SSX - Articoli

Annunciato ai VGA 2010 con un trailer al fulmicotone, SSX torna finalmente sulle nostre console dopo essere stato completamente dimenticato per un’intera generazione videoludica. Sfrecciamo nuovamente sulle montagne innevate create da EA grazie alla demo pubblica uscita il 21 Febbraio.

Annunciato ai VGA 2010 con un trailer al fulmicotone, SSX torna finalmente sulle nostre console dopo essere stato completamente dimenticato per un’intera generazione videoludica. Sfrecciamo nuovamente sulle montagne innevate create da EA grazie alla demo pubblica uscita il 21 Febbraio.

Tenetevi forte

Si inizia con un lancio dall’elicottero seguito da un’intensa sessione di skydiving che serve ad illustrarci con tutta calma i comandi del gioco. Raccolta l’eredità dai ragazzi di Black Box, SSX propone dei controlli decisamente ispirati a Skate: anche in questo caso utilizziamo la levetta destra (o i bottoni frontali) per eseguire i trick ma, a differenza del titolo a quattro ruote che focalizzava tutto sul movimento dei piedi e della tavola, in questo caso ci troviamo a decidere la posizione delle mani per i vari grab. Il risultato è un sistema dinamico e allo stesso tempo preciso che ci lascia pieno controllo sulle nostre prese e che offre allo stesso tempo un’estrema varietà di combinazioni, impossibili da eseguire con la vecchia mappatura. Nel finale del tutorial abbiamo la possibilità di usare anche la tuta volante, impiegata per planare da una valle all’altra.

Entrambe le modalità, “Race It” e “Trick It“, ci fanno capire subito quanto i controlli fluidi siano fondamentali per esplorare con stile i diversi tracciati, cercando di arrivare il più velocemente possibile alla fine o con il numero maggiore di punti. Salti spettacolari ci aspettano dietro ogni dosso mentre ritorna imponente il senso di vertigine causato anche dai vecchi episodi.
La scelta di ambientare il gioco sulle vette di montagne reali non intacca minimamente l’anima puramente arcade del titolo che continua a prendersi parecchie licenze sia sul level design, con pipe lunghissimi, transizioni mortali e cadute mostruose; sia sui trick, esagerati e impossibili da eseguire nella realtà. Se da una parte pare che si voglia andare incontro ai nuovi giocatori, con spostamenti e rotazioni aeree demandate al solo stick sinistro e grind sui pipe quasi calamitati, dall’altra non mancano sfide decisamente estreme che richiedono un’ottima conoscenza delle meccaniche di gioco per essere superate; i tre tempi e i punteggi da battere sono ordinati nel tradizionale sistema a medaglie e possiamo seguire nel dettaglio spostamenti e acrobazie dei primi ghost classificati, siano essi impostati dal gioco o dai nostri amici.

Il gioco utilizza infatti una variante del sistema Autolog, visto per la prima volta in Need for Speed Hot Pursuit, chiamato Ridenet: grazie a questa rete i nostri risultati stazioneranno nella nuvola insieme a quelli dei nostri contatti che potremo sfidare in qualunque momento e in maniera asincrona. Non mancheranno ovviamente gare da disputare in gruppo.
Gli scenari, che sembrano essere vasti e ben costruiti, alternano al bianco-grigio della montagna una palette di colori sgargianti utilizzati per evidenziare salti, rampe e pipe; il contrasto aumenta quando raggiungiamo la modalità Tricky, che si attiva riempiendo il turbo al massimo, i colori diventano più brillanti e le forme si fanno ondulate e tremolanti, in un trip lisergico che va avanti fino a che siamo in grado di macinare acrobazie.

Discesa libera

SSX è tornato in grande spolvero per riempire un buco affettivo importante e non sembra voler deludere i suoi fan più accaniti: se da una parte è riuscito ad aggiornare il sistema di controllo, migliorandolo, dall’altra ci offre un mix di adrenalina e pazzia tipico dei vecchi capitoli. Aspettiamo quindi fiduciosi il 2 marzo in attesa di provare la versione completa del gioco.

6 Commenti a “SSX”

  1. danilus on

    è un ip unico e se ne sentiva la mancanza…è rimasto fedele al vecchio stile lasciando immutato sia il feeling che l'estremo senso di felicità e divertimento che si avverte giocandoci. forse speravo nella virata gameplay in stile skate (che non c'è stata) ma va benissimo lo stesso.

    a mio avviso, un arcadozzo adrenalinico spettacolare e divertente come pochi che merita assolutamente l'acquisizione a prezzo pieno essendo un ip che manca del tutto in questa gen .

    per quanto mi riguarda ne i vari uncharted3 ne i vari fantasmagorici ultimi fps mi fanno venir voglia di giocare come un tempo, mentre da quando è uscita questa demo la mia stupida vita da gamer ha un motivo in più, per quanto futile superficiale e stupido, per dirsi felice ed appagata!

    grande gioco! divertimento e senso di libertà a mille.

    non vedo l'ora di averlo tra le mani anche se intanto con la demo è un bel divertirsi!

    manca poco…comunque sarebbe dovuto uscire prima.

  2. NinoTheDon on

    Troppo, troppissimo Arcade…. non lo prenderò, tavole che si staccano dai piedi, break dance in volo, tutte cagate per bimbiminkia…

    voglio un gioco di Snowboard in cui siano inseriti i trick esistenti ed anche un ambientazione reale, oltre a salti non di 4 km in aria…..

    Arriverà quel giorno? sigh…

  3. danilus on

    è questo ssx. ovvio la virata che viene erroneamente descritta anche in rece verso lo stile ed i controlli skate non c'è stata (skate l'ho masticato per mesi e mesi e mesi. i trick li sono altra roba), ma lo stile è il suo è SSX ed è divertimento ed adrenalina a mille.

    poi ovvio se uno cerca un minimo di simulazione allora non è SSX il gioco per lui. bensi altri titoli. come divertimento però è praticamente imbattibile, almeno per me.

  4. quetzalcoatl on

    Premesso che sono d'accordo con l'idea che se si cerca la simulazione SSX sicuramente non è la scelta consigliata (Nino prova stoked, ti potrebbe piacere), ribadisco, come ho già scritto nell'anteprima, che i controlli sono molto ispirati a quelli di skate pur rimanendo nell'ottica arcade tipica del titolo.

    La differenza è ovviamente legata all'approccio, se in Skate avevamo più libertà con i piedi e con la tavola qui (almeno per i trick base) siamo legati dagli attacchi e la scelta di far muovere le mani a piacimento sulla tavola è la diretta conseguenza, anche perché lo snow è fatto principalmente di grab.

    E lo dico da grande fan di Skate della prima ora (forse una delle poche serie dove posso vantare un buon punteggio G :D).

  5. NinoTheDon on

    Premesso che sono d'accordo con l'idea che se si cerca la simulazione SSX sicuramente non è la scelta consigliata (Nino prova stoked, ti potrebbe piacere), ribadisco, come ho già scritto nell'anteprima, che i controlli sono molto ispirati a quelli di skate pur rimanendo nell'ottica arcade tipica del titolo.

    La differenza è ovviamente legata all'approccio, se in Skate avevamo più libertà con i piedi e con la tavola qui (almeno per i trick base) siamo legati dagli attacchi e la scelta di far muovere le mani a piacimento sulla tavola è la diretta conseguenza, anche perché lo snow è fatto principalmente di grab.

    E lo dico da grande fan di Skate della prima ora (forse una delle poche serie dove posso vantare un buon punteggio G :D).

    dei controlli mi ha molto garbato l'associazione mano dx o sx come base di partenza del trick, con poi spostamento della levetta verso la parte di tavola che vuoi prendere, però certe cose come il superTRICKY e 1.800 girati su un saltino a bordo pista per un purista di questo sport non si possono vedere :asd:

    Stoked l'ho provato, anzi, ce l'ho, il Big Air edition, ed effettivamente lo preferisco 😉

  6. PhantomEdo on

    Dopo scarico…

    @nino: ma meglio sia arcade, Tricky era divertentissimo e ivviamente c'erano cose impossibili! :asd:

    Se vuoi un titolo serio guarda altro, questo è il CoD dei giochi di snowboard (solo che è molto meglio)! 😀

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.