Alan Wake supera la quota di 2 milioni: la serie ha un futuro

Alan Wake supera il traguardo dei due milioni

L’originale Alan Wake ha raggiunto e superato la quota dei due milioni di pezzi venduti, la conferma arriva direttamente da Remedy tramite Oskari Häkkinen che in una recente intervista a CVG ha sottolineato il traguardo raggiunto dal thriller che lo ha portato a diventare un “cult” tra i giocatori: “abbiamo venduto più di due milioni di copie, dopo un avvio lento abbiamo raggiunto un risultato molto positivo. Si tratta di un gioco che riesce ad andare avanti con le proprie gambe. Credo sia la tendenza naturale per le esperienze basate sulla narrazione“.

Alla domanda sul futuro del franchise dopo il traguardo raggiunto e il recente rilascio di American Nightmare, Häkkinen ha detto:”Sì, penso di sì. Alan Wake è sicuramente molto vicino ai nostri cuori. Non è una IP che dimenticheremo molto facilmente“.

Dopo Max Payne avremmo potuto letteralmente andare con tutta la squadra su una spiaggia a sorseggiare cocktail per un bel po’ di tempo. Non è un segreto che il franchise di Max Payne è stato venduto per $ 45 milioni. Questo ci ha messo in una situazione davvero promettente ma al tempo stesso i nostri cuori sono rivolti al fare videogiochi e non a sorseggiare cocktail sulla spiaggia“.

Alan Wake è stato rilasciato su PC il mese scorso e in soli due giorni ha recuperato tutti i costi. Dunque, nonostante l’alto numero di copie piratate, Alan Wake sembra avere preso la strada che porta ad un vero e proprio sequel


Alan Wake è un videogioco che appartiene alla serie del genere sviluppato da e pubblicato da per .

La data di uscita di Alan Wake è il 14 maggio 2010 per Xbox 360.

20 Commenti a “Alan Wake supera la quota di 2 milioni: la serie ha un futuro”

  1. Bahamut Zero on

    speriamo la pensi così anche microsoft. comunque è un risultato decente data la pirateria selvaggia sia su xbox che su pc, e il disastroso lancio suicida all'epoca dell'uscita su console. penso che la toppa più grossa l'abbia messa steam, di certo non il supporto di microsoft, che nemmeno si era impegnata per trovare un publisher in america

  2. SONICCO on

    mi fa più che piacere

    alan wake è stato un gran titolo e meritava buoni risultati..io l'ho comprato e giocato con una soddisfazione davvero piacevole,come pochi…soprattutta per quanto riguarda la storia

    non era questa mera mediocrità ripetitiva come certi stronzetti quì sul tribe scrivevano prontamente e ripetutamente ad ogni news 😉

  3. Bahamut Zero on

    Sono proprio tanti. Chissà come mai tanta differenza (Max Payne non è final fantasy che ha milioni di episodi non si sa su quante console) per due prodotti in fondo buoni agli stessi livelli… Non può essere solo colpa di Microsoft alla fin fine

  4. kameo85 on

    non era questa mera mediocrità ripetitiva come certi stronzetti quì sul tribe scrivevano prontamente e ripetutamente ad ogni news

    quotissimo!!!

    ma qui caro sonicco, come già ho scritto ieri sul thread di SILENT HILL: DP, se non è un gioco call of duty,gears of war, battlefield, assassin's creed, non viene valorizzato nulla….

    uscisse ogni anno un gioco così come AW, contentissimo di spendere anche 60-70 euro …

  5. wedcutty flam on

    caro Sonicco lo stronzo sarai te,cioe a me non è piaciuto Alan Wake e sarei uno stronzo????allora ti dirò una cosa,secondo me Deadly Premonition e 1000 volte migliore di Alan Wake in tutto,carisma del protagonista,trama,longetività,varietà,Alan Wake per me è stata una delusione totale su tutto,è prima che mi rispondi con la solita battuta sappi che non gioco ne a COD simili.

  6. Macchiaiolo on

    non era questa mera mediocrità ripetitiva come certi stronzetti quì sul tribe scrivevano prontamente e ripetutamente ad ogni news 😉

    Eccomi! E lo ripeto ogni volta! Ha un gameplay palloso e ripetitivo, tutto si regge su una storia fatta molto bene e anche la regia non è male! Il resto è solo spara spara! Giocato e finito 3 volte lo ritengo tutt'oggi nient'altro che un Max Payne nei boschi! Anzi no in Max Payne c'erano più di un tipo di nemico!

  7. kameo85 on

    secondo me Deadly Premonition e 1000 volte migliore di Alan Wake in tutto,carisma del protagonista,trama,longetività,varietà,Alan Wake per me è stata una delusione totale su tutto,è prima che mi rispondi con la solita battuta sappi che non gioco ne a COD simili.

    deadly premonition è un bel gioco, nonostante le recensioni l abbiano definito una cagata con controlli legnosi e grafica sottotono ….

  8. SONICCO on

    forse stronzetto è stato preso troppo seriamente,era meglio qualcosa di più ironico

    mi riferivo propio a voi 2 cmq,non tardano un secondo a ripetersi uno SEMPRE col suo deadly premonition e l'altro col suo immancabile ''spara spara'' :asd:

    i vostri insistenti flame ripetuti a mò di disco potrei anche ascoltarli un giorno se foste gente dalla mentalità aperta ad ogni genere di gioco e console…

    ma finquando a criticare sono uno che mastica solo only japan e un 90% nintendaro ci passo pure sopra

    deadly premonition l'ho giocato pure io ed è un bel gioco..tecnicamente datato rispetto gli standard ma pur sempre un bel titolo..

    ma non per questo mi metto a fare il guerrafondaio a chi ce l'ha più lungo..non ci guadagno niente..niente di personale,solo coerenza 🙂

    @macchia

    più di un tipo di nemico?

    non so te che max payne hai giocato…ma al difuori di sola gente armata in quel titolo non c'era altro

    e dire che max payne l'ho di nuovo rifinito 2 mesi fa su pc…poi se ti riferisci ai loro abbigliamenti è un altra cosa:asd:

    ma dimentico sempre che tu in alan wake in un ambiente di montagna con le persone dall'abbligliamento o look del posto ti saresti voluto trovare magari gente vestita alla miami vice e magari più varietà di gioco come elfi,spiritelli e uso di magia nera:asd:

  9. Macchiaiolo on

    No infatti solo omini neri andavano benissimo.

    Tanto dovevo solo sparargli :asd:

    Tiro fuori lo "spara spara" perché è l'ossatura del gioco e nient'altro. La trama nessuno può dire niente, è fatta bene e gestita bene, magari la regia poteva essere più d'effetto ma ammetto che alcune parti erano veramente ben ricercate. Ma finito il video che succede? Cammina, spara, luce, corri al lampione, spara e così fino al prossimo video. Non c'è avventura, non ci sono enigmi, non c'è ricerca o esplorazione, sono semplicemente larghi corridoi bui (dove ogni tanto è nascosta…attenzione attenzione, una cassa d'armi :asd:).

    Negare questo va ben oltre l'only japan e il 90% nintendaro (che comunque è una tua convinzione).

    Guarda bene a me è piaciuto, ho la collection e l'ho consigliato a destra e manca, ma da qui ad eleggerlo il gioco supremo dei survival horror è come farlo con Resident 5.

  10. SONICCO on

    nessuno quì ha detto che è il massimo genere del survival horror

    semplicemente è stato un bel titolo e quei 2milioni se l'è meritati..se era una mediocrità non avrei tardato dal fargli na bella critica

    e cmq non mi sentirei di parlare di pallosità..se ci concentriamo a guardare questo lato rischiarmo di scoprire che gran parte dei giochi lo sono uguali se non talvolta più pallosi di lui

    max payne alla fine apparte sparare e buttarsi col bullet time non si farà altro..non ricordo enigmi…gli fps? neanche li nomino…la maggiorparte dei jrpg seguono tutti lo stesso tema e livellamento dei classici final fatasy..i gdr americani uguali tra loro…nintendo non scherza nemmeno in tutti i suoi giochi..i giochi di auto? i dinasty warriors?

    l'unica cosa che può riuscire a mascherare la ripetività e distinguersi fra loro ad alcuni è o un gameplay divertente o una storia interessante(o entrambi)

    max payne e alan wake si giocano tutto sulla trama e il come è stata raccontata..e remedy in questo campo vedo che ci riesce sempre bene a quanto pare

    e c'è da dire anche che entrambi posseggono un doppiaggio italiano davvero impeccabile

  11. Macchiaiolo on

    Quindi vedi che alla fine diciamo la stessa cosa? 🙂

    Personalmente mi sono seguito tutta la storia dietro allo sviluppo di AW e il risultato è stato ben inferiore alle aspettative, lasciando perdere il cambio di piattaforma e il cambio da free roaming a corridoio!

    Alan alla stregua di Max Payne condivide il fatto di basarsi esclusivamente su una storia degna di questo nome. In MP avevano un poliziesco noir, in AW una storia paranormale, ma il gioco o almeno il sistema è lo stesso!

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.