Nintendo dovrà pagare 10 milioni di dollari per la violazione di un brevetto di Wii

Si è conclusa la causa che vedeva Nintendo e la compagnia iLife Technology coinvolte per la violazione di un brevetto relativo alla tecnologia motion tracking di Wii. Il tutto era iniziato nel Dicembre 2013 quando iLife Technology accusò la causa di Kyoto di aver violato ben sei brevetti. La richiesta di iLife Technology era di ricevere un rimborso di 4 dollari per ogni Wii e Wii U venduta in seguito alla causa legale; le 36 milioni di console avrebbero così portato la penale a 144 milioni di dollari. Ora che la causa si è conclusa, Nintendo è stata condannata a pagare 10 milioni di dollari.

4 Commenti a “Nintendo dovrà pagare 10 milioni di dollari per la violazione di un brevetto di Wii”

  1. andreaz on

    Ma come?di solito inventano tutto loro…….:asd:

    sono sempre dietro a pagare qualche compagnia esterna xchè si lamentano che Nintendo copia le loro esclusive

  2. Astro86 on

    il Motion Tracking però non è usato solo su wii ma anche su alcuni editing video come after effect di adobe… cosi giusto per informazione.

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.