Tantissimi dettagli sulla modalità MyGM di NBA 2K18

Erick Boenisch, produttore senior di NBA 2K18, ha rivelato tantissime nuove informazioni sulla modalità MyGM del videogioco dedicato al basket. Il post è davvero lungo ma ve lo riportiamo nella sua interezza per non farvi perdere nessuna delle novità che troveremo in NBA 2K18.

Quest’anno Visual Concepts ha fatto dei passi da gigante, di cui vi parleremo nelle prossime settimane.
Per il momento, ho il piacere di offrirvi un approfondimento sul lavoro svolto quest’anno su Il mio GM/La mia LEGA. Bando alle ciance, cominciamo subito!
Innovazione. Realismo. Coinvolgimento.
Con queste tre parole ho cominciato l’articolo dell’anno scorso su Il mio GM/La mia LEGA di NBA 2K17. Da molti anni ci ispiriamo a queste tre parole per servire al meglio la community di NBA 2K. Laddove altri sviluppatori sono restii a innovare, Visual Concepts ha lavorato ancora una volta a una fitta lista di funzioni che continueranno a tenervi incollati agli schermi.
La serie ha spinto al massimo questa generazione di console fin dall’inizio:
– Agli albori della next gen, NBA 2K14 ha introdotto una nuova modalità, Il mio GM. Il mio GM puntava a offrire l’esperienza di gioco vista dagli occhi di un general manager, mettendo l’utente faccia a faccia con proprietario, staff e giocatori. Le vostre azioni determinavano gli sviluppi della franchigia, a differenza di quanto accadeva in altre modalità.
  • – NBA 2K15 ha introdotto la popolare modalità La mia LEGA, un’esperienza che mette in primo piano il controllo e la personalizzazione totali da parte dell’utente.
  • – NBA 2K16 ha introdotto il trasferimento delle squadre, dandovi la possibilità di spostare la squadra in altre città e creare arene, divise e campi tutti nuovi.
  • – Con NBA 2K17 sono arrivati la funzione di espansione della lega, i cambiamenti dinamici del regolamento, la modalità “Inizia oggi”, la possibilità di condividere i pacchetti squadra creati e molto altro.
Con NBA 2K18 eleveremo ancora di più (MOLTO di più) l’esperienza offerta da Il mio GM.
Il mio GM: Il nuovo capitolo offre una prospettiva completamente diversa sulla trama. Nei panni del GM della vostra squadra preferita, dovrete prendere delle decisioni che determineranno il destino della franchigia.

Il mio GM: Il nuovo capitolo

Non molto tempo fa eravate una delle stelle più promettenti dell’NBA. Dopo aver raggiunto tutti i vostri obiettivi, per voi contava solo vincere un altro titolo. Ma in una calda serata di maggio del 2011, a Dallas, durante le finali di Conference Occidentale, il ginocchio cede e il sogno si infrange. Che fare?
Sei anni dopo vi trovate all’inizio de Il mio GM: Il nuovo capitolo. Dopo un paio d’anni di colloqui, siete appena stati assunti come GM di una squadra NBA. Siete ancora rispettati per i vostri successi sul campo e il proprietario della squadra crede che la motivazione che vi ha spinto sulla vetta dell’NBA riuscirà farvi condurre la squadra al titolo.
Con NBA 2K18 vi offriremo un’esperienza che non troverete in nessun altro gioco: una storia che, oltre a darvi lo stesso controllo e gli elementi di gestione della squadra a cui vi ha abituato Il mio GM nel corso degli anni, avrà anche una forte componente narrativa.
Mentre La mia CARRIERA si concentra sulla vita di un giocatore NBA, Il mio GM: Il nuovo capitolo vi farà vedere il mondo dell’NBA dalla prospettiva opposta. Nei panni del GM dovrete lavorare dietro le quinte e gestire le aspettative del proprietario, dello staff, della stampa, degli altri GM e, ovviamente, dei vostri giocatori.
Lo sviluppo dell’esperienza de Il mio GM dipende solo da voi. Il vostro percorso sarà determinato dalle scelte che farete e dalle risposte date nei numerosi momenti cardine della storia. Resto sul vago di proposito, per quanto riguarda la trama, perché non voglio rovinarvi la sorpresa. Sappiate però che vi aspetta un’esperienza avvincente e libera dai soliti cliché sportivi.
Da appassionato della serie, comprendo l’importanza e l’integrità dell’esperienza di gestione della squadra. Abbiamo ideato una storia che vi appassionerà e intratterrà senza interferire con i vostri piani riguardanti il roster. Draft, mercato e decisioni contrattuali non saranno pilotati dalla trama. Vivrete la vostra storia e costruirete la vostra squadra vincente come più vi sarà congeniale!
Il mio GM: Il nuovo capitolo permette di vivere il gioco dal punto di vista di un GM come mai prima d’ora, gestendo il morale e le aspettative del proprietario, dello staff, degli allenatori e, ovviamente, dei vostri giocatori.
Negli ultimi anni avevamo aggiunto molte funzioni comuni alle modalità Il mio GM e La mia LEGA. Secondo me, col passare del tempo il confine tra le due modalità si era assottigliato sempre di più. NBA 2K18 offre invece due esperienze uniche e diametralmente opposte. Il mio GM: Il nuovo capitolo si baserà sulla trama descritta qui sopra, mentre La mia LEGA si svilupperà ulteriormente come una modalità che permette di avere un controllo senza precedenti sulla lega e una grande flessibilità nel personalizzarla.
Amo battere sentieri inesplorati. Offrire nuove esperienze crea una bella energia nel team di sviluppo e questo mi rende fiducioso sull’accoglienza che riserverete a queste modalità dalla profonda componente narrativa. Godetevele!

Contratto collettivo NBA 2017

L’approvazione del nuovo contratto collettivo NBA/NBPA ci ha portati a considerare molte cose. Supportare queste modifiche è scontato: il nostro obiettivo principale, offrire un’esperienza realistica, non cambierà mai. I punti seguenti descrivono alcune modifiche che abbiamo implementato per mostrarvi la completezza della simulazione fino al più piccolo dettaglio:
  • Contratti supermassimi: tutti sappiamo che quest’estate Steph Curry ha firmato un contratto da 5 anni e 201 milioni di dollari. L’estensione di James Harden per 4 anni e 169 milioni di dollari gli frutterà 228 milioni nel corso dei prossimi 6 anni. NBA 2K18 implementa questi contratti per veterani designati, noti informalmente come contratti supermassimi, ma anche le estensioni per le matricole.
  • Ammontare EML: il valore dell’Eccezione media al limite aumenterà del 45% rispetto al CBA del 2011.
  • Tabella delle matricole: la tabella salariale delle matricole aumenterà del 45% e i contratti esistenti saranno adeguati con dilazione del compenso in 3 anni.
  • Stipendio minimo annuale: il minimo contrattuale della lega aumenterà del 45% a partire dalla stagione NBA 2017-18.
  • Incrementi annuali: il compenso dei giocatori con i diritti Bird potrà aumentare dell’8% su base annua, quello dei giocatori senza diritti Bird del 5%.
  • Stipendi massimi: i nuovi compensi massimi dei giocatori saranno calcolati in base al tetto salariale.
  • Regole per over-38: in base a questa regola, applicata in precedenza per gli Over 36 (non supportata nei precedenti NBA 2K), le squadre devono adempire alle restrizioni contrattuali previste per mettere sotto contratto i giocatori che compiranno 38 anni durante la durata del contratto.
  • Clausola stretch: quando un giocatore viene rilasciato con la clausola stretch (una novità per NBA 2K), la squadra non potrà rimetterlo sotto contratto o acquisirlo nuovamente prima del primo luglio della stagione in cui il suo contratto ha termine.
  • Numero minimo di giocatori a roster: salvo eccezioni, ora le squadre devono sempre avere un minimo di 14 giocatori a roster (prima erano 13).
  • E altro: ci sono molte altre modifiche e nuove funzioni in NBA 2K18, come nuove regole per i timeout, una nuova data di termine degli scambi, OTA dei giocatori, periodo di moratoria (descritto in basso), contratti doppi (descritti in basso), regola Ted Stepien e altro ancora.
“Realismo” è una parola molto importante per noi di Visual Concepts. Anche se alcune di queste modifiche sono piccole, tutte insieme contribuiscono a replicare delle dinamiche fedeli alla realtà.
Integrazione della G-League
In NBA 2K18 potrete inviare i giocatori nella G-League (nota in precedenza come D-League) e riconvocarli. Non potrete giocare direttamente gli incontri della G-League, ma l’esperienza che i giovani senza spazio in NBA potranno fare sul campo sarà preziosissima. Lo sviluppo di chi fatica a conquistare minuti in NBA potrà accelerare con delle partite mirate in G-League, senza contare che questa lega vi permetterà di osservare dei giovani non scelti ai draft precedenti. Le loro statistiche saranno un buon indicatore di cosa sono capaci di fare nella lega maggiore.
Contratti doppi
I contratti doppi sono perfetti per sfruttare al massimo la G-League. Il nuovo contratto collettivo permette alle squadre NBA di avere due posti aggiuntivi nel roster per i giocatori con contratto doppio. Nella sua attenzione al realismo, NBA 2K18 supporta questa nuova aggiunta della lega. Qualsiasi giocatore con un massimo di tre anni di contratto può essere messo sotto contratto doppio. Un giocatore con contratto doppio può passare un massimo di 45 giorni con la sua squadra NBA durante la stagione della G-League. Arrivato al limite di questi giorni, il giocatore dovrà passare il resto della stagione in G-League a meno che il suo contratto non diventi un contratto minimo NBA. I GM di NBA 2K potranno sfruttare questi contratti per assicurarsi dei talenti in via di sviluppo e chiamare in NBA questi giocatori per controllare i loro progressi, o anche usarli come riserve pronte a giocare in caso di infortunio dei giocatori in rosa.
Moratoria free agent
Ogni fan dell’NBA sa che il periodo di moratoria, lungo quasi una settimana, è uno dei momenti più emozionanti dell’anno. Le indiscrezioni sulle possibili destinazioni dei free agent iniziano a trapelare e i giocatori stringono accordi verbali con le squadre con cui firmeranno dopo la moratoria. NBA 2K18 introduce un periodo di moratoria di 3 giorni che precede l’inizio della free agency. Durante la moratoria non potrete mettere sotto contratto nessuno, ma potrete ACCORDARVI (senza ripensamenti alla DeAndre Jordan) con i giocatori per firmare poi il contratto all’inizio della free agency. È un periodo molto dinamico e intenso che escluderà dai giochi le squadre che non tireranno fuori la grana, come ricordato da Isaiah Thomas.
Stash internazionale
Quella di “Arrivi e riserve” è una strategia utilizzata da diverse squadre, soprattutto più avanti nel draft. NBA 2K18 introduce per la prima volta questa funzione. I giocatori sotto contratto con squadre d’oltreoceano non potranno firmare con la vostra squadra per un certo numero di anni. Questo aggiungerà nuove possibilità in sede di draft, a causa dell’indisponibilità di questi giocatori per tale lasso di tempo. Ho apprezzato particolarmente quest’aggiunta, che vivacizza uno dei miei periodi preferiti della stagione NBA!
Strumenti di analisi
Questa nuova funzione può essere descritta brevemente come segue: lo strumento definitivo di ricerca e osservazione dei giocatori. Come potete vedere nell’immagine, questa funzionalità permette di confrontare due serie di dati e di vederne le differenze. Per fare un esempio, è possibile confrontare i minuti giocati per partita e i rimbalzi per partita di tutti i giocatori della lega. I dati risultanti permetteranno di individuare rapidamente i giocatori che prendono molti rimbalzi in poco tempo o che, pur giocando molti minuti, prendono un numero di rimbalzi inferiore alla media. Informazioni di questo tipo sono inestimabili, perché permettono di isolare in ogni momento il tipo di giocatore che si desidera.
È possibile mettere a confronto le statistiche globali, quelle per partita, quelle proiettate su 36 minuti o quelle su 100 possessi. Inoltre si può ridurre il periodo in esame alle ultime 10 o 20 partite, o a quelle giocate in casa o in trasferta, alla stagione in corso o a quella precedente, o anche esaminare le statistiche di un’intera carriera. In più si possono creare dei grafici impostando parametri come salario, età, lunghezza delle braccia e altro ancora. Solo in NBA 2K troverete questo tipo di funzioni! Vogliamo offrirvi l’esperienza migliore sul mercato e caratteristiche come questa ben rappresentano la nostra filosofia.
NBA 2K18 offre uno strumento di analisi che permette di confrontare due statistiche/dati o parametri (età, altezza, peso, ecc.). Nell’esempio sopra abbiamo confrontato i punti per partita con i tiri da 3 punti realizzati per partita, per trovare velocemente i buoni realizzatori dal perimetro che mettono a referto più punti. Scatenate il Daryl Morey che è in voi ed esaminate al meglio i dati per creare una squadra candidata al titolo!
Scambio dei diritti di draft
Durante il draft NBA, capita spesso che una squadra scelga un giocatore ma ne ceda poco dopo i diritti (visto che non è ancora sotto contratto) a un’altra squadra. Nei precedenti NBA 2K non era possibile cedere o acquisire un giocatore durante il draft, mentre in NBA 2K18 è possibile. Posso dire, per esperienza personale, che questa funzione rende il draft molto più dinamico ed emozionante!
Cap hold/Rinuncia ai diritti
NBA 2K18 prevede anche i cap hold e la rinuncia ai diritti di un giocatore. Nell’NBA, il salario di un free agent conta nel calcolo del tetto salariale finché il giocatore viene messo sotto contratto da una squadra. Questo salario che impegna una parte del tetto salariale è noto come “cap hold”. Il concetto, noto anche come “regola di Michael Redd”, chiude una falla che permetteva alle squadre di utilizzare tutto lo spazio salariale prima di mettere sotto contratto i propri free agent. Se sapete che non rimetterete un dato giocatore sotto contratto, potrete rinunciare ai suoi diritti, eliminando lo spazio salariale impegnato ma rinunciando anche ai diritti Bird (se li avete). Per fortuna, abbiamo reso semplice la rinuncia ai diritti dei giocatori durante la free agency, gestibile di giorno in giorno. Anche se la cosa può sembrare impegnativa, aumenta la flessibilità e le strategie a disposizione durante la caccia ai free agent. Come sempre, massimo realismo!
Generazione migliorata delle classi draft
Nelle fasi iniziali dello sviluppo abbiamo pensato molto a come migliorare il sistema che genera le nuove promesse, soprattutto per quanto riguarda i tipi di giocatore. La gamma di giocatori generati nelle classi draft di 2K17 non ci convinceva. In NBA 2K18 i giocatori avranno una distribuzione di attributi e tendenze più adatta al loro archetipo. Il nuovo sistema ci permette di aggiornare più facilmente la generazione rispetto alla classica grossa patch occasionale, e di modificare la logica del sistema durante la stagione in virtù del vostro feedback.
Divise alternative per le squadre create/trasferite
In NBA 2K16 abbiamo introdotto una potente serie di strumenti che permetteva di creare una squadra da zero fino all’ultimo dettaglio. I design realizzati dalla community sono stati fantastici (e lo sapete bene anche voi, grazie alla funzione di condivisione delle squadre di NBA 2K17). Una richiesta frequente degli utenti riguardava una funzione per creare divise aggiuntive per queste squadre. NBA 2K18 introduce il concetto di divisa alternativa nel procedimento di creazione delle squadre create/ribattezzate. Abbiamo aggiunto anche la possibilità di copiare le divise da casa o trasferta in uno slot alternativo per chi vuole rifare tutto da capo ma mantenere le vecchie divise per le serate “nostalgiche”. Leggo sempre il feedback della community, quindi so che tantissimi di voi apprezzeranno quest’aggiunta!
Cambio di nome in un’arena esistente
Ora, durante il cambio di nome di una squadra, potrete creare un nuovo campo all’interno dell’arena attuale. Ciò significa che non sarà più necessario costruire un’arena da zero quando vorrete un nuovo pavimento del campo. Prendiamo i Lakers ad esempio: potrete disegnare un nuovo campo e collocarlo all’interno dello Staples Center. Basta con le arene generiche per le squadre ribattezzate (a meno che non vogliate realizzare qualcosa di completamente nuovo).
Scelta degli All-Star
Negli anni scorsi abbiamo utilizzato diversi metodi per la gestione degli All-Star Game. Quest’anno abbiamo aggiunto un sistema molto bello. Dopo ogni stagione, sceglieremo una nuova città per ospitare l’All-Star Game. Abbiamo implementato un metodo per determinare la squadra ospitante in base a fattori come prestigio della città, anni passati dall’ultimo All-Star Game ospitato e anni di attività della squadra (le squadre create o trasferite da poco avranno buone possibilità). Ora l’annuncio della città è un evento formale dell’offseason. Giocando a La mia LEGA, potrete ovviamente ignorare il risultato e scegliere la città che preferite. Inoltre, abbiamo modificato il nostro sistema di realizzazione delle arene in modo da utilizzare un campo specifico per l’All-Star Game nell’arena della città ospitante. Basta con le arene generiche per l’All-Star Game. Ogni All-Star Game avrà un pavimento personalizzato con il logo ben visibile sul campo.
Miglioramenti per La mia LEGA Online
Una delle mie esperienze preferite del gioco è la funzione La mia LEGA Online, che permette di giocare in una lega competitiva contro un massimo di 29 amici/parenti/nemici e dimostrare tutta la propria abilità nell’assemblare una squadra. NBA 2K18 aggiunge alcune funzioni richieste a gran voce dalla community per ampliare e migliorare ulteriormente quest’esperienza.
  • Personalizzazione/trasferimento squadre: i membri della lega ora possono personalizzare le loro squadre creando nuove identità, divise, arene, campi e altro ancora. Gli amministratori della lega potranno personalizzare le squadre gestite dall’IA per ricreare una lega personalizzata di qualsiasi tipo o riprodurne una storica.
  • Ripristino delle partite nei playoff: gli amministratori ora possono ripristinare le partite dei playoff “completate”. Nel caso in cui utente perda il collegamento alla partita per un imprevisto e venga stabilito un risultato, l’amministratore può intervenire e dare alle due squadre la possibilità di rigiocare la partita.
Ne Il mio GM: Il nuovo capitolo dovrete valutare le informazioni che condividerete con la stampa e con il resto dell’organizzazione. Preferite agire apertamente o rivelare solo lo stretto indispensabile? Queste decisioni daranno forma alla vostra franchigia!
Frequenza di utilizzo degli accessori
Avete notato che Rajon Rondo sembra indossare la sua fascia a partite alterne? O che Carmelo e CP3 a volte decidono di indossare magliette elasticizzate sotto la divisa? Nel corso degli anni, gli accessori sono diventati parte integrante dell’identità dei giocatori NBA. Non sono più dei semplici “strumenti” che aiutano a gestire l’intensità delle 82 partite della stagione, ma sono elementi indispensabili per il look in campo. Per bisogno o per scelta, i giocatori scelgono di indossare determinati accessori in base alla partita.
In NBA 2K18, i giocatori decidono di volta in volta quali accessori indossare. Visto che parliamo de Il mio GM/La mia LEGA, potrete personalizzare completamente la frequenza con cui lo faranno. I 17 slot per gli accessori prevedono cinque diverse opzioni per la frequenza (mai, raramente, a volte, spesso, sempre) che potrete personalizzare per decidere quanto spesso un determinato accessorio sarà indossato da un dato giocatore.
Questa funzione va oltre Il mio GM/La mia LEGA, visto che sarà disponibile anche in Gioca ora e La mia CARRIERA. Il team di Visual Concepts che si occupa dei roster seguirà anche le tendenze delle controparti reali dei giocatori e aggiornerà la frequenza di utilizzo degli accessori per tutta la stagione. Ad alcuni sembrerà un dettaglio, ma per noi è un esempio dell’attenzione dedicata per portare l’NBA direttamente nei vostri soggiorni.
Ricerca migliorata per squadre create/ribattezzate
Abbiamo migliorato il sistema di ricerca per individuare più facilmente squadre o pacchetti squadra specifici. Le ricerche ora restituiscono risultati per nome della squadra, città o gamertag. Il nuovo sistema rende molto più semplice trovare i contenuti cercati, al contrario di quello dell’anno scorso che spesso ometteva risultati potenzialmente interessanti!
Creatori preferiti
Come dicevo, c’è una community molto attiva che crea logo, divise, campi, design delle squadre e molto altro. Nelle edizioni precedenti di NBA 2K, trovare un design di un particolare membro della community era un procedimento laborioso che prevedeva la digitazione sulla tastiera di gioco del gamertag. In NBA 2K18 è possibile aggiungere i creatori interessanti a Preferito/Segnalibro, in modo da accedere rapidamente ai loro contenuti.
Hardship exception
Non c’è modo di evitare gli infortuni: prima o poi capitano. Quest’anno abbiamo implementato anche l’hardship exception dell’NBA. Questa “regola” permette di mettere sotto contratto un giocatore aggiuntivo sforando il limite previsto nel caso che almeno quattro giocatori della squadra siano infortunati e abbiano saltato almeno tre partite della stagione (o una settimana nel caso di stagioni più corte del normale). Questa regola e i contratti doppi offrono numerose opzioni per puntellare il roster in caso di circostanze particolarmente sfavorevoli. Massimo realismo!
Creazione tiro in sospensione
Chi ama modificare i roster e creare classi draft apprezzerà quest’aggiunta. Ora, durante la modifica di un giocatore della lega, potrete personalizzarne completamente il tiro in sospensione. Questa funzione prende gli elementi già visti in Creazione tiro in sospensione de La mia CARRIERA di 2K17 e li rende facilmente modificabili per tutti i giocatori della lega!
Scelta giocatori duplicati per i fantadraft
Sono un appassionato delle squadre classiche nel gioco. Spesso le includo ne La mia LEGA per creare una lega di compagini storiche, ma a volte i giocatori compaiono in più di una squadra, causando la presenza di doppioni. Durante un fantadraft vedrete comparire due volte Ray Allen (Celtics ’07-’08 e Heat ’12-’13) o Danny Ainge (Celtics ’85-’86 e Blazers ’90-’91), mentre Michael Jordan compare in ben cinque versioni se si includono tutte le squadre dei Bulls. Per risolvere il problema, in NBA 2K18 abbiamo aggiunto la possibilità di scegliere se far comparire giocatori duplicati o no nella lega. Potrete perfino scegliere quale versione del giocatore mantenere nel gruppo dei giocatori. Ho sempre pensato che i doppioni fossero bizzarri e sono lieto di dire che quest’anno abbiamo implementato una soluzione elegante al problema.
Allenamento schemi
Questa funzione, attesa da tempo, permette di provare gli schemi della vostra squadra ne Il mio GM: Il nuovo capitolo e La mia LEGA. L’allenamento schemi, sviluppato dal team di Visual Concepts che cura le dinamiche di gioco, è un potente strumento che insegna le tattiche giuste per prevalere sul campo. Se vi piace la simulazione, sfrutterete di certo questa funzione con la vostra squadra.
Creazione di giocatori ne La mia LEGA
NBA 2K18 aggiunge la possibilità di aggiungere giocatori creati a La mia LEGA, anche a stagione in corso. Negli anni precedenti tutti i giocatori dovevano essere già nel file del roster prima dell’inizio della partita in questa modalità. Chi ama mantenere i roster aggiornati secondo i cambiamenti della vera stagione, ora potrà creare e aggiungere free agent in base alle proprie necessità.
Le numerose scelte che farete ne Il mio GM: Il nuovo capitolo influiranno sulla trama e decideranno i suoi sviluppi.
Miglioramenti alla modifica rapida
In NBA 2K17 avevamo introdotto la funzione di modifica rapida, che permetteva di apportare dei ritocchi senza passare per la schermata di modifica del giocatore. In una patch successiva all’uscita di 2K17 abbiamo aggiunto la possibilità di modificare anche le tendenze del giocatore. Con NBA 2K18 abbiamo perfezionato ulteriormente il sistema, che ora permette di cambiare facilmente la robustezza di tutte le parti del corpo e, soprattutto, tutti i cartellini e i loro livelli per ogni giocatore della lega.
Nuove città per il trasferimento
In 2K18 abbiamo aggiunto 10 nuove città in cui poter trasferire la squadra. Si tratta di Fort Worth (Texas), El Paso (Texas), Albuquerque (New Mexico), Tucson (Arizona), Fresno (California), Long Beach (California), Mesa (Arizona), Virginia Beach (Virginia), Colorado Springs (Colorado), and Raleigh (North Carolina). Considerando dimensioni del mercato, reddito metropolitano e copertura televisiva, molte di queste città presentano una sfida economica non indifferente per una squadra trasferita ne Il mio GM: Il nuovo capitolo. Sarete all’altezza della sfida?
Indicatori perfezionati ne Il mio GM
Come La mia LEGA, ora Il mio GM: Il nuovo capitolo offre una serie di nuove opzioni di personalizzazione e indicatori utilizzabili per regolare l’esperienza di gioco.
Considerazioni finali
Anche se ormai dovrei esserci abituato, resto sempre sorpreso dal supporto limitato che altri giochi sportivi forniscono alle loro modalità. Tempo fa ho giurato che NBA 2K non sarebbe mai regredita in quel modo.
Visti i risultati ottenuti da Dave, Tim, Barry, Leftos, Yu e Daniel (un applauso per loro) con le modalità di quest’anno, sono sempre più convinto che i nostri principi di innovazione, realismo e coinvolgimento siano non solo il percorso giusto, ma l’UNICO da seguire.
Noi di Visual Concepts abbiamo il massimo rispetto per la serie che produciamo. La società ci appoggia in pieno e crede fermamente nella nostra capacità di offrire esperienze innovative che, come detto, sono pensate per appassionare e intrattenere. Non per ultimi, anche voi fan ci avete fornito un sostegno INCREDIBILE nel corso degli anni.
Come detto l’anno scorso, per me è importante trasmettervi il nostro rispetto quando comprate il nostro prodotto. La vostra passione e il vostro entusiasmo sono la nostra energia. Non smettete mai di darci nuove idee o di farci sapere cosa vorreste che aggiungessimo al gioco.

Un Commento a “Tantissimi dettagli sulla modalità MyGM di NBA 2K18”

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.