PSN+ Gennaio 2011 - Articoli

Anche questo mese il PSN+ ha portato nuovi giochi a tutti gli abbonati, accontentando a questo giro in particolare i possessori di una PSP con numerosi sconti per tanti buoni titoli, primo tra tutti Monster Hunter: Freedom Unite. Nessuna beta, questa volta, ma come si sa di solito gennaio rappresenta il mese di transizione, e come tale risulta scarno di contenuti: d'altronde e' una sorta di collegamento tra il "caldo" periodo autunnale/invernale, ovvero gli ultimi mesi del 2010, e quello primaverile davvero promettente. Diamo quindi insieme un'occhiata ai contenuti rilasciati questo mese.

Anche questo mese il PSN+ ha portato nuovi giochi a tutti gli abbonati, accontentando a questo giro in particolare i possessori di una PSP con numerosi sconti per tanti buoni titoli, primo tra tutti Monster Hunter: Freedom Unite.
Nessuna beta, questa volta, ma come si sa di solito gennaio rappresenta il mese di transizione, e come tale risulta scarno di contenuti: d’altronde è una sorta di collegamento tra il “caldo” periodo autunnale/invernale, ovvero gli ultimi mesi del 2010, e quello primaverile davvero promettente. Ecco quindi che se nei mesi scorsi si erano potute provare le beta di DC Universe e di Killzone 3, in uscita rispettivamente in questi giorni e a fine febbraio, bisognerà aspettare almeno il prossimo aggiornamento del 3 febbraio – o in qualcuno successivo – per sperare di poter mettere le mani sulle versioni di prova di nuovi giochi. Le possibili demo testabili in anteprima quali potrebbero essere? Secondo le nostre previsioni una sull’ormai prossimo Motorstorm: Apocalypse, esclusiva PlayStation 3, o magari una sul discusso Crysis 2, e non escluderemmo a priori una sulla modalità cooperativa di Portal 2, visto il recente cambio di comportamento della Valve nei confronti di Sony e della sua console.
Ma adesso torniamo a noi, e a questo mese di abbonamento del PSN+. L’offerta ancora una volta è rappresentata principalmente dai giochi: un titolo PSN, in questo caso Shatter, due minis, i simpatici Pipe Madness e Kahoots, e il classico PSOne, ovvero il vecchissimo G-Police. Poi, come accennato prima, si ha la possibilità di comprare qualche bel titolo PSP scontato e, infine, si possono scaricare temi dinamici e numerosi avatar. Inoltre segnaliamo la presenza di uno sconto sia per Modern Combat: Domination, gioco uscito con l’ultimo aggiornamento della settimana scorsa, che per Costume Quest, simpatico gioco di ruolo con tanto di espansione.
Adesso, dopo tutte queste parole, analizziamo più nel dettaglio questi titolo.

Shatter

Shatter è certamente un titolo dallo stile davvero unico, e a suo modo ricercato. Non esiste una storia di base per questo gioco, fondato tutto quanto sul gameplay tanto immediato quanto coinvolgente. Voi dovrete controllare una sorta di robot a forma di scudo, il cui compito sarà quello di distruggere i muri e tutti gli altri elementi presenti nel livello facendo semplicemente rimbalzare contro sé stesso una pallina dall’alto tasso distruttivo. Una sorta di Arkanoid moderno, se voglia metterla in questi termini. Una volta lanciata la biglia all’inizio dello stage, il giocatore non dovrà far altro che evitare che questa superi i confini su cui si muove lo scudo da lui stesso controllato, facendo rimbalzare la sfera il numero sufficiente di volte per distruggere tutto quello che è presente nei confini del livello. A questa regola abbastanza elementare ne sono state aggiunte però una manciata di originali, che di sicuro arricchiscono il gameplay e rendono il tutto certamente più divertente. Ecco quindi che, distruggendo i blocchetti sparsi per il livello, compariranno delle minuscole sferette di energia, risucchiabili per ottenere sia i preziosi punti quanto utilissima energia. Energia sfruttabile poi per lanciare un attacco speciale capace di disintegrare tutto ciò che si trova davanti allo scudo. Inoltre si potranno compiere altre tre azioni particolari: le prime due sono una sorta di risucchio, come appena accennato utile per recuperare i punti, e di soffio – necessari oltretutto per spostare la pallina modificandone la traiettoria e tenendola più o meno lontana dallo scudo -, mentre l’altra permette di lanciare altre palline – per un numero pari a quello segnalato sotto la barra dell’energia. Bisognerà fare attenzione però a non perderle tutte, pena l’odiato game over.
E dopo un determinato numero di livelli compariranno, uno per ogni ambientazione, gli immancabili boss, da eliminare a colpi di biglie o con l’attacco speciale, studiando con attenzione le tattiche del nemico per sfruttarle a proprio vantaggio. Una volta terminata la sessione ci sarà poi un livello bonus da completare, utile per totalizzare punteggi elevati e superare in classifica i propri amici.
Insomma, il risultato finale è un gioco dal gameplay tanto immediato quanto di sicuro divertimento, accompagnato il tutto da una grafica coloratissima e ricca di effetti speciali e da un sonoro d’effetto, che si sposa perfettamente con lo stile del gioco. Se questo genere di giochi vi piace, e se Arkanoid lo avete adorato, di sicuro vi innamorerete di questo titolo.

G-Police

Il classico PSOne di questo mese, G-Police, è un titolo fantascientifico, che vi mette nei panni di un poliziotto del futuro.
Tra tanto tempo, stando alle cronache del gioco, le megacorporazioni terrestri creeranno colonie su altri pianeti alla ricerca di risorse energetiche nuove, da poter utilizzare sulla Terra. Con il passare degli anni diverranno tanto potenti e tanto importanti da decidere loro il futuro di tali risorse e, automaticamente, quello della gente, liberandosi di chiunque cerchi di ostacolarle. E per tutelare ognuna i propri interessi, queste società spesso valicheranno i confini della legalità e della moralità, creandosi dei piccoli eserciti privati e assumendo la peggior feccia della società per mandare avanti i loro biechi interessi. Ma un poliziotto, il protagonista di questa storia, a cui è misteriosamente morta la sorella, vorrà fare luce su numerosi e strani accadimenti.
Questa, in poche parole, è la storia narrata da G-Police, sparatutto che per atmosfere ricorda per molti versi il famosissimo Blade Runner. Il giocatore infatti si vedrà costretto a muoversi all’interno di una città dai colori spenti, inquinata e piena di gentaglia, e dovrà guidare un velivolo della polizia alla ricerca di criminali di ogni genere, intercettando convogli che trasportano merce illegale e supportando i colleghi in pericolo. Insomma, mansioni normali per uno sbirro del futuro, che si rivelano però divertenti per un giocatore del presente. Ecco che quindi si dovrà guidare questa navicella tra alti grattacieli e palazzi ben più modesti, scegliendo una delle varie visuali – anche se quella dalla cabina di pilotaggio risulta la più comoda – e seguendo gli ordini impartiti via radio dalla stazione centrale. Si potrà decidere a inizio missione che tipo di armi portarsi, spaziando da potenti mitragliatrici a missili di vario tipo, necessari per eliminare in fretta le navicelle dei contrabbandieri; inoltre andrà utilizzato spesso uno scanner necessario per visualizzare i contenuti di casse di merci, alla ricerca di materiale illegale.
E, tra una missione e l’altra, si esplorerà man mano la cupa città, rappresentata purtroppo da una grafica ormai troppo vecchia. Sebbene modelli poligonali e texture potrebbero anche non dare fastidio all’ormai ben abituato occhio del giocatore moderno, il pop-up presente nel gioco è davvero esagerato, con palazzi che compaiono a poche decine di metri dal mezzo e strade che scompaiono in una sorta di foschia nera. Certo, se si riesce a chiudere un occhio su questo e su un doppiaggio che alterna alcuni alti con numerosi bassi, ci si ritrova di fronte ad un titolo ancora oggi piacevole, capace di regalare qualche ora di divertimento a chi ha sempre sognato di fare tanto il poliziotto quanto l’astronauta.