Ni No Kuni II: Revenant Kingdom si mostra nel trailer dell’E3 2017

BANDAI NAMCO Entertainment Europe annuncia che Ni no Kuni II: REVENANT KINGDOM™ sarà disponibile dal 10 novembre 2017 per PlayStation®4 e PC (in Italia la versione retail dal 9 novembre). Sviluppato dal celebre studio di LEVEL-5 Inc., con la partecipazione dell’ex animatore di Studio Ghibli, Yoshiyuki Momose, e la musica composta da Joe Hisaishi, Ni no Kuni II: REVENANT KINGDOM è pronto a incantare i giocatori di tutto il mondo con un nuovo gioco di ruolo davvero epico.

Nel mondo di Ni no Kuni II: REVENANT KINGDOM, i giocatori si ritroveranno nel regno di Ding Dong Dell, dove gatti, topi e umani un tempo vivevano in pace e armonia. Ma dopo un violento colpo di stato, Evan, il giovane re di Ding Dong Dell, è stato scacciato dal suo regno.
Ni no Kuni II: REVENANT KINGDOM narra la storia di questo re destituito e del suo viaggio per ricostruire il suo regno e riunire il mondo intero.

A supportare Evan nella sua avventura ci saranno i tanti amici che incontrerà durante il suo cammino, tra cui Roland, un visitatore di un altro mondo, e Tani, la figlia del leader dei pirati celesti. Ma unendosi a Evan nella sua missione, i giocatori incontreranno molti altri personaggi, tra cui alcuni particolari fenomeni naturali chiamati Higgledies. Gli Higgledies forniranno un supporto molto prezioso durante i combattimenti, garantendo vantaggi sia offensivi che difensivi, aumentando il potere degli attacchi speciali e supportando i giocatori nell’affrontare i nemici. Aiuta Evan a combattere potenti mostri e affrontare dungeon pericolosi per completare la sua missione e riconquistare il suo trono!

Ni no Kuni II: REVENANT KINGDOM sarà disponibile dal 10 novembre 2017 per PlayStation®4 e PC (in Italia la versione retail dal 9 novembre).

5 Commenti a “Ni No Kuni II: Revenant Kingdom si mostra nel trailer dell’E3 2017”

  1. Macchiaiolo on

    Spero sia un po' più interessante del primo che, grafica esclusa, a livello di gameplay mi ha detto un po' pochino…

    Pensavo di essere l'unico.

    Questo mi solleva. Il primo Ni No Kuni a parte la componente artistica di prim'ordine (e direi graziealpiffero visto che hai scomodato lo Studio Ghibli), mi ha detto veramente poco.

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.