Diversi problemi con lo sviluppo di Rime?

Dopo la notizia riguardante l’acquisizione dell’IP di Rime da parte di Tequila Works, arrivano alcune preoccupanti indiscrezioni riguardanti lo stato di sviluppo del videogioco. Una fonte anonima molto vicina allo studio ha infatti affermato su NeoGAF che il primo trailer non rispecchiava lo stile del progetto ma dopo l’accoglienza ricevuta il team si √® messo al lavoro per cercare di raggiungere quel risultato rendendosi conto poco dopo che si trattava di un obiettivo molto difficile da raggiungere.

“Rime oggi come oggi non ha una build e non esiste niente di concreto a riguardo se non filmati e concept. Per questo motivo Sony avrebbe richiesto indietro i kit di sviluppo e abbandonato il supporto economico a Tequila Works.”

Ma i problemi non sono finiti qui. La fonte anonima infatti rivela che ci sono problemi anche all’interno del team.

“Raul Rubio (producer del gioco, ndr) crede di essere il nuovo Tim Schafer e impone la sua visione a tutti gli altri membri del team. A dire il vero √® stato licenziato da MercurySteam per motivi che non posso rivelarvi ma posso dirvi che tutti ne parlano molto male di lui in quanto non conosce il mondo dei videogiochi e della tecnologia limitandosi a proporre idee folli e prive di senso. La moglie di Rubio √® diventata presidente dello studio ma non ha nessuna esperienza in merito.”

17 Commenti a “Diversi problemi con lo sviluppo di Rime?”

  1. glenkocco on

    che brutta cosa. al di la del gioco che sembrava interessante, la situazione è proprio brutta. peccato!

  2. MarkoDeeJay on

    Si ma questo non avrebbe neanche toccato i giocatori se Sony non avesse deciso di mostrare un gioco che di concreto ha solo filmati e concepts. In questo momento sono rabbioso con tutti, a partire dagli sviluppatori che hanno mostrato qualcosa che non avevano in mano, sino a finire a Sony che ha nonostante tutto deciso di mostrare il progetto per farsi il nome.

  3. Sid on

    Detta così, non capisco come si possa allora accusare Sony di aver mollato la situazione. Lo avrà presentato, ma se la sitauzione faceva schifo, ciao ciao e ci ha risparmiato una cagata. Non riesco ad accusarla di falsità.

  4. glenkocco on

    Tipico gioco presentato e che non esiste nemmeno :asd:

    questo (e Phantom Dust della ONE) √®  peggio perch√® oltre a non esistere, ci√≤ che hanno mostrato √® pure completamente diverso da quello che aveva in mente il team per il gioco :asd:

  5. Seba on

    questo (e Phantom Dust della ONE) √®  peggio perch√® oltre a non esistere, ci√≤ che hanno mostrato √® pure completamente diverso da quello che aveva in mente il team per il gioco :asd:

    Ottima memoria.

  6. Jill Sandwich on

    questo (e Phantom Dust della ONE) √®  peggio perch√® oltre a non esistere, ci√≤ che hanno mostrato √® pure completamente diverso da quello che aveva in mente il team per il gioco :asd:

    Perché non avviene già per molti giochi? :asd:

  7. glenkocco on

    Perché non avviene già per molti giochi? :asd:

    avviene che il trailer sia un video fatto ad hoc, quando magari lo sviluppo del gioco è solo nelle prime fasi o peggio non ancora iniziato. ma poi quello che vedi è quello che giochi (nel senso di sostanza, al netto di downgrade ecc, il gioco è quello).

    qui, invece, abbiamo un gioco (e appunto, è successo anche con Phantom Dust inq uesta gen) dove quello che hanno mostrato è pure una cosa inventata proprio come design, tipologia di gioco ecc :asd: in pratica dicono "facciamo un video a caso di un gioco a caso" :asd:

  8. glenkocco on

    Si ma questo non avrebbe neanche toccato i giocatori se Sony non avesse deciso di mostrare un gioco che di concreto ha solo filmati e concepts. In questo momento sono rabbioso con tutti, a partire dagli sviluppatori che hanno mostrato qualcosa che non avevano in mano, sino a finire a Sony che ha nonostante tutto deciso di mostrare il progetto per farsi il nome.

    di concreto non ha nulla se i filmati sono fake :asd: di concreto non c'è niente di niente. forse delle idee :asd: che concrete non sono

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.