Destiny 2 – Beta - Hands-On

Avete atteso che ci esprimessimo sulla beta di Destiny 2, lanciata in anteprima per alcuni, e poi estesa per molti, e finalmente eccoci qui a parlarne.

Come al solito sapete come Console-Tribe significa schiettezza e sincerità, perciò approcciate questo hands-on accettando il fatto che vi sarà del buono e del cattivo.

Senza quindi tenervi sulle spine, cosa ne pensiamo di Destiny 2 beta? La risposta migliore che potremmo dare è “Mah”.

Da giocatori veterani del day 1, anzi day 0 se vogliamo includere l’esperienza maturata sin dalla primissima alpha, abbiamo affrontato interminabili ore nella campagna single player e nei vari crogiolo e assalti multiplayer, per ben tre espansioni, ogni volta facendo e rifacendo i raid, così da accaparrare più luce possibile e soprattutto beccarci del loot che sia degno di essere equipaggiato.

Le aspettative per il sequel ovviamente sono altissime, in particolare dopo l’ultima vagamente deludente espansione, che ci ha lasciato con un po’ di amaro in bocca. L’attacco alla Torre, che vede distrutta una zona sulla quale abbiamo trascorso centinaia di ore, ovviamente ci eccita e non fa altro che creare hype. Senza badare al fatto che finalmente è possibile esplorare l’area oltre la grande porta che comunica con il resto della città (anche se per brevissimo tempo)  mostrando finalmente qualche dettaglio in più sul mondo di gioco che non siano solo aree sperdute e nemici da affrontare.

Le due missioni single player della campagna finiscono quindi rapidamente, già attrezzati di tutto punto, con nuove armi ed armatura di livello leggendario, e possiamo così lanciarci in multiplayer. E qui finisce la gioia.

Iniziamo a parlare dell’assalto, che offre una buona visuale sul nuovo mondo di gioco. Rivedremo vecchi nemici soccombere sotto i nostri proiettili, ma soprattutto nuovi metodi di spostamento, quali dei portali concentrici che ci lanceranno a velocità in aria, seguendo un percorso invisibile comunicante con un altro a fine tragitto. Ottimo per connettere zone molto distanti tra loro, ma essenzialmente inutile ai fini del gameplay. Il totale dei giocatori per l’assalto sarà ancora tre, quindi nessuna modifica su questo fronte, ed in generale si gioca esattamente come un qualsiasi assalto abbiamo mai fatto fino ad ora.

Questa è infatti la critica più pesante fatta al gioco, che da l’impressione di essere un ottimo DLC aggiuntivo anziché un vero e proprio sequel.

Ma andiamo con calma e analizziamo i personaggi. Rivedremo sempre le solite classi Cacciatore, Titano, e Stregone, le quali avranno una nuova sottoclasse a testa con un sistema di progressione apparentemente identico ma con diversa interfaccia. Se avete provato voi stessi la beta, molto probabilmente avrete iniziato con la vostra classe preferita, e perciò avete forse notato un fattore interessante: i poteri si ricaricano moooolto lentamente. In aggiunta all’abilità bombe e corpo a corpo, vi è ora una terza, che cambia a seconda della classe, rifornendo riparo, o potenziando il danno, o ancora guarendo temporaneamente il team. Tuttavia ognuno di questi richiederà molto più tempo per ricaricarsi. In particolare le super sembrano proprio non voler arrivare, specie giocando nel crogiolo, dove l’hype precipita in quanto la sensazione è proprio quella che non sia cambiato niente. Anzi, durante la beta è persino sembrato estremamente sbilanciato, ma questo probabilmente per via del livello preimpostato dei giocatori, indipendentemente dalla loro bravura ed esperienza, cosa che ha comportato la creazione di team quasi messi insieme per soccombere all’avversario.

Facendo le somme, questo Destiny 2 è un fiasco? Assolutamente no.

Il commento finale di Console-Tribe vi lascerà forse sorpresi, in quanto a nostro parere non c’è ancora nulla da commentare. Questa beta è stata palesemente tagliata di contenuto e funzionalità, ed utilizzata appunto in quanto beta, più che come demo di gioco e delle sue potenzialità, e sfruttata quindi per testare i servers, l’accesso continuo alle aree comuni (vuote, in questo caso), ed il matchmaking.

Sostanzialmente potremmo dirci ottimo lavoro, abbiamo lavorato gratis per Bungie, senza aver in realtà visto cosa rende Destiny 2 unico. E quindi probabile che nei prossimi mesi vi saranno nuove rivelazioni, si spera in particolare nel multiplayer, dove un 4 vs 4 sembra ormai un’opzione troppo limitata, anche se la sensazione è che Bungie voglia provare a spingere sulla componente eSport (o comunque avvicinarsi in qualche modo) vista la presenza della nuova modalità Conto alla Rovescia che vede la presenza di una squadra d’attacco e una di difesa con tanto di round che fa invertire i ruoli. Un’aggiunta, quest’ultima, interessante che richiede un gran bel gioco di squadra per portare a casa la vittoria. 

Un nulla di fatto, quindi, se speravamo di saperne di più sul nuovo titolo di Bungie, tuttavia abbiamo fiducia in loro, specie considerando il passaggio da Halo ad Halo 2 che ha fatto tutto tranne che deludere, perciò non pensiamo che la situazione con Destiny sia tanto differente. Non ci resta quindi che aspettare e vedere come si evolve la situazione, invitandovi a condividere i vostri pareri e la vostra esperienza qui sul forum, così da capire se questa Beta è andata bene o si poteva fare di più.

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.