Il team di Detroit: Become Human al lavoro su un nuovo engine multipiattaforma

Con l’abbandono ai titoli esclusivi Playstation, Quantic Dream sta lavorando per prepararsi al passaggio multipiattaforma. David Cage, co-fondatore di Quantic Dream, in una recente intervista non ha svelato dettagli sul prossimo progetto della software house francese ma ha affermato che attualmente sta lavorando al nuovo engine:

“Sarà cross-plaform e ancora più impressionante di qualsiasi cosa abbiamo fatto sino ad ora. Continueremo a concentrarci su progetti ambiziosi e originali, costruendo su quel genere di cui siamo pionieri e che continueremo a far evolvere, ma vogliamo anche esplorare nuovi territori.”

Quantic Dream, lo studio dietro Heavy Rain e Detroit, non svilupperà più in esclusiva per Sony


Detroit, 2038. Androidi dalle sembianze umane hanno sostituito gli umani come forza lavoro. Non si stancano mai, sono sempre ubbidienti e non dicono mai di no... finché qualcosa non cambia. Alcuni di loro hanno iniziato a comportarsi in modo irrazionale, come se provassero emozioni... Ora, dovrai assumere il controllo di tre androidi alla ricerca della loro identità. Racconta la tua storia personale e affronta dilemmi in situazioni moralmente impegnative, in una trama ramificata in cui ogni scelta ha conseguenze. Le tue azioni e decisioni plasmano il destino degli androidi... e forse il futuro della città stessa. Dai creatori di Heavy Rain e BEYOND: Due Anime, un'esperienza epica e spettacolare come mai se ne sono viste.

Detroit: Become Human è un videogioco del genere , sviluppato da e pubblicato da per .

La data di uscita di Detroit: Become Human è il 25 maggio 2018 per Playstation 4.

2 Commenti a “Il team di Detroit: Become Human al lavoro su un nuovo engine multipiattaforma”

  1. stefano.pet on

    Impiegano bene (spero) i nuovi fondi, bravi. In questo genere la parte audio/video assume più importanza che in altri. Non che finora i loro giochi non siano stati impattanti sotto questo punto di vista, ma migliorarsi, anche in vista della prossima generazione di console sulla quale quasi certamente uscirà il loro prossimo gioco, fa sempre bene.

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.