Assassin’s Creed Brotherhood: La Scomparsa di Da Vinci - Articoli

Dopo i due DLC gratuiti dedicati esclusivamente alla modalita' multiplayer di Assassin's Creed: Brotherhood, Ubisoft rilascia 'La Scomparsa di Da Vinci', primo contenuto extra che va ad ampliare anche la trama principale del titolo, introducendo un nuovo ricordo legato al passato di Desmond Miles. Una setta dedita al culto di Pitagora, gli Ermetisti, e' venuta a conoscenza delle scoperte di Leonardo e lo rapisce per estorcergli tali informazioni. Dunque spettera' al fidato Ezio riportare a casa il suo caro amico.

Dopo i due DLC gratuiti dedicati esclusivamente alla modalità multiplayer di Assassin’s Creed: Brotherhood, Ubisoft rilascia “La Scomparsa di Da Vinci”, primo contenuto extra che va ad ampliare anche la trama principale del titolo, introducendo un nuovo ricordo legato al passato di Desmond Miles.

Di nuovo nell’Animus, di nuovo a Roma

La vicenda narrata in questo DLC prende forma nel 1506, quindi poco prima della conclusione della storia originale. Desmond Miles comincia a ricordare una storia che coinvolge Leonardo Da Vinci che, durante i suoi studi su Pitagora, ha scoperto l’entrata di una catacomba che cela un misterioso tempio, al cui interno risiede un oscuro segreto legato al frutto dell’Eden. Una setta dedita al culto di Pitagora però, gli Ermetisti, è venuta a conoscenza delle scoperte di Leonardo e lo rapisce per estorcergli tali informazioni. Dunque spetterà al fidato Ezio riportare a casa il suo caro amico.

Va subito chiarito che l’offerta proposta da Ubisoft con questo contenuto non è delle migliori se parliamo di longevità: la vicenda si esaurirà nel giro di 8 missioni, sicuramente ben sviluppate e ricche dei migliori elementi del gameplay del titolo (tra sessioni stealth, schermaglie all’arma bianca fino alle classiche ed immancabili fasi platform) ma decisamente troppo poche visto che un giocatore medio di Assassin’s Creed non avrà difficoltà a portarle a termine nel giro di un’ora effettiva di gioco.
La storia, sebbene sia raccontata in maniera convincente, rimane comunque al pari di una qualunque missione secondaria già vista nel gioco completo, senza rivelare chissà quali aspetti nascosti della trama o nuovi elementi riempitivi.

La sensazione è che tutto si esaurisca in fretta, forse pure troppo, lasciando il giocatore con un palmo di naso, proprio quando ci saremmo aspettati una sostanziosa quantità di missioni e di ore di gioco, anche considerando il prezzo di tale contenuto.

Chi non ammazza in compagnia, la setta se lo porta via…

Per fortuna l’offerta comprende anche una nuova mappa per il multiplayer denominata Alambra (disponibile anche in versione notturna) nonché quattro nuovi personaggi: Dama russa, Cavaliere, Reietto e Marchese. Come al solito la nuova mappa è un perfetto concentrato di spazi aperti e luoghi angusti, insomma l’ambiente ideale per tattiche stealth e approcci diretti, impreziosita dalla solita maestria della direzione artistica.
Si aggiungono al pacchetto anche due nuove modalità: Assassinio e Scorta. Nella prima due squadre da otto giocatori dovranno individuare ed uccidere silenziosamente i templari sulla mappa, con la particolarità che andrà usato obbligatoriamente il sistema di aggancio prima di eseguire l’uccisione; nella seconda, invece, gli stessi schieramenti hanno un leader designato e costantemente segnalato. L’obiettivo di ambedue le fazioni, nei due round da quattro minuti che compongono la partita, sarà assassinare il leader avversario cercando, al contempo, di proteggere il proprio.

Due modalità sicuramente interessanti e divertenti, oltre che ben realizzate, che vanno ad aggiungere nuova linfa vitale al comparto multigiocatore di Brotherhood.

Euro-fiorino: un cambio conveniente?

La scomparsa di Da Vinci è sicuramente un buon prodotto sotto ogni punto di vista ma purtroppo delude proprio dove le aspettative dei fan erano più grandi: l’espansione del single player. Poche missioni, neanche troppo impegnative ed una vicenda di certo non esaltante non giustificano l’esborso dei circa 10 euro che rappresentano il costo di questo DLC.
Fortunatamente l’offerta legata al multigiocatore è buona e farà la gioia di tutti gli amanti delle modalità online del titolo.
Un contenuto il cui acquisto va attentamente valutato: per i fan sfegatati della serie sarà praticamente un acquisto obbligato, per tutti gli altri si consiglia di aspettare un calo di prezzo, perché stavolta il gioco non vale tutta la candela.

 

DISCUTINE SUL FORUM