Everybody’s Golf - Recensione

Ci sono franchise videoludici che non possono saltare l’appuntamento con ogni console Playstation. Uno di questi è Everybody’s Golf, celebre serie arcade che celebra quest’anno il suo ventesimo anniversario. Quale miglior modo per festeggiare se non con un nuovo capitolo esclusivo per PS4 che propone una serie di novità pronte ad accogliere nuovi fan come un occhio molto più attento nei confronti delle caratteristiche social e multiplayer, accompagnate dalle caratteristiche tipiche della saga che faranno la felicità dei fan storici.

L’Isola del Golf

A dare il benvenuto in Everybody’s Golf sono un gruppo di omini che introducono immediatamente alla creazione del personaggio che può vantare un editor molto tradizionale ma davvero ben fatto che consente di modificare diversi aspetti del proprio avatar come la corporatura, il colore della pelle, i capelli, i movimento dello swing, l’abbigliamento e non solo; si nota immediatamente come i ragazzi di Clap Hanz abbiano voluto dare grande libertà ai giocatori che possono creare un personaggio “tradizionale” per un gioco di golf o anche qualcosa di molto più bizzarro e atipico per questo sport. Dopo aver creato il proprio avatar, il gioco passa all’introduzione dell’Isola del Golf, l’hub da cui accedere alle varie attività offerte e al negozio; si tratta di uno spazio di dimensioni contenute, ma esplorabile liberamente a piedi o, successivamente, tramite un cart che può nascondere al suo interno piccoli segreti come oggetti da raccogliere o nuovi caddie da sbloccare.

everybodys_gol_launch_1014_1503488846Svolta tutta la parte introduttiva è il momento di scendere su un campo da golf. L’offerta ludica di Everybody’s Golf è completa e variegata proponendo una lunga campagna singleplayer e un interessante comparto multiplayer. Ma andiamo con ordine e iniziamo proprio dall’esperienza offline che sulle prime si rivela fondamentale per impratichirsi con il tipico gameplay della saga semplice e accessibile, ma che successivamente presenta una profondità da non sottovalutare con combinazioni e colpi speciali in grado di trasformarvi in veri e propri maghi di questo sport. Everybody’s Golf propone un gameplay stratificato presentandosi quindi come un videogioco fatto davvero per tutti: dai golfisti della domenica ai super esperti che riusciranno a sfruttare ogni trucchetto per portare a casa la vittoria.

La campagna singleplayer si rivela molto simile a quella dei precedenti episodi con tornei da 9 o 18 buche da affrontare utili per accumulare monete d’oro e soprattutto punti esperienza che vanno a riempire un’apposita barra. Una volta riempita quest’ultima si sblocca uno scontro con un boss caratterizzato da una sua scheda che vi racconta la sua storia e i suoi punti di forza. Sconfitti tre avversari si può accedere alla classe successiva. Mano a mano che si avanza si sbloccano nuove caratteristiche: ad esempio per ottenere un cart bisogna sconfiggere un apposito avversario così come per ottenere il brevetto da sub. Il gioco inoltre presenta tante tipologie di regole e condizioni che rendono l’esperienza abbastanza variegata come buche più grandi o altre capaci di risucchiare le palline, meteo sereno o pioggia, vento più forte o in altri casi impercettibile e così via. Con il progresso non solo si sbloccano nuove mazze da golf e palline da sfruttare per ottenere dei vantaggi, ma si potenzia anche il personaggio che pian piano prende confidenza con le varie mazze in base allo stile di gioco consentendo quindi aumentare la portata dei tiri con la potenza migliorata, la precisione e così via. Un sistema di progressione che si inserisce in modo naturale all’interno delle meccaniche della serie e in grado di dare ai giocatori un incentivo per non staccarsi dalla console.

everybodys_gol_launch_1007_1503488849Ad una solida offerta singleplayer, si affianca un multiplayer composto da due modalità: “Campo Aperto” e “All’ultima buca”. Nella prima modalità ci si ritrova in spazi completamente esplorabili dove andare alla ricerca di monete, attrezzature nuove, o decidere in quale ordine affrontare le varie buche. Una sorta di sandbox insomma dove il giocatore può prendersi tutto il tempo che vuole per completare il percorso e finire quindi nelle classifiche globali da scalare per ottenere premi speciali. “All’ultima buca” invece è una sorta di Cattura la Bandiera in salsa golfistica dove due squadre composte da quattro giocatori ciascuna si sfidano a colpi di Birdie e Par per conquistare il maggior numero di buche. La squadra che conquistato il maggior numero allo scadere del tempo si aggiudica il match. Una modalità divertentissima questa che vede i giocatori correre a perdifiato da una parte all’altra della mappa pur di riuscire ad avere la meglio sull’avversario, magari trasformando i cart in vere e proprie autoscontro per rallentare gli oppositori.

Dal punto di vista tecnico Everybody’s Golf mantiene il tipico stile colorato della serie con un comparto artistico ispirato con campi ambientati in belle location capaci di offrire panorami molto piacevoli da vedere. Non tutto però è oro quel che luccica perché texture e modelli poligonali infatti non sono sempre ben definiti e la fluidità non sempre riesce a reggere il “peso” delle mappe sandbox. Everybody’s Golf meritava insomma un po’ più di pulizia dal punto di vista tecnico.

Commento finale

Everybody’s Golf si è sempre rivelato un gioco divertentissimo da giocare sia in solitaria, che con gli amici sullo stesso divano (grazie al co-op locale per quattro giocatori) che in multiplayer online. Un’esperienza di gioco completa, longeva e variegata grazie ai suoi numerosi contenuti e un nuovo sistema di progressione caratterizza quindi questo nuovo esponente della saga di Clap Hanz e Sony Japan Studio. Un gioco di golf per tutti che i fan storici non possono farsi scappare assolutamente, ma anche coloro che cercano un gioco sportivo più spensierato devono farci un pensierino. In fondo il prezzo budget di 40 euro a cui viene venduto Everybody’s Golf lo rende ancora più invitante.

  • Gameplay accessibile e profondo allo stesso tempo

  • Singleplayer longevo e sempre divertente

  • Multiplayer coinvolgente

  • Sistema di crescita e di personalizzazione del personaggio

  • Tecnicamente si poteva fare di più

3 Commenti a “Everybody’s Golf”

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.