Deep Down: Ono parla di DLC e microtransazioni

In una nota agli investitori Ono entra nel dettaglio del modello f2p del prossimo titolo Capcom

In una nota agli investitori pubblicata recentemente da Capcom Yoshinori Ono entra nel dettaglio del modello f2p previsto dalla compagnia.

Una cosa che stiamo facendo è combattere con le sfide presentate dall’hardware delle piattaforme di nuova generazione Per esempio nel gioco “Deep Down” che stiamo sviluppando per PlayStation 4 seguiamo un modello tipico dei giochi online.
Quando sviluppiamo un gioco online, puntiamo a creare un gioco che permetta alla gente che già sta giocando di continuare a divertirsi con esso. Allo stesso tempo cerchiamo di evitare che la base di utenti aumenti in maniera esponenziale solo per avere nuova gente che gioca al nostro gioco. “Deep Down” è distribuito gratuitamente all’utente ma è necessario che i giocatori paghino per oggetti aggiuntivi o altri contenuti di gioco. Per assicurarci che la gente non perda interesse nel gioco, continueremo a lavorare per offrire u nservizio stabile nel lungo termine.


Il modello di riferimento per i contenuti extra è quindi quello di tanti MMO che già possiamo trovare su pc, mentre la posizione di Capcom sui DLC punta ad evolversi in questo modo:

Speriamo di offrire una grande varietà di contenuti che siano in linea con quello che piace alle persone a prezzi ragionevoli. La cosa importante è non vedere i DLC come una forma di valore aggiunto, ma come un sistema che è pensato per esserci.


A proposito del problema DLC che ha sempre afflitto Capcom, soprattutto dei contenuti su disco da sbloccare:

Ci sono cose che sviluppiamo contemporaneamente e altre che creiamo dopo l’uscita del gioco. La cosa migliore da fare è seguire i trend nei giorni successivi l’uscita del gioco e far uscire dei DLC che rispecchino quei trend entro un mese.
Il problema arriva quando qualcosa che viene sviluppato da zero non rispecchia i bisogni della gente. Questo è il vantaggio dei DLC, ci danno l’opportunità di seguire i trend prima di fare una decisione.

In definitiva, i DLC sono un male necessario e sono qui per rimanere.
Deep Down, annunciato per Playstation 4 non ha ancora una data di uscita ufficiale.

si ringrazia RAMIREZ!doEverything! per la segnalazione


Deep Down è un videogioco del genere sviluppato da e pubblicato da per .

La data di uscita di Deep Down è il 31 dicembre 2030 per Playstation 4.

23 Commenti a “Deep Down: Ono parla di DLC e microtransazioni”

1 2
  1. fortitude on

    Peccato,era un gioco che seguivo e che poteva interessarmi; si sa che nei free to play se non si paga si hanno minime possibilità di arrivare alla fine ma io speravo che quella minima possibilità ci fosse anche qui ma,a quanto pare,mi sbagliavo… Probabilmente arriveremo ad un punto in cui dovremo affrontare qualche essere grande quanto l'Empire State Building con una fionda…

  2. glenkocco on

    Probabilmente arriveremo ad un punto in cui dovremo affrontare qualche essere grande quanto l'Empire State Building con una fionda…

    qualcosa mi ricorda Dark Souls :asd:

  3. fortitude on

    La differenza è che in Dark Souls,dopo ore di prove,con la fionda riesci a batterlo… :asd:

    Dalle parole di Capcom qui non lo batti neanche se avessi,in quell'epoca,un carro armato,è questo il problema…

1 2

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.