The Walking Dead: The Final Season, anche l’attrice di Clementine in dubbio sulla conclusione

Il weekend appena trascorso è stato caratterizzato dalla brutta notizia della chiusura di Telltale Games.

Nuovi retroscena sulla chiusura di Telltale Games: tutti i giochi sono stati un flop commerciale

Restano però ancora alcuni punti di domanda sul futuro della compagnia: cosa succederà alla quarta e ultima stagione di The Walking Dead? Secondo alcune fonti che avevano preannunciato la chiusura della compagnia, The Walking Dead: The Final Season non verrà completato restando quindi in sospeso con il secondo episodio in uscita domani, 25 Settembre. A dare man forte a queste voci ci ha pensato Melissa Hutchison, la doppiatrice di Clementine. L’attrice ha infatti dichiarato che per le informazioni in suo possesso, Telltale Games si limiterà a pubblicare solo l’episodio 2:

“Mi fa male pensare che i fan non potranno vedere il viaggio di Clementine fino alla fine.”


The Walking Dead – The Final Season è un videogioco che appartiene alla serie del genere sviluppato da e pubblicato da per , .

The Walking Dead – The Final Season non ha ancora una data di uscita.

2 Commenti a “The Walking Dead: The Final Season, anche l’attrice di Clementine in dubbio sulla conclusione”

  1. stefano.pet on

    A ben pensarci anche la cadenza a episodi imho non ha aiutato le vendite di questi giochi. Ho sempre visto male l'uscita a episodi e anche i giochi Telltale, pur avendoli comprati quasi tutti, ho sempre aspettato almeno che fossero usciti quasi tutti gli episodi prima di comprarli. Questa vicenda dimostra ancora una volta come è giusto che gli utenti vedano con diffidenza questo metodo di rilascio dei giochi.

  2. andreaz on
    stefano.pet

    A ben pensarci anche la cadenza a episodi imho non ha aiutato le vendite di questi giochi. Ho sempre visto male l'uscita a episodi e anche i giochi Telltale, pur avendoli comprati quasi tutti, ho sempre aspettato almeno che fossero usciti quasi tutti gli episodi prima di comprarli. Questa vicenda dimostra ancora una volta come è giusto che gli utenti vedano con diffidenza questo metodo di rilascio dei giochi.

    giusto

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.