Assassin’s Creed Infinity: Ubisoft annuncia il nuovo progetto, sarà un live service

Ubisoft ha annunciato lo sviluppo di un ambizioso progetto di una delle sue più popolari serie, ovvero Assassin’s Creed.

Il progetto ha il nome in codice Assassin’s Creed Infinity e vede la collaborazione di due studi: Ubisoft Montreal e Ubisoft Quebec. Questa nuova struttura collaborativa tra i due studi sarà guidata da Marc-Alexis Côté, uno dei fondatori di Ubisoft Quebec, che ricoprirà il ruolo di produttore esecutivo. Côté è uno dei veterani di Assassin’s Creed lavorando alla serie sin dai tempi di Brotherhood per poi diventare direttore creativo di Syndicate e più recentemente produttore senior di Odyssey. Ad affiancarlo sarà Étienne Allonier di Ubisoft Montreal, brand director della serie degli assassini negli ultimi 10 anni.

I due studi saranno supervisionati da Julien Laferrière di Ubisoft Montreal, nominato produttore senior. Laferrière può vantare sul proprio curriculum una grande esperienza con il brand avendo lavorato su Assassin’s Creed dal 2007 prima di diventare produttore di Valhalla. Dumont è stato director di Syndicate e Odyssey. Hocking di Ubisoft Montreal e può vantare nel curriculum alcuni titoli della serie Splinter Cell, Far Cry 2 e Watch Dogs Legion.

Anche i lead creativi di Assassin’s Creed Infinity saranno una collaborazione tra i due studi con Jonathan Dumont e Clint Hocking che condivideranno la leadership come creative director supervisionando rispettivamente i team di Quebec e Montreal.

Questo cambiamento significa che ci stiamo anche evolvendo insieme all’industria dei videogiochi. La pandemia e il lavoro da casa hanno cambiato radicalmente il modo in cui produciamo i giochi, dandoci un momento per riflettere sulla nostra organizzazione. Assassin’s Creed è nato tra le mura di Ubisoft Montreal e lo studio ha costruito un’incredibile base per il franchise con l’immensa abilità e creatività dei suoi team prima che Ubisoft Quebec prendesse il comando con Assassin’s Creed Syndicate e Odyssey, dimostrando la sua capacità di guidare ulteriormente il franchise.

Piuttosto che continuare a passare il testimone da un gioco all’altro, crediamo profondamente che questa sia un’opportunità per uno dei franchise più amati di Ubisoft di evolversi in un modo più integrato e collaborativo, meno incentrato sugli studi e più focalizzato sul talento e sulla leadership, non importa dove si trovano all’interno di Ubisoft. Ancora più importante, Assassin’s Creed è sempre stato sviluppato da team multiculturali con vari background e prospettive che hanno influenzato la rappresentazione dei suoi personaggi, luoghi e culture. Pur sapendo che c’è sempre spazio per miglioramenti, crediamo che questa nuova struttura ci permetta di garantire che la diversità e la rappresentanza all’interno delle nostre squadre continuino a crescere e ad eguagliare quelle dei nostri giocatori.

Speriamo che ti unirai a noi per questo incredibile viaggio e siamo entusiasti di condividere di più su ciò che sta arrivando per Assassin’s Creed Valhalla e Assassin’s Creed Infinity in un secondo momento.

Ma come si traduce questo importante cambiamento? In un report del noto insider e giornalista Jason Schreier, Assassin’s Creed Infinity sarà una sorta di hub che proporrà una serie di ambientazioni diverse. L’idea è di creare un progetto a supporto continuo che possa vivere nel tempo come Fortnite e GTA Online. Tramite questo hub i giocatori potranno accedere ai vari capitoli della saga: da quelli principali a quelli più piccoli. Nel report si parla di un lancio previsto non prima del 2024.