E3 2014 – Le aspettative della redazione - Articoli

L'E3 di Los Angeles, la fiera di videogiochi più importante al mondo, sta per cominciare. Poche ore ci separano da quella girandola di eventi, conferenze, demo e trailer di ogni tipo che è la fiera losangelina. Eppure... eppure Console-Tribe ancora sogna ad occhi aperti annunci spettacolari e dimostrazioni in pompa magna dei giochi che più interessano ai redattori.
Per questo - e forse anche per i colpi di sole che si è preso qualcuno di noi in questi giorni di afoso caldo - abbiamo deciso di stilare una lista di cose che a noi, avventurieri del gaming, piacerebbe vedere in questi giorni di grandi novità e conferme.
Ecco quindi cosa Console-Tribe si aspetta di vedere all'E3.

L’E3 di Los Angeles, la fiera di videogiochi più importante al mondo, sta per cominciare. Poche ore ci separano da quella girandola di eventi, conferenze, demo e trailer di ogni tipo che è la fiera losangelina. Eppure… eppure Console-Tribe ancora sogna ad occhi aperti annunci spettacolari e dimostrazioni in pompa magna dei giochi che più interessano ai redattori.
Per questo – e forse anche per i colpi di sole che si è preso qualcuno di noi in questi giorni di afoso caldo – abbiamo deciso di stilare una lista di cose che a noi, avventurieri del gaming, piacerebbe vedere in questi giorni di grandi novità e conferme.
Ecco quindi cosa Console-Tribe si aspetta di vedere all’E3.

Nadim attende: NO MAN’S SKY

L’uomo ha sempre desiderato viaggiare nello spazio. Esplorare pianeti sconosciuti, scoprire nuove forme di vita, ammirare paesaggi alieni. E forse No Man’s Sky potrebbe far realizzare questo sogno a tutti noi, virtualmente parlando. Per questo lo attendo con estrema curiosità. Perché sebbene non sia un titolo AAA, ma “soltanto” un prodottoindie, potrebbe possedere tutte le qualità per rivelarsi un giocone di quelli da paura: genera i pianeti che compongono il suo universo in modo procedurale ma intelligente, verte tanto sull’eplorazione quanto sui combattimenti spaziali, veste una grafica coloratissima e d’atmosfera e permette la collaborazione tra giocatori. Inoltre al momento non ci sono videogiochi epici ambientati nello spazio, per PlayStation 4No Man’s Sky potrebbe colmare quest’assenza con uno stile tutto suo. Infischiandosene di certe produzioni altisonanti che già hanno incassato un mucchio di soldi dall’utenza… *coff*Star Citizen*coff*
E chi lo sa? Magari un giorno lo si potrà giocare usando anche il promettentissimo visore Sony, il tanto chiaccherato Project Morpheus.

Quetzalcoatl attende: MIRROR’S EDGE

Dopo il primo capitolo, ottimo ma troppo breve, mi sarei aspettato di tornare nel mondo di Faith almeno un’altra volta per cercare di approfondire al meglio una trama che aveva molto altro da dire. I ragazzi di DICE hanno promesso e ritrattato più volte lo sviluppo fino a lasciar cadere tutto nell’oblio e dedicarsi alla saga di Battlefield, decisamente più fruttuosa, e al miglioramente del motore Frostbiteengine sempre lodato a destra e a manca.
Mirror’s Edge ritorna ufficialmente nel corso dell’E3 2013, dove si vede finalmente un breve video in real time. Tra le brutte notizie sappiamo già che l’autrice del primo capitolo non sarà coinvolta e che sarà quindi un reboot, al momento previsto per il 2016, tra le buone notizie l’utilizzo di un ambiente open world con elementi persistenti, un nuovo sistema di combattimento e, voglio sperare, l’abbandono di Asia Argento come doppiatrice.
La voglia di fare parkour è tanta, così tanta che potrebbe anche farmi comprare una console di nuova generazione.

MarkoDeeJay attende: GAME OF THRONES TOM CLANCY’S THE DIVISION

La notizia di Telltale Games della sua assenza all’E3, per quanto riguarda la trasposizione videoludica della serie tv record di ascolti, è stata una doccia fredda. Abbiamo parecchi titoli interessanti, un futuro videoludico che si prospetta roseo sotto ogni aspetto, e forse è anche per questo che l’attrazione verso i giochi un po’ più indie si fa sentire.
La curiosità è tutto, ma purtroppo per questo E3 toccherà dedicarci verso titoli magari più scontati, ma non di certo meno interessanti.
È per questo motivo che, a costo di sembrare banale, attendo The Division. Per questo E3 mi aspetto un nuovo video di gameplay, per saziare la mia bramosia di saperne di più su di un gioco che sembra portare la nuova generazione di console ad un livello superiore. Quel gradino di distacco tra i giochi del lancio e quelli ottimizzati per sfruttare al massimo il vero potenziale delle nostre macchine da gioco. Voglio quell’attenzione ai dettagli mostrata nel primo gameplay, quando lo sportello della macchina viene chiuso durante la copertura. Immagino che quello sportello abbia significato per me più di quanto, effettivamente, avrebbe dovuto fare, ma non importa.
Attenderò quindi con trepidante attesa la fatidica mezzanotte di oggi, per poter finalmente soddisfare il mio hype.

PulpGuy attende: QUANTUM BREAK (ed il nuovo HITMAN)

Poche speranze sulla possibilità di vedere il secondo già a questo E3, dato il rilascio di una sola immagine ufficiale. Comunque sia dopo il superbo Hitman: Absolution non posso che attendere come il pane quello che, a conti fatti, rimane uno degli ultimi esponenti di un genere in via di estinzione. Dita incrociate per il ritorno dell’Agente 47 dunque, sperando che porti con se lo stesso grado di innovazione del suo predecessore.
Di Quantum Break se n’è parlato tanto invece, è stata praticamente la prima esclusiva nominata al lancio di Xbox One ed il fatto che sia Remedy a svilupparlo ha, da subito, calamitato l’attenzione. Discutendo con gli altri redattori ci interrogavamo sul perchè, ogni volta, un titolo Remedy debba per forza scatenare un vespaio di rumorhype e speculazioni. A conti fatti è uno studio che, ad oggi, ha sfornato “solo” due ottimi giochi (Max Payne e Max Payne 2). Questo Quantum Break però sembra davvero interessante e soprattutto innovativo in termini di meccaniche di gameplay. Furbissima l’idea di ricacciare fuori Sam Lake.
Lascio fuori dalla mia wishlist The Division per eccesso di hype.

Macchiaiolo attende: qualcosa che risvegli il suo bambino interiore

Un altro E3 si avvicina e la speranza di vedere il gioco che mi faccia tornare a sorridere pieno di entusiasmo, pad alla mano lotta nuovamente con la consapevolezza della vanità del suo ardore. Da appassionato StarWarsiano un titolo della saga potrebbe risvegliarmi dal torpore estivo, magari qualcosa che ricordi le scorribande in cooperativa di Rogue Squadron o le lotte sofferte di SW Battlefront. Certo se vogliamo andare a scavare e trovare il sogno proibito ci sarebbe quello Star Fox che non è mai esistito, quello dove ricalcando il gameplay del sopracitato Rogue Squadron o delle battaglie spaziali del sempre sopracitato Battlefront sfruttasse l’ingombrante gamepad del Wii U come plancia di comando e permettesse battaglie epocali in compagnia di un numero adeguato di amici. In pratica stiamo parlando di sogni e come tali difficilmente scatenano un hype verso questa fiera sempre meno interessante (almeno per me), ma allo stesso tempo intrigante nei giorni precedenti, dove ogni giocatore spera di vedere il SUO gioco.

Jimmy attende(va): FINAL FANTASY XV & KINGDOM HEARTS 3

Sono i titoli Square-Enix più attesi degli ultimi anni, dei quali non si sono mai avute tantissime notizie eccetto l’anno scorso – quando vennero rilasciati alcuni trailer. In molti quindi si sarebbero aspettati nuove informazioni a questo E3, ma la società giapponese ha reso nota la sua intenzione di non portare nessuno di questi titoli alla fiera di quest’anno. La speranza è comunque quella di ricevere magari, o alla conferenza Microsoft o a quella Sony, anche piccolissime informazioni in merito a questi grandi progetti, ormai attesi da quasi dieci anni dai fan di tutto il mondo.

…quindi adesso attende: METAL GEAR SOLID V THE PHANTOM PAIN

Dopo il brevissimo ritorno di Big Boss, Kojima Productions sembra finalmente pronta a condividere con il resto del mondo nuove e più succose informazioni su Metal Gear Solid V: The Phantom Pain. Se Ground Zeroes doveva essere una sorta di “antipasto”, Kojima ha più volte ribadito che quello che troveremo dentro la seconda parte sarà ancora meglio di quanto si è già avuto modo di provare. E dai brevissimi video di gameplay che impazzano su internet, sembra proprio che The Phantom Pain riuscirà a garantire una fortissima esperienza stealth.

Cosa sarà l’E3 2014?

Inutile fare previsioni. All’arrivo di ogni nuovo E3 si può solo incrociare le dita e sperare che i tre giganti del settore (SonyMicrosoft e Nintendo) abbiano imparato dagli errori del passato e vogliano dare grande spettacolo sui loro palchi. Come? Con giochi. Tanti giochi. Troppi giochi. Che siano seguiti di serie amate o IP completamente nuove. Irumor, le voci di corridoio e le anticipazioni che abbiamo avuto negli scorsi giorni fanno ben sperare a riguardo. E tra poche ore scopriremo se l’attesa per questa fiera, attesa durata un anno, è valsa o no la nostra pazienza.
Noi di Console-Tribe, a costo di sembrare forse un po’ ingenui, nutriamo una grande speranza per l’E3 del 2014. E, come avete avuto modo di leggere qui sopra, attendiamo fiduciosi qualche bella sorpresa.
Voi, invece, cosa attendete?

Un Commento a “E3 2014 – Le aspettative della redazione”

Rispondi

Per rispondere devi entrare o registrarti.