Recensione di De Blob 2 - Recensione

Recensione di De Blob 2 di Console Tribe

Se sparatorie e massacri non fanno per voi, se non siete avvezzi a complicate battaglie a turni e se gli sport non sono proprio il vostro forte, niente paura, ci pensa Blue Tongue a tirarvi su il morale, portandovi nel fantastico e coloratissimo mondo di De Blob!
Rotoliamo verso questa nuova avventura platform che sbarca finalmente su console HD dopo aver riscosso grande successo sul Wii di casa Nintendo.

Blob is back!

Se vi siete persi il precedente episodio di De Blob, eccovi un breve riassunto: il mondo dei Blob è un pianeta felice e colorato, popolato da simpatici individui che vivono in armonia con l’ambiente che li circonda. La pace però è interrotta dal Compagno Nero che, invidioso della felicità dei Blob, invade Chroma City rubandone tutti i colori e con questi la felicità dei propri abitanti, trasformandoli in adepti soggiogati dalla sua volontà. Fortunatamente l’eroico Blob riesce a fermarlo e a costringerlo alla ritirata, restituendo a Chroma City colori ed entusiasmo.
In questo secondo episodio il Compagno Nero punta a invadere Prisma City, una ridente cittadina di mare che non sa minimamente cosa sta per succedere. Anche stavolta il malvagio dittatore libera i suoi seguaci e trasforma ogni distretto della città in uno sbiadito agglomerato di palazzi bianchi e grigi, scaricando nei mari fiumi di inchiostro nero e tossico. Gli abitanti, derubati della propria personalità, cominciano ad aggregarsi alla setta del despota e la fine sembra ormai vicina…
Il Compagno Nero, però, non ha fatto i conti con Blob, che è ancora sulle sue tracce ed è determinato a sconfiggerlo ancora una volta a suon di pittura e rimbalzi.

[IMG]14680[/IMG]

La simpatica quanto semplice trama di De Blob 2 è una divertente critica parodistica ai più famosi stereotipi politici degli ultimi anni come la dittatura, la rivoluzione e i complotti terroristici, raccontato in maniera molto leggera ma con spunti interessanti, sempre molto satirici e scanzonati. Il tutto intratterrà piacevolmente il giocatore strappandogli più di qualche sorriso e le cutscene sono realizzate in maniera splendida e si riveleranno spesso esilaranti.

Paint your life

De Blob 2 si presenta come un platform game puro, dalle tinte allegre e spensierate. Il protagonista infatti è una palla spugnosa in grado di assorbire grandi quantità di colore con cui potrà dipingere al solo contatto ogni superficie, oggetto o essere sulla mappa di gioco. E lo scopo della nostra missione sarà proprio questo: restituire i colori a Prisma City.
Una volta avviata la storia principale, ci troveremo di fronte alla mappa della città con i vari distretti, che si sbloccheranno progressivamente ad ogni livello completato.
Ogni distretto andrà colorato a più non posso e ogni azione, che comprenderà la colorazione di un elemento dello scenario, vi farà guadagnare dei punti che andranno a influenzare la valutazione finale al completamento del livello. Blob potrà immergersi in qualsiasi pozza di colore ed assorbirlo per poi dipingere tutto ciò che gli capita a tiro. Ovviamente una volta esaurita la vernice, oppure se doveste cadere in una pozza d’acqua, dovrete rifare il pieno per evitare di rimanere impotenti: senza colore sarete una pallina inutile e triste!
Inizialmente i vostri compiti saranno estremamente facili e consisteranno nel dipingere determinati edifici o restituire la personalità ai poveri abitanti della città, ma successivamente il Compagno Nero darà sfoggio della sua infinita cattiveria. Compariranno così sui livelli vari nemici con caratteristiche differenti come i verni-bot, in grado di assorbirvi letteralmente il colore fino a farvi implodere, oppure i Bland, malvagi esserini che vi attaccheranno in massa contaminandovi con inchiostro velenoso, o ancora gli ipno-dischi in grado di ipnotizzarvi una volta che vi avranno localizzato.

[IMG]14682[/IMG]

Per difendervi avrete a disposizione sostanzialmente tre azioni: il salto mirato, la carica e l’accovacciamento. Il primo è un normale salto con il quale schiacciare i nemici, il secondo è un attacco più potente che richiederà più punti vernice per essere attuato che vi permetterà anche di abbattere alcune barriere architettoniche e il terzo invece vi renderà invisibili agli ipno-dischi.
Una serie di meccaniche semplici ma divertenti, peraltro molto ben bilanciate ed integrate con una serie di poteri speciali ed upgrade che manterranno sempre vivo l’interesse nel proseguimento dell’avventura.
Il vostro amico-robot Pinky infatti, oltre a fornirvi le missioni, vi aiuterà sbloccandovi determinate abilità speciali indispensabili per completare alcuni livelli. Potrete, ad esempio, disporre dell’antitutto, una corazza che vi renderà temporaneamente immuni a qualsiasi tipo di attacco e all’inchiostro velenoso presente nell’acqua, oppure l’arcobaleno, che vi consentirà di assumere sempre il colore giusto per ogni edificio, evitandovi di dover cambiare colore costantemente.
Diversi saranno anche i bonus legati alla pittura come le icone “stile” che consentiranno a Blob di lasciare sulle superfici dei graffiti e delle fantasie che incrementeranno il punteggio. Discorso diverso per i potenziamenti legati a Blob, ovvero la possibilità di incrementare le dimensioni del personaggio, la corazza o le vite a nostra disposizione. Potenziamenti che si riveleranno pressoché inutili o comunque capaci di agevolarci leggermente durante l’avventura, del tutto trascurabili.
Buona anche la varietà delle missioni che andranno dal colorare semplicemente gli edifici, talvolta con varianti che tramuteranno l’operazione in un vero e proprio puzzle, al liberare abitanti rapiti dai Bland, distruggere strutture della propaganda nemica e tanto altro.
Dopo un tot di incarichi attiverete un trasformatore che sbloccherà la successiva area di gioco, così fino al completamento dell’intero livello.

!==PB==!
Colori bidimensionali

Fin qui nulla di nuovo per i fortunati che hanno giocato l’originale su Wii, ma il nuovo Blob si arricchisce di una divertente novità: le sessioni in 2D.
Queste fasi caratterizzeranno praticamente ogni livello di gioco e si presenteranno in concomitanza di determinati obiettivi: riattivare i rubinetti del colore o convertire un particolare edificio, colorandolo dall’interno.
Vedremo quindi il nostro Blob infilarsi in un tombino e la grafica passare da 3D ad un azzeccatissimo e stiloso 2D. Saranno fasi di platforming puro, condite da semplici (ma divertenti e soprattutto mai banali) enigmi ambientali, ovviamente basati anch’essi sulla colorazione. In questi frangenti non mancheranno nemmeno delle divertenti boss fight in cui bisognerà sfruttare intelligentemente l’ambiente e le risorse a nostra disposizione.
Un espediente sicuramente riuscito e realizzato con sapiente equilibrio, anche se la durata è di tali sessioni è sempre abbastanza limitata, quasi a sottolineare che non rappresentano una parte fondamentale del gameplay, quando invece, a nostro avviso, è vero il contrario.

Il gameplay di De Blob 2 si dimostra estremamente solido e bilanciato, caratterizzato da un intelligente e mai eccessivo incremento del livello di sfida che manterrà sempre alta la voglia del giocatore di proseguire nell’avventura ed il divertimento derivato dalla sempre irreprensibile simpatia di Blob e dalle simpatiche quanto funzionali innovazioni apportate.
Il completamento della campagna principale vi porterà via circa 6 ore, non moltissime per un platform ma tuttavia in ogni livello, una volta completato, vi metterà a disposizione tutta una serie di missioni secondarie che, pur non brillando per varietà, si riveleranno sempre divertenti e piacevoli da giocare, nonché fondamentali se si punta a completare il gioco al 100%, impresa che potrebbe impegnarvi anche per più di 10 ore.
Ad accompagnare la modalità storia troviamo un’accessoria modalità cooperativa che vedrà il giocatore due impersonare Pinky, anche se va detto che questo potrà aiutare il compagno soltanto in pochissime situazioni (sparando ai nemici con la pistolina laser), partecipando più come spettatore che come membro attivo della partita. Disponibile anche una modalità competitiva in split screen: è possibile affrontare lo stesso livello in una prova a tempo, sfidandosi nel colorare più velocemente possibile gli edifici.

[IMG]14683[/IMG]

Sicuramente apprezzabile lo sforzo degli sviluppatori nel cercare di offrire una buona varietà nel pacchetto proposto ma, per dovere di cronaca, va detto che oltre alla campagna principale non ci sono motivi che vi spingeranno a giocare le altre due modalità, vuoi per il poco appeal che esse suscitano verso il giocatore, vuoi per la poca cura con cui sono state realizzate; altro non sono che un mero riempitivo.

Colorama

Tecnicamente De Blob 2 si presenta del tutto funzionale allo stile intrapreso dal gameplay. Modelli poligonali semplici ma sufficientemente dettagliati, texture pulitissime e tanti, tantissimi colori. La palette cromatica è praticamente la protagonista di ogni cosa si vede su schermo. Vedere il mondo tingersi di colori al nostro passaggio è uno spettacolo estremamente rilassante e gratificante.
Buono il level design che propone location di dimensioni generose ma mai dispersive con una discreta differenziazione degli ambienti, sebbene alcune strutture tendano a ripetersi un po’ troppo spesso nei vari stage. Di buona fattura le animazioni che risultano molto fluide e simpatiche, così come le musiche, mai invadenti e sempre piacevoli da ascoltare.
Peccato per la mancata localizzazione del doppiaggio: sentiremo parlare i Blob nella loro incomprensibile lingua, tradotta dai sottotitoli.

[IMG]14679[/IMG]

Finalmente!

Finalmente, è proprio il caso di dirlo. Anche le console HD hanno il loro platform (ovviamente escludendo Little Big Planet come esclusiva PS3). Nonostante risulti ancora lontano dai livelli raggiunti da Mario Galaxy su Wii, De Blob 2 rappresenta una simpatica ma anche solida alternativa rivolta a chi cerca una pausa dal solito videogame violento o comunque impegnativo e vorrebbe abbracciare qualche ora di sano relax ed allegria.
De Blob 2 è un gioco spensierato, senza tralasciare l’indubbia qualità di un gameplay che rapirà sicuramente i vostri cuori, come l’irriverente simpatia del protagonista e l’atmosfera goliardica che permea la produzione Blue Tongue. Peccato per la poca profondità che caratterizza le modalità di gioco secondarie, ma per questa volta possiamo anche chiudere un occhio vista la qualità generale dell’offerta.
Acquisto consigliato praticamente a tutti. Blob vi aspetta, e ricordate: “Chi non colora in compagnia… SPLAT!”