Disney vuole togliere a EA la licenza per i videogiochi di Star Wars?

Prima di procedere con la lettura di questa notizia vi invitiamo a prendere il tutto con le dovute precauzioni non essendoci nessuna conferma o prova di quanto vi stiamo riportando.

Secondo alcune fonti anonime del portale Cinelinx, Disney vuole interrompere il suo accordo con Electronic Arts per la produzione dei videogiochi di Star Wars. La casa di Topolino non è infatti soddisfatta di come la compagnia sta gestendo il brand di Star Wars dal punto di vista videoludico, sembra infatti che le microtransazioni di Battlefront II hanno portato molti problemi nel rapporto tra le due aziende. Addirittura sembra che sia stata Disney a spingere EA ad eliminare le microtransazioni in Battlefront II dopo l’enorme polverone della community, anche se ciò non è bastato per salvare le vendite del gioco che sono al di sotto delle aspettative.

Insomma Disney non sembra particolarmente felice dell’attuale situazione, il brand di Star Wars sta dominando al cinema e sta registrando un grande successo anche in altri media, mentre i videogiochi stanno faticando, EA ha rilasciato in cinque anni (l’accordo fu siglato nel 2013) solo due giochi per console fisse, di cui un sequel, con altri a malapena annunciati (sappiamo che Respawn Entertainment è al lavoro su un action game di Star Wars non ancora presentato al pubblico) e altri addirittura cancellati (il progetto di Visceral Games) in favore di un riciclaggio di quegli assets in favore di un gioco a servizio.

Una situazione che non sta rendendo felice Disney e LucasArts con i dirigenti che si stanno guardando intorno contattando sia Ubisoft che Activision per un possibile nuovo accordo. Ricordiamo però che l’accordo firmato nel 2013 tra EA e Disney scadrà nel 2021, di conseguenza una domanda sorge spontanea: come farà la casa di Topolino a riprendersi entro breve i diritti videoludici di Star Wars per poi riassegnarli a un’altra compagnia? Secondo le fonti di Cinelinx, è presente una clausola nel contratto che permette a Disney di ritirare la licenza dalle mani di Electronic Arts nel caso alcune condizioni non vengano rispettate. Si tratta, secondo Cinelinx, di una clausola che viene inserita spesso quando si ha a che fare con brand così importanti e con tutti i problemi e la mancanza di giochi sembrano esserci tutte le condizioni per permettere a Disney di riprendersi la licenza.