Forza Horizon 3 - Recensione

Le righe che ci accompagnano al nucleo portante di una recensione mi hanno sempre messo in difficoltà, dato che hanno il compito di catturare (mi auguro) l’attenzione di voi lettori e, contemporaneamente, far capire nel minor numero di parole possibili quale sia la tipologia di gioco che mi accingo ad illustrare. Tutte le volte mi riprometto di essere il più sintetico, per quanto esaustivo, possibile. Purtroppo, però, mi rendo conto che spesso finisco per essere inutilmente prolisso, magari poco interessante e scarsamente divertente. Stavolta, invece, non succederà (vabè, in realtà mi sono dilungato assai ugualmente) e mi limiterò a dirvi che Forza Horizon 3 è una figata colossale.

Welcome to Australia

Non sono un gran fan dei racing, dato che quando si tratta di videogames preferisco maggiormente cimentarmi in imprese che difficilmente potrei replicare nella vita reale. Di sicuro falciare a colpi di BFG orde ululanti di creature demoniache rappresenta un’esperienza ben più impensabile del mettermi al volante di una vettura. Poi però capita di posare le mani sul titolo in grado di sovvertire questi pensieri, lasciandoti addosso la voglia di tornare quanto prima a giocare. Mi era già successo, in questa generazione, con Driveclub ed il precedente titolo di Playground, però è con Forza Horizon 3 che l’amore per le quattro ruote virtuali è tornato dopo secoli a ritagliarsi uno spazio importante nel mio cuore videoludico. Abbandonati i panni del classico pilota desideroso di emergere, stavolta ci troveremo ad impersonare l’organizzatore del popolare festival corsistico, situazione che andrà sensibilmente a mutare la nostra capacità di manovra all’interno della vastissima (due volte più estesa del precedente episodio) mappa australiana. La nostra abilità di piloti, difatti, oltre a permetterci di incamerare crediti necessari a mettere le mani sugli oltre 350 bolidi presenti nel gioco e ad accrescere il nostro livello, sarà indispensabile per attirare nuovi fan, il cui numero sempre crescente ci permetterà di espandere la manifestazione, grazie all’apertura di nuove sedi ed al loro ampliamento. Questo avrà come logica conseguenza l’aumento delle attività presenti sulla mappa, il cui impressionante numero renderà tutt’altro che monotono anche il più semplice degli spostamenti. C’è sempre qualcosa da fare sul territorio australiano, siano semplici corse su circuito, prove di abilità, gare contro il tempo, cartelloni da abbattere o autovelox da incenerire. Interessante anche la possibilità di formare carovane con i vari Drivatar che incontreremo e che poi potremo sfidare in una lotta all’ultimo centimetro. Le intelligenze artificiali, rese note ed amate da Forza 5, fanno il loro prepotente ritorno anche in Forza Horizon 3, sia sotto forma di avversari che di alleati: in alcuni momenti di gioco, difatti, ci verrà data la possibilità di sfidare il Drivatar dei nostri amici, che potremo poi reclutare all’interno della nostra squadra. Questa avrà quattro slot disponibili e sarà utile per aumentare il numero di crediti, punti esperienza e fan che potremo guadagnare, il tutto grazie alle performance fatte registrare dai compagni. Le novità andranno ad impattare direttamente anche sulle varie gare che potremo affrontare: dato che vestiremo i panni dell’organizzatore del festival, difatti, in alcuni frangenti avremo la possibilità di creare eventi personalizzati, andando a determinare la tipologia di vetture utilizzabili ed i vari parametri che regoleranno la gara. Il tutto potrà poi essere salvato e condiviso con gli altri giocatori, andando di fatto a creare un catalogo di situazioni potenzialmente infinito.

forza-horizon-002

Più motori per tutti

La varietà sembra quindi essere uno degli indiscussi punti salienti di Forza Horizon 3, ma il tutto cadrebbe miseramente su se stesso se non fosse accompagnato da un modello di guida soddisfacente. E anche in questo caso l’esclusiva Xbox One dimostra ancora una volta come la macchina Microsoft sia ancora una volta la scelta migliore per gli amanti dei racing. Il modello di guida adottato, difatti, grazie alla sua estrema scalabilità riuscirà senza dubbio ad accontentare i palati più disparati. Gli amanti dell’arcade più sfrenato, attivando tutti gli aiuti, si troveranno davanti un titolo pur sempre impegnativo, anche se decisamente più immediato, mentre i patiti della simulazione (per quanto concesso dal mondo console) potranno contare su modello di guida comunque realistico ed impegnativo. Quale sia la vostra scelta sarà sempre possibile ricorrere al tuning delle varie vetture, grazie alla possibilità di intervenire su un quantitativo importante di parametri, oltre che a modificare fisicamente la componentistica dei vari mezzi. Questi rappresentano un ulteriore punto di eccellenza di Forza Horizon 3, grazie ad una resa visiva di ottima fattura, considerando che parliamo di un titolo open world sconfinato. Grazie al consueto AutoVista potremo ammirare in prima persona l’ottimo lavoro svolto dai grafici di Playground, mentre sarà su strada che le varie tipologie di motori presenti nel gioco faranno la voce grossa. Il catalogo messo in pista da Forza Horizon 3 è impressionante per qualità e varietà, sia che si tratti di supercar, fuoristrada o auto più vicine alla nostra quotidianità. E vi assicuro che sfrecciare per le lande deserte dell’Outback a bordo di una Lamborghini Centenario, per quanto improbabile, è un’esperienza davvero esaltante. Magari mentre il meteo dinamico muta sotto i nostri occhi il panorama che ci scorre velocemente attorno.

forza-horizon-003

Deliziare occhi ed orecchie

Oltre che su strada Forza Horizon 3 dimostra tutta la potenza dei suoi cavalli anche sullo schermo, grazie ad una resa visiva eccellente e priva di macroscopiche sbavature. Visivamente, considerando anche l’estensione e la ricchezza della mappa di gioco, il titolo Playground rappresenta un ottimo biglietto da visita per le potenzialità di Xbox One. Il motore di gioco è quanto mai fluido ed ancorato ai 30 frame al secondo, gli effetti climatici (pur non raggiungendo le vette del titolo Evolution) sono molto convincenti e riescono a rendere ancora più vivo l’ambiente di gioco. Ottimo anche il comparto audio, grazie agli ottimi campionamenti dei vari motori e alla presenza di una soundtrack di ottima fattura, spalmata all’interno di un nutrito gruppo di stazioni radio tematiche le cui proposte spaziano dal metal alla musica classica, passando per l’hip hop, l’alternative, la dance e molto altro ancora. Se questo non vi bastasse sarà comunque possibile riprodurre la propria musica, oppure accedere al servizio Groove Music. Anche riguardo l’interazione multigiocatore Forza Horizon 3 non delude le aspettative, anzi, riesce a stupire ancora una volta: come se non bastassero le sfide tra Drivatar e sui tempi, sarà possibile giocare l’intera campagna in cooperativa, unirsi o creare un club con cui gareggiare assieme, oppure lanciarsi in sfide competitive vere e proprie. Nessun difetto quindi? Proprio a voler cercare il pelo nell’uovo si potrebbero citare i caricamenti un po’ troppo lunghi, la presenza di un po’ di aliasing e la mancanza del doppiaggio in lingua italiana. Certo, parliamo di un racing il cui substrato narrativo è poco più che pretestuoso, ma trattandosi di una esclusiva first party di un certo peso una simile situazione mi ha fatto tornare indietro di parecchi anni.

forza-horizon-004

Ci sarebbero ancora tantissime parole da spendere per Forza Horizon 3, ma credo che giunti a questo punto menzionare il ritorno della casa d’aste e la possibilità di creare e condividere le livree sia quanto mai superfluo. L’eccellenza del titolo Playground merita maggiormente di essere gustata con mano che decantata a parole, dato che anche solo questo muro di testo è servito unicamente ad illustrare e a rendere giustizia ad una percentuale risibile dell’offerta ludica dell’esclusiva Microsoft. Fate così, comperatelo e basta. Al resto penserà lui.

  • Sistema di guida altamente scalabile

  • Tantissime cose da fare

  • Visivamente eccellente

  • Caricamenti un po’ troppo lunghi

  • Manca il doppiaggio in italiano

16 Commenti a “Forza Horizon 3”

  1. Kassandro on

    Gioco davvero pazzesco. Sony è indietro parecchio su questo genere

    È proprio assente.

    Gioco tuttora a Drive club,  i nuovi circuiti sono proprio belli, ma manca lo sterrato e le tante opzioni che ha horizon. 

    Questo è fenomenale anche a livello tecnico (su pc poi è da paura)

  2. The_WLF on

    Io mi chiedo come possa Sony continuare ad appoggiare ancora gente come Polyphony, quando la concorrenza sono anni che è costante nelle uscite e, cosa ancor più importante, offre prodotti di qualità eccelsa. E poi mi vanno a chiudere gli Evolution che, pur con i loro bravi difetti alle spalle, hanno comunque dimostrato di saperci fare con i giochi di guida…

  3. Kassandro on

    Io mi chiedo come possa Sony continuare ad appoggiare ancora gente come Polyphony, quando la concorrenza sono anni che è costante nelle uscite e, cosa ancor più importante, offre prodotti di qualità eccelsa. E poi mi vanno a chiudere gli Evolution che, pur con i loro bravi difetti alle spalle, hanno comunque dimostrato di saperci fare con i giochi di guida…

    Sante parole.

    GT è  ormai un gioco vecchio. E rimpastarlo non è la soluzione.

    Cosa darei per un nuovo motorstorm  (il primo!)

  4. Claudio "Evil_Sephiroth" Perfler on

    Più che questo voglio un nuovo Motorsport..questo mi ricorda Burnout e non mi piace per nulla come genere

  5. Galletto78 on

    Dirò magari una fesseria ma per quelli che sono i miei gusti e il divertimento spensierato, metto un gradino sopra la serie di Horizon a Forza Motorsport, che è senza dubbio più impegnativo. Felicissimo comunque di averli entrambi su One.

  6. The_WLF on

    Più che questo voglio un nuovo Motorsport..questo mi ricorda Burnout e non mi piace per nulla come genere

    Beh con Burnout ci incastra un po' poco visto che, al di là della mappa open alla Paradise e le prove di abilità, quando sei in pista il feeling (soprattutto disabilitando i vari aiuti) è molto differente. Poi che non sia un similsim come il Motorsport è palese, ma non è neppure un arcadone pure come la serie Criterion…

  7. Evil_Sephiroth on

    Beh con Burnout ci incastra un po' poco visto che, al di là della mappa open alla Paradise e le prove di abilità, quando sei in pista il feeling (soprattutto disabilitando i vari aiuti) è molto differente. Poi che non sia un similsim come il Motorsport è palese, ma non è neppure un arcadone pure come la serie Criterion…

    Ovvio ovio ma è proprio l'open che mi disturba nei giochi di guida….io sono sempre per le gare fini a loro stesse e alla carriera, selezionate dai menù e via dicendo

  8. The_WLF on

    Ovvio ovio ma è proprio l'open che mi disturba nei giochi di guida….io sono sempre per le gare fini a loro stesse e alla carriera, selezionate dai menù e via dicendo

    Guarda, pure io sono per i racing su circuito, che tanto di girellare a caso per andare comunque a fare la solita gara che potrei attivare con un click non mi stimola affatto, però bisogna dire che in giochi come questo Horizon (e precedenti) ci sono talmente tante cose da fare per ingannare l'attesa durante la transumanza che tutto passa in secondo piano…

  9. Evil_Sephiroth on

    Guarda, pure io sono per i racing su circuito, che tanto di girellare a caso per andare comunque a fare la solita gara che potrei attivare con un click non mi stimola affatto, però bisogna dire che in giochi come questo Horizon (e precedenti) ci sono talmente tante cose da fare per ingannare l'attesa durante la transumanza che tutto passa in secondo piano…

    Sisi infatti non ho detto che è brutto, ma che visto come voglio io i racing non fa per me…

  10. The_WLF on

    Sisi infatti non ho detto che è brutto, ma che visto come voglio io i racing non fa per me…

    Sì, ma infatti mica criticavo il tuo punto di vista, ci mancherebbe. Era solo per convincerti a dargli una possibilità… 😀

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.