. Il contrario di quanto accade invece in Europa e Nord America, dove gli sviluppatori tengono sotto controllo i progressi dei giochi concorrenti su base settimanale o persino giornaliera.”


Nove anni dopo gli eventi di MGSV: Ground Zeroes e la caduta della Mother Base, Snake, conosciuto anche come Big Boss, si risveglia da un lungo coma, durato quasi dieci anni. Il gioco inizia nel 1984, in piena crisi globale provocata dalla Guerra Fredda. La missione di Snake sarà influenzata soprattutto dalla sua volontà di vendicarsi, dando la caccia a un'unità misteriosa, conosciuta come XOF. METAL GEAR SOLID V: The Phantom Pain, continua a esplorare in maniera ambiziosa alcuni temi maturi, come la psicologia della guerra e le atrocità perpetrate da chi resta coinvolto nel suo circolo vizioso. MGSV: The Phantom Pain è uno dei giochi più attesi dell'anno, grazie alle sue ambientazioni liberamente esplorabili, una fedeltà grafica fotorealistica e un game design ricco di opportunità, ma è destinato anche a diventare uno dei migliori capolavori del settore videoludico per la sua narrazione cinematografica, le tematiche forti e un'azione di gioco tattica davvero avvincente.

Metal Gear Solid 5: The Phantom Pain è un videogioco che appartiene alla serie del genere sviluppato da e pubblicato da per , , , .

La data di uscita di Metal Gear Solid 5: The Phantom Pain è il 1 settembre 2015 per Playstation 3, Playstation 4, Xbox 360, Xbox One.

Un Commento a “Gli sviluppatori giapponesi non considerano i giochi occidentali afferma un ex di Kojima Productions”

  1. Tecno360 on

    Dovrebbero cominciare a farlo… certi loro giochi sono degni delle generazioni precedenti, per quanto sono basici tecnicamente…

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.